La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Olio di palma e land grabbing in Africa: Bolloré di nuovo sotto accusa

La multinazionale francese, anche tramite società con sede in Lussemburgo, avrebbe contribuito all’accaparramento di terre e alla deforestazione per far posto a piantagioni di palma da olio o alberi della gomma. I casi di Camerun, Liberia e Sierra Leone. La denuncia di una rete internazionale di organizzazioni della società civile: “L’autoregolamentazione non funziona. Il diritto non deve rimanere uno strumento per i potenti del mondo” ...

Leggi tutto ...

Fiat-Chrysler: prima si vende, meglio è

In vista dell’arrivo sul mercato delle auto a guida autonoma, dell’abbandono del diesel e nel medio periodo della benzina, le case dell’auto cercano alleanze. FCA guarda alla Tesla ma la strategia d’investimenti per l’innovazione appare debole e nebulosa. Romano Prodi, questa volta almeno, ha avuto pienamente ragione quando, poco tempo fa, ha stigmatizzato da una parte la vendita della Magneti Marelli agli americani e dall’altra la distribuzione di una parte importante degli incassi dalla cessione agli azionisti ...

Leggi tutto ...

Le preoccupazioni ‘umanitarie’ aumentano le guerre, beneficiano solo i produttori di armi

A differenza delle aziende normali, quelle che producono e vendono armi ai propri governi per il loro successo dipendono virtualmente al 100% appunto dal proprio governo e dai suoi alleati militari; i loro mercati sono solo quei governi, non individui (come per le aziende normali). Di conseguenza, o i loro governi le controllano e le aziende non hanno effettivo controllo sui propri mercati, oppure sono esse a controllare il proprio governo, e così effettivamente i propri mercati ...

Leggi tutto ...

La Germania dubita

La frenata dell’economia tedesca dipende solo in parte dalla situazione congiunturale della guerra dei dazi Usa-Cina. Serpeggia in Germania un diffuso disagio e anche un fermento politico che mette in dubbio i dogmi dell’austerity. Coma ha sottolineato di recente, tra gli altri, anche il Financial Times (The Editorial Board, 2019), negli ultimi 15 anni la Germania è stata il motore della più o meno elevata crescita europea ...

Leggi tutto ...

Export armi 2019: dimezzate autorizzazioni, costante la vendita effettiva ...

Finalmente pubblica la Relazione al Parlamento prevista dalla legge 185/90: l’export militare italiano si attesta su 5,2 miliardi di € di autorizzazioni e 2,5 mld€ di trasferimenti definitivi nel corso dell’anno 2018. Oltre il 70% delle licenze singole finisce a Stati non EU e non NATO: ai vertici della classifica dei Paesi destinatari troviamo Qatar, Pakistan, Turchia, Emirati Arabi Uniti. Germania e Regno Unito ai vertici della classifica dei trasferimenti, ma anche Arabia Saudita, Qatar e Turchia ...

Leggi tutto ...

Come si piega la forza lavoro. Il caso Fiat-Fca

Le multinazionali sfruttano le differenze di regolamentazione dei Paesi per realizzare strategie di investimento e localizzazione della produzione. A farne le spese sono i lavoratori. Finché non è sparita dentro la nuova FCA nel 2014, la Fiat è stata considerata come una grande multinazionale sin dal suo nascere, come la grande multinazionale italiana. Ma in effetti la Fiat si può considerare come una vera multinazionale solo dagli anni ’50 in poi ...

Leggi tutto ...

L’asse del mondo si va spostando in silenzio

L’asse economico, politico, tecnologico, del globo si va spostando verso Oriente: negli ultimi anni sono i paesi emergenti a contribuire per circa i tre quarti alla crescita globale e così per i consumi. Viviamo in un’epoca che registra almeno tre grandissime trasformazioni: la prima riguarda la crisi ambientale, la seconda le grandi conseguenze portate dalle innovazioni tecnologiche, la terza, infine, il quasi repentino spostamento in atto degli equilibri di potere tra le grandi regioni del globo ...

Leggi tutto ...

Il debito? Un accordo tra gentiluomini

Il ministro delle Finanze argentino recentemente ha definito l’accordo raggiunto tra le compagnie monopolistiche e il governo, per congelare i prezzi di 60 prodotti del paniere di base per 6 mesi, “un gentlemen’s agreement”. C’è molto da ragionare su quell’”accordo tra gentiluomini”, una proposta patriarcale per “risolvere” la crisi. Intanto la disobbedienza finanziaria non smette di germogliare ...

Leggi tutto ...

Finanza e disastro climatico

Le banche sono contro il clima e determinano le migrazioni epocali forzate. Questo è l’incipit del grande spartito che dovremmo imparare, pena la dissoluzione del genere umano e del pianeta, per come lo conosciamo. Volete le prove? Il Gruppo intergovernativo sul clima Change (IPCC) ha pubblicato un rapporto che fa riflettere sui devastanti impatti che il nostro mondo dovrà affrontare con il riscaldamento climatico ...

Leggi tutto ...

La Germania e l’Europa: intervista a Achim Truger

Gli errori dell’Europa, una Germania con l’economia che rallenta e fatica a cambiare modello, il ritardo dell’Italia. Achim Truger è dall’aprile 2019 professore di finanza pubblica presso l’istituto di socio-economia dell’università di Duisburg-Essen ed è membro del consiglio di esperti economici del governo tedesco. Si occupa di politiche fiscali ed è stato un critico dell’austerità in Europa e dei limiti alla spesa pubblica in Germania ...

Leggi tutto ...