La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

L’Eni e la retorica della sostenibilità

Solo qualche giorno fa Legambiente ha meritoriamente diffuso il rapporto ENI/EMY of the planet con il sottotitolo Perché ENI ci riguarda e rischia di diventare sempre di più un nemico del pianeta. Nel rapporto di Legambiente – rilanciato dalla campagna Sbilanciamoci! – le critiche e le accuse all’ENI sono severe e circostanziate. L’ENI va nella direzione opposta rispetto a quella necessaria per il perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) ...

Leggi tutto ...

Ai confini dell’estrattivismo: il saccheggio del patrimonio spirituale

In Italia il tema dell’estrattivismo è stato presentato (tra gli altri) dal giornalista Raul Zibechi in un libro pubblicato nel 2016: “La nuova corsa all’oro. Società estrattiviste e rapina”. Nel presentarlo il curatore Aldo Zanchetta descrive l’estrattivismo come quel «processo che coinvolge grandi interessi privati, nazionali ed esteri, lo Stato e la finanza nelle sue varie articolazioni per accaparrar[si] le risorse presenti sui territori contro gli interessi delle comunità locali ...

Leggi tutto ...

Regolamento beni comuni di Torino: l'innovazione è un'altra cosa

Anche il Comune di Torino si appresta a deliberare un proprio regolamento dei beni comuni, strumento giuridico tramite il quale i cittadini possono interagire con beni di proprietà dell'ente che quest'ultimo ritiene di affidre loro per la relativa gestione. Il modello elaborato dal Comune di Torino risente ancora fortemente della scarsa acquisizione culturale, politica e istituzionale dell’assunto di partenza che i beni comuni sono l’opposto della proprietà, sia essa pubblica o privata ...

Leggi tutto ...

Clima, capitalismo e apparato militare

Attribuire il cambiamento climatico al capitalismo non fa certo parte del sentire comune, ma affermarlo non è più un tabù. Naomi Klein, scrittrice e attivista canadese, ha contribuito a diffondere questa idea, che ora viene espressa anche in ambiti più insoliti. Nell’agosto 2018 un gruppo di scienziati finlandesi, incaricati dal Segretario Generale delle NU, ha dichiarato che l’attuale sistema economico non è in grado di far fronte alle molteplici crisi sociali ed ecologiche ...

Leggi tutto ...

Alitalia: un salvataggio dall’esito molto incerto

Una improbabile compagine azionaria dovrebbe nuovamente salvare l’Alitalia, tra concorrenti interni come Fs, esteri su tratte lunghe come Delta e Atlantia, sotto il ricatto della concessione autostradale. Probabilmente sarebbe più “sano” privilegiare il piano Lufthansa e affrontare le ricadute occupazionali. La lunga e non brillante storia della nostra cosiddetta compagnia di bandiera si è arricchita negli ultimi tempi di un nuovo capitolo ...

Leggi tutto ...

Il prezzo delle energie zombie

Il 40% dell’energia elettrica mondiale proviene da centrali a carbone mentre acqua, sole e vento contribuiscono solo per il 25%. Perché? Perché i combustibili fossili continuano a godere di condizioni di favore: sovvenzioni alla produzione, garanzie sui prestiti bancari, assicurazioni sulle vendite all’estero, esenzioni fiscali. Ma la distorsione più ampia è rappresentata dalla possibilità di calcolare i prezzi dei combustibili fossili senza tenere conto dei costi umani, sociali, ambientali ...

Leggi tutto ...

I costi del cambiamento climatico

Il riconoscimento quasi universale della minaccia del riscaldamento globale causato dagli esseri umani, tragicamente, non è stato accompagnato da una valutazione quantitativa esauriente delle possibili alternative tecnologiche dirette alla mitigazione del cambiamento climatico. David W. Keith e altri coautori descrivono un procedimento diretto a catturare l’anidride carbonica nell’atmosfera e forniscono una stima empirica dei costi di cui si sentiva molto il bisogno ...

Leggi tutto ...

Olimpiadi, c’è poco da festeggiare

La Storia ci racconta di come grandi eventi, come Olimpiadi e Mondiali, siano diventati albero della cuccagna per cricche di ogni tipo. E hanno distrutto le finanze pubbliche. Dirette televisive, giubilo a reti e prime pagine unificate, esultanze sfrenate ovunque. Uno straniero distratto davanti a tutto questo penserebbe che lunedì 24 giugno sia accaduto qualcosa di epocale. Tipo l’inizio di una nuova età dell’oro, l’uscita dalla più grande epidemia della storia ...

Leggi tutto ...

Libra, Trump, Facebook e il resto

Zuckerberg e soci vogliono lanciare la loro moneta elettronica nel 2020 facilitando scambi online e accesso al credito. In Cina Alibaba e Tencent da anni forniscono servizi simili, ma per il gigante Libra si dovrà aspettare: non si può autorizzare una rete di pagamenti internazionale privata senza contrappesi. L’annuncio fatto recentemente da parte di Facebook, insieme ad un certo numero di altri soci quasi tutti statunitensi ...

Leggi tutto ...

Sui salvataggi bancari in Italia e il debito pubblico

Pubblichiamo qui uno studio che analizza le operazioni di salvataggio (pubblico e privato) delle banche italiane dal 2009 a oggi. Alla fine dello studio troverete una tabella con il saldo dei salvataggi pubblici aggiornato al maggio 2019, che si attesta a 13,5 miliardi di euro. Una versione corta dello studio verrà pubblicata nelle prossime settimane ...

Leggi tutto ...