Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Lottare per un commercio equo

La settimana scorsa si è svolta a Rio de Janeiro la  Conferenza generale del Commercio equo e solidale (Wfto), un importante momento di confronto per l’intero movimento. Centinaia di delegati da più di settanta stati si sono ritrovati per  confrontarsi, con l’obiettivo di coordinare e promuovere al meglio le attività delle loro organizzazioni. Riportiamo la Dichiarazione finale della Conferenza ...

Leggi tutto ...

Decrescita?

Tra ambiguità e critiche, il termine decrescita ha il merito di attaccare la «mega-macchina» capitalista in quanto ideologia irrealistica basata sull’infinita crescita del Pil, sul petrolio e sulla propaganda pubblicitaria. Gli obiettori di crescita non combattono il senso metafisico della crescita, ma propongono e sperimentano una rabbiosa intensificazione dell’auto-realizzazione della vita di tutti. La vita, dicono, non può essere determinata dalle leggi di mercato ...

Leggi tutto ...

Un franchising per l’autogestione

Come si è fatto nella due giorni (1 e 2 giugno, foto in alto) di presentazione del progetto, dove si sono incontrate le esperienze in prima linea del nuovo movimento 2.0. Scup, la Ri-Maflow in diretta da Trezzano, l’Ex Colorificio Liberato di Pisa, Almaviva e molti altri. Esperienze diverse che parlano di un netto cambio di marcia su come affrontare la crisi. Non c’è tempo di aspettare i 63 anni paventati dalla Cgil per ricreare lavoro ...

Leggi tutto ...

Sfinaziamoli, monete complementari

Ropis, Eco-Iris, Epis o Valeureux: le valute complementari sono un tenativo per rimettere al centro l’autorganizzazione dei cittadini di un territorio e per promuove nuovi stili di vita invece del Pil. Pur tra limiti, differenze e contraddizioni, nel mondo ci sono circa 5.000 monete locali, senza considerare Sel (Systèmes d’Echange Locaux) e banche del temmpo che contabilizzando gli scambi attraverso unità basate sul tempo ...

Leggi tutto ...

Nuove reti di benvivere

Abbiamo bisogno di allenamento per osservare come accanto alle macerie della crisi del capitalismo modi diversi e reti di benvivere si moltiplicano ovunque. Per dare forza ogni giorno di più a questi modi e a queste reti è utile puntare su ciò che li caratterizza, «il capitale delle relazioni», attraverso piccoli passi in grado di convivere con limiti e contraddizioni. Stiamo attraversando un periodo difficile, la grande transizione è appena cominciata ...

Leggi tutto ...

Apartheid globale o mondializzazione?

Non esiste un conflitto tra economia e finanza, ma tra due progetti di società. Uno di «apartheid globale», basato su produzione e consumi per un quinto dell’umanità e incentrato sull’high-tech e sull’industria militare necessaria per il controllo delle materie prime. L’altro di «mondializzazione», policentrico, basato su economie territoriali in rete mediante processi di cooperazione, con programmi di demonetizzazione dei rapporti di produzione, scambio e consumo ...

Leggi tutto ...

Impariamo dai paesi baschi!

Intorno al 1950 Padre José María Arizmendiarrieta, il parroco di paese di Mondragòn, nella regione basca della Spagna, si fece promotore dello sviluppo di una serie di industrie possedute in forma cooperativa per impiegare giovani nella sua parrocchia. La sua idea era che, se i lavoratori erano essi stessi i proprietari, il benessere creato da nuove industrie si sarebbe distribuito fra i lavoratori ed in maniera più ampia a tutta la comunità che li alimentava e li sosteneva ...

Leggi tutto ...

Tre giorni per "liberare" 235 miliardi

Cassa depositi e prestiti gestisce il risparmio postale dei cittadini italiani: una massa di denaro oggi impiegata (anche) in operazioni dal dubbio interesse generale, come la realizzazione di un'autostrada o l'acquisto della rete in rame di Telecom. Il "Forum per una Nuova Finanza pubblica e sociale" chiede la ripubblicizzazione di Cdp, oggi partecipata dalle fondazioni bancarie. L'esordio in piazza del "Forum per una Nuova Finanza pubblica e sociale", da giovedì 16 a sabato 18 maggio ...

Leggi tutto ...

Valsusa, cambiare strada è possibile e conviene

Secondo la Corte dei conti francese i costi della Tav sono lievitati da 8,5 mld a 26 e i lavori non sono ancora iniziati. Soldi che si potrebbero spendere per riammodernare la linea attuale. Il difficile dibattito in corso sul bilancio comunitario 2014/2020 e l’ancora più difficile crisi che attanaglia l’Italia (e non solo) rendono urgente uscire dall’innamoramento nazionale per autostrade e tunnel faraonici, come quello della Valsusa ...

Leggi tutto ...

Contributo della Campagna ZeroZeroCinque alla consultazione del MEF

Si riporta qui di seguito il contributo della Campagna ZeroZeroCinque in risposta alla consultazione pubblica del Ministero dell’Economia e delle Finanze sulla proposta di direttiva della Commissione Europea COM(2013)71 per l’introduzione di un’Imposta sulle Transazioni Finanziarie (ITF). Il contributo evidenzia gli aspetti positivi della proposta di direttiva e suggerisce alcune modifiche e integrazioni per rendere maggiormente efficace l'applicazione dell'imposta ...

Leggi tutto ...

Il futuro non ha prezzo

Terra futura è uno degli spazi europei con le carte in regola per mettere in discussione in modo approfondito ed efficace l’assioma sulla mancanza di alternative. Per dieci anni ha presentato «esperienze e soluzioni di conversione ecologica dell’economia e della società nella consapevolezza che gli impulsi essenziali» per le nuove forme della produzione e della distribuzione, del consumo e dello smaltimento dei rifiuti, dovranno «arrivare dal basso». Per approfondire il discorso, abbiamo rivolto alcune domande ad Andrea Baranes ...

Leggi tutto ...

Relazione 2011-2012 di Finance Watch

Siamo orgogliosi di condividere con voi la nostra prima relazione annuale, che copre 18 mesi pieni di attività dal nostro lancio nel giugno 2011 fino a dicembre 2012 ...

Leggi tutto ...

Decalogo ecologico postcrisi

Quali dovrebbero essere le priorità per una transizione ecologica, sociale, democratica ed etica verso altri mondi possibili? Una breve introduzione su ciò che è la crisi ecologica la trovate QUI, di seguito invece propongo un decalogo di azioni per la grande trasformazione ecologica. Noi in modo propositivo, tessiamo reti crescenti di resistenza creativa ...

Leggi tutto ...

Gas, tutta un'altra vita

Lo sviluppo lombardo della rete dei gruppi di acquisto solidale, le caratteristiche del "gasista" medio, la spesa e i criteri di selezione di prodotti e produttori. I risultati della ricerca “Dentro il capitale delle relazioni”, condotta da Francesca Forno (che per Ae ha scritto "La spesa a pizzo zero") e Silvia Salvi per conto dell’Osservatorio Cores e dell’Università di Bergamo in collaborazione con il Tavolo nazionale Res ...

Leggi tutto ...

DROPIS. Baratto e mercato sociale per far fronte alla crisi

“Crediamo che la povertà non sia definita dalla mancanza di denaro, ma dall'incapacità di essere utili agli altri. Quando il denaro manca, si possono usare mezzi alternativi". Abbiamo incontrato i ragazzi di Dropis, iniziativa nata per facilitare l’incontro diretto tra le persone, tra chi ha capacità produttive e chi ha esigenza di consumo ...

Leggi tutto ...

Un forum per una finanza pubblica e sociale

A Firenze il 13 Aprile 2013 ho partecipato alla fondazione del “Forum per una finanza pubblica e sociale“. L’obiettivo dichiarato è lavorare in tutto il Paese affinché la finanza pubblica torni ad essere al servizio dei bisogni dei Cittadini e delle Cittadine e non una mera leva speculativa per i poteri economici. E’ stata un’assemblea partecipata da realtà provenienti da tutta Italia, e promossa dal Forum della Campagna “Acqua bene comune”, da ATTAC Italia e dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo ...

Leggi tutto ...

Microazioni e grandi strategie

Le azioni di cambiamento individuale e locale, come andare in bici e acquistare prodotti a chilometro zero, sono davvero utili? Di certo possono aiutare a ridurre i consumi, ma è difficile che si trasformino in danni irreparabili per la megamacchina, perché dietro ogni azione si intrecciano problemi etici, politici e psicologici. E perché il sistema è sempre pronto a reagire, come ha dimostrato con l’invenzione della green economy ...

Leggi tutto ...

La Tobin Tax è il primo passo per curare la finanza malata

La crisi di Cipro conferma la fragilità della finanza internazionale e del crescere illimitatamente. Bisogna abbandonare la teoria del "troppo grande per fallire" e sviluppare una finanza "umana". La tassa sulle transazioni finanziarie può mettere ordine nella scala dei valori. La finanza internazionale è sempre stata un colosso con i piedi d’argilla. Lo è per via del principio del moltiplicatore dei depositi, che ...

Leggi tutto ...

Reddito minimo garantito, la campagna va in Parlamento

Il reddito minimo garantito "ha lo scopo di contrastare la marginalità, garantire la dignità della persona e favorire la cittadinanza, attraverso l’inclusione sociale  per gli inoccupati, i disoccupati e i lavoratori precariamente occupati" spiegano i promotori della legge d'iniziativa popolare per un Reddito minimo garantito, che lunedì 15 aprile hanno dato appuntamento a Montecitorio per consegnare al Parlamento le oltre 50mila firme raccolte in calce al testo ...

Leggi tutto ...

Non è più tempo di giocare in difesa

Hanno fatto di tutto per portarci sul baratro e ora ci dicono che dobbiamo pure accelerare. Poi hanno sostituito il Pil con lo Spread, perché l’unico obiettivo è compiacere ai mercati finanziari. Tuttavia, i signori della finanza ipertrofica non avevano previsto che gruppi di cittadini potessero cominciare a ragionare di beni comuni, meno ancora che i cittadini cominciassero a decidere della propria vita. Teorie e pratiche, giorno dopo giorno mostrano una società diversa ...

Leggi tutto ...

Paradisi ed equità fiscali: l'impegno della campagna Zerozerocinque

Nel momento in cui sta per abbattersi sul nostro paese il ciclone di una nuova patrimoniale mascherata (la Tares) che assieme ad Imu, Irpef ed Ires gli italiani onesti saranno chiamati a pagare tra maggio e settembre caricandosi sulle spalle anche il peso degli evasori, le liste degli italiani con patrimoni nei paradisi fiscali uscite in questi giorni sui giornali sono particolarmente insopportabili all’opinione pubblica. Evasione ed elusione sono una piaga non solo del nostro paese ma mondiale ...

Leggi tutto ...

Al loro monopoli ci prendiamo la cassa

La Cassa Depositi e Prestiti è in tour nelle città italiane per proporsi agli enti locali come partner per la svendita (“valorizzazione”) degli immobili comunali, mentre attraverso il Fondo Strategico Italiano, propone, sempre agli stessi il Volano Utilities ovvero il supporto finanziario ai processi di fusione e privatizzazione dei servizi pubblici locali. Nella tappa romana di mercoledì 27, ha tuttavia dovuto confrontarsi con gli attivisti dei movimenti di base ...

Leggi tutto ...

Le armi sono una merce, da maneggiare con cura

Le Nazioni Uniti hanno approvato il Trattato sul commercio di armamenti: un passo importante per tutte quelle associazioni che, a livello internazionale, da dieci anni si battono regolamentare i trasferimenti di armamenti. L'approvazione del Trattato sul commercio di armamenti arriva dopo un lungo percorso, e solamento grazie a una forte pressione internazionale ...

Leggi tutto ...

Controllo armi: trattato debole

Dopo il fallimento delle due Conferenze (luglio 2012 e marzo 2013) basate sulla regola del consensus (approvazione all’unanimità), l’Arms Trade Treaty è stato finalmente approvato dopo essere stato portato all’Assemblea generale dell’Onu, dove, con la maggioranza di ben oltre i due terzi prevista per l’approvazione, 153 paesi hanno votato a favore, mentre 23 (tra cui Arabia Saudita, Cina, Cuba, India, Indonesia, Kuwait, Russia) si sono astenuti e 3 (Corea del Nord, Iran e Siria) hanno votato contro ...

Leggi tutto ...

Torniamo dal futuro, dove abbiamo visto la fine del capitalismo

In tre libri il pensiero di Gustavo Esteva, intellettuale messicano vicino ad Ivan Illich. Dal 4 al 14 aprile attraversa l'Italia, per parlare dell'insurrezione dei movimenti che cambiano il mondo, dell'Università della terra e del valore del cibo e l'esigenza di una nuova agricoltura. Intellettuale deprofessionalizzato, fra i più convinti continuatori del pensiero di Ivan Illich, di cui fu amico e collaboratore, con una ricca esperienza di lotta ...

Leggi tutto ...

La grande trasformazione

La green economy non è conversione ecologica ma compravendita dei beni comuni. Il cambiamento in corso passa per altre strade e sarà un conflitto lungo e aspro. Di sicuro crescita e sviluppo sono ormai ritornelli privi di senso perché la crisi ambientale sbarra la strada a ogni espansione economica che non sia anche e soprattutto devastazione. La si chiami decrescita, conversione ecologica, giustizia sociale e ambientale o economia dei beni comuni ...

Leggi tutto ...

Occhi aperti su Cassa depositi e prestiti

Il forum Per una nuova finanza pubblica e sociale si presenta con un'azione davanti alla sede di Cdp, a Roma: tre le richieste presentate al vertice della società, contrallata dal ministero del Tesoro e partecipata dalle fondazioni bancarie. Il 17 aprile l'assemblea dei soci di Cdp. La sede di Cassa depositi e prestiti in via Goito a Roma è -oggi come oggi- uno dei palazzi più importanti della Repubblica. A fine 2012 la società, che gestisce circa 230 miliardi di risparmi postali dei cittadini italiani ...

Leggi tutto ...

Il telecomando dei droni

La base siciliana di Niscemi scelta per ospitare il sistema di telecomunicazioni che la US Navy utilizzerà per guidare gli aerei senza pilota. Il 30 marzo a Niscemi, pacifica manifestazione nazionale promossa dal movimento che si oppone all'intervento. Anche piazzare in un campo due antenne alte 149 metri e tre grandi parabole dal diametro di oltre 18 metri significa militarizzare un territorio. Succede quando a issarle è l’US Navy ...

Leggi tutto ...

L'accordo per Cipro dovrebbe servire da modello per le future crisi bancarie

L'accordo di Cipro dovrebbe servire da modello per le future crisi bancarie, ha dichiarato l'associazione di pubblico interesse Finance Watch mercoledì. "Siamo d'accordo con il commento di Dijsselbloems che 'dove si prendono dei rischi, si deve fare i conti con loro'. Ci auguriamo che le decisioni prese nell'accordo bancario di Cipro si riflettano nel progetto di legge europea Bank Recovery and Resolution (BRR) e diventino la regola per la gestione delle crisi bancarie in Europa" ...

Leggi tutto ...

Le proposte per le banche di Cipro sottolineano l'urgenza delle riforme per creare un sistema bancario sostenibile

L'associazione di interesse pubblico Finance Watch, che ha pubblicato un rapporto sulle proposte dell'Unione europea di Gestione di crisi bancarie, ha detto oggi che gli eventi a Cipro sottolineano l'urgente necessità di riforme per creare un sistema bancario più sostenibile. "Far pagare i cittadini comuni per gli errori degli esperti della finanza e violare lo spirito, se non la lettera, del regolamento di tutela dei depositi bancari non è per i leader europei il modo di risolvere una crisi finanziaria." ...

Leggi tutto ...

Dove va la cosa giusta?

Forse conviene fermarsi un attimo e parlare di noi, noi che è un poco di più, molto di più, di finansol.it, ma ha lo stesso dna, gli stessi occhi, lo stesso sguardo, la stessa direzione forse, però, sembra, non gli stessi modi per arrivarci. Anche in rete qualche sussulto sta già emergendo, qualche domanda si fa avanti. E noi è proprio a queste domande, anche nostre, che vogliamo dare cittadinanza, per elaborare risposte. Dove sta andando “Fa la Cosa Giusta”? ...

Leggi tutto ...

Il parlamento europeo boccia il bilancio Ue

L'europarlamento ha detto no al bilancio pluriennale su cui i paesi membri si erano accordati. Forse i cambiamenti saranno minimi, ma l'unica istituzione europea eletta dai cittadini ha mandato ai governi un segnale importante. Così è avvenuto ciò alcuni si auguravano, ma non osavano del tutto sperare. Il parlamento europeo, la massima ed unica istituzione europea eletta direttamente dai cittadini dell’Europa, ha bocciato la proposta di bilancio pluriennale ...

Leggi tutto ...

Microdanisma ci prova a Reggio Calabria

Microdànisma, organizzazione per la promozione della Finanza Etica e Solidale, insieme a Banca Popolare Etica, Itineraria Compagnia Teatrale, Git Calabria di Banca Popolare Etica, e con la collaborazione della Comunità P.P. Gesuiti di Reggio Calabria, la Fondazione Horcynus Orca, Fisac Cgil, l’Istituto di Formazione Politico Sociale Mons. Lanza, e Flc Cgil organizza Dalla Finanza Speculativa all’Uso Sociale del Denaro ...

Leggi tutto ...

...occupiamoci di lavoro, alla Ri-Maflow

La Maflow di Trezzano sul Naviglio, in provincia di Milano, potrebbe rinascere in una cooperativa di ex dipendenti. Sabato 16 marzo, ospiterà la seconda assemblea nazionale “Per una nuova finanza pubblica e sociale”, quella che potrebbe dar credito pubblico e indirizzato a imprese di utilità sociale e pubblica. La fabbrica chiude, la dirigenza evapora, i proprietari dell’area industriale -una banca- indicano la porta mentre gli ammortizzatori sociali si squagliano ...

Leggi tutto ...

Se i conti familiari non tornano

La crisi astratta si manifesta in concreto nelle bollette troppo alte, negli estratti conti bancari con spese che non si comprendono, nei mutui eccessivamente onerosi. Come ridurre queste spese? Duranti gli incontri si trarrà spunto da esempi come questi per costruire insieme ai partecipanti un bilancio familiare (o individuale, ovviamente) che cerchi di far corrispondere le risorse con le esigenze e i bisogni ...

Leggi tutto ...

L'onda lunga dell'acqua bene comune

Torino è sulla strada della ri-pubblicizzazione, grazie a una delibera d'iniziativa popolare. A Piacenza, invece, i sindaci sono chiamati a decidere se seguire, o meno, l'esempio di Reggio Emilia (vedi Ae 146). A Roma -in vista delle amministrative di maggio- si discute la proposta di ripubblicizzazione di Acea Ato 2 avanzata del Crap. E il 9 marzo un convegno nazionale a Forlì. Grazie ad una deliberazione di iniziativa popolare, la Smat SpA, la società che gestisce l’acquedotto torinese, potrebbe diventare una società speciale consortile ...

Leggi tutto ...

Un appello-manifesto per la democrazia economica

Le cose da fare per introdurre la democrazia nell'economia: gestione comunitaria dei beni comuni, controllo e cogestione dei servizi pubblici, partecipazione dei lavoratori alle scelte sulle strategie d'impresa. Intendiamo rivolgere a tutte le forze politiche di sinistra e democratiche, alle organizzazioni sindacali, agli intellettuali, ai lavoratori e a tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti del lavoro e della democrazia in Italia, un appello per introdurre la democrazia nell'economia ...

Leggi tutto ...

FINALMENTE SI PARTE! ... ma con la "manomorta" della finanza sempre in agguato

Il primo marzo 2013 è sicuramente una data importante per la Campagna 005 che vedrà finalmente versare nelle casse dello Stato i primissimi contributi del settore finanziario alle cure post-crisi, grazie alla prima applicazione della TTF in Italia, introdotta dalla Legge n. 228 del 24.12.2012. Lo scorso 21 febbraio è stato peraltro licenziato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze il testo definitivo del decreto attuativo della TTF ...

Leggi tutto ...

La ribellione del «noi»

Non sappiamo se sia nata una nuova civiltà dello stare insieme, come sostiene l’autore di «L’egoismo è finito». Di sicuro si moltiplicano i tentativi per ricomporre le relazioni tra persone e per ripensare la vita nelle città. La cultura della proprietà e del consumo individuale rischia di perdere il suo primato. Mutuo soccorso e cooperazione guidano sempre più spesso i comportamenti di persone e reti ...

Leggi tutto ...

Non sappiamo se sia nata una nuova civiltà dello stare insieme, come sostiene l’autore di «L’egoismo è finito». Di sicuro si moltiplicano i tentativi per ricomporre le relazioni tra persone e per ripensare la vita nelle città. La cultura della proprietà e del consumo individuale rischia di perdere il suo primato. Mutuo soccorso e cooperazione guidano sempre più spesso i comportamenti di persone e reti

Vio.me, la prima fabbrica greca recuperata

Gli operai che non hanno abbandonato lo stabilimento, dopo il fallimento della proprietà, oggi riavviano le macchine con l'obiettivo di spostare in parte la produzione dai materiali per l'edilizia ai detersivi ecologici. I prodotti biologici e la filiera corta incontrano sempre più attenzione nel Paese. Salonicco appare una città assorbita nella sua tranquilla quotidianità. Una vera delusione per i numerosi giornalisti che da mesi accorrono a caccia di una povertà dilagante, diffusa e visibile ...

Leggi tutto ...