Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Siamo la natura che si ribella

Una grande Marcia Popolare, colorata e suonata. Ancora una volta la Valle che Resiste ha dato una dimostrazione che il movimento No Tav si rigenera e cresce ogni giorno, malgrado la repressione a ogni livello, la militarizzazione del territorio, la pandemia e ogni altro elemento avverso a un esercizio di libertà che significa troppo per la Val di Susa e per ogni altro territorio che non si piega alla devastazione sociale e ambientale. Così, tra le ventimila persone che sabato 12 giugno ...

Leggi tutto ...

Azzorre, Portogallo, Europa

Sarebbero state le 22:10:15 del 10 giugno quando, tra le nebbie dell’alba europea, dalla coffa de La Montaña si riusciva ad intravedere la montagna sorella, Cabeço Gordo, sull’isola di Faial nell’arcipelago delle Azzorre, regione autonoma della geografia chiamata Portogallo, in Europa. In lontananza, ad oriente, le colonne d’Ercole – che un tempo erano il limite del mondo conosciuto – guardavano stupite una montagna che arriva da occidente. Il grande viaggio per mare a ritroso è concluso, comincia il tempo dell’incontro tra le ribellioni ...

Leggi tutto ...

Un mese per ripensarci, e ricordare la nostra umanità

Un mese per comprendere ancora meglio il devastante impatto umanitario delle armi nucleari. Un mese per attivarsi a favore del percorso di disarmo nucleare previsto dal Trattato TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons) votato all’ONU nel luglio del 2017. Un mese per coinvolgere anche l’Italia nei passi necessari a mettere fuori dalla storia le armi più distruttive mai costruite, incompatibili con la stessa presenza sul pianeta dell’umanità. Sono questi gli obiettivi ...

Leggi tutto ...

Il futuro per l’acqua è ora

Per comprendere la straordinarietà di quanto avvenuto con il referendum del giugno 2011 si deve far riferimento al fatto che si è parlata una lingua in grado di far sentire le persone protagoniste di questa battaglia, ognunə a modo suo, il frutto di un lungo percorso fatto di relazioni umane e politiche. Dieci anni fa si è riuscito ad imporre il tema dell’acqua bene comune nell’agenda politica del Paese e a far emergere una maggioranza culturale abbattendo l’ideologia del “mercato è bello” ...

Leggi tutto ...

Manifestazione nazionale “Beni comuni, acqua e nucleare: indietro non si torna!”

10 anni fa una coalizione ampia e determinata ha sancito una vittoria storica nel nostro Paese: con 27 milioni di Sì ai referendum su acqua, servizi pubblici e nucleare abbiamo costretto ad un passo indietro chi per decenni ha imposto privatizzazioni e estrattivismo. 10 anni dopo, in piena pandemia, quella vittoria basata sulla difesa dei beni comuni e sull’affermazione dei diritti di tuttə sui profitti di pochi, ha un significato ancora più attuale ...

Leggi tutto ...

E' il momento di discutere la Legge sulla Difesa civile non armata e nonviolenta

In occasione della Festa della Repubblica, e della sua Costituzione che ripudia la guerra, le cinque Reti promotrici di “Un’altra difesa è possibile” (Rete italiana Pace e Disarmo, Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale per il Servizio Civile, Tavolo Interventi Civili di Pace, Sbilanciamoci!) rilanciano la mobilitazione con una richiesta diretta a Camera e Senato: si avvii la discussione parlamentare nelle Commissioni competenti ...

Leggi tutto ...

Sbilanciamoci! in audizione parlamentare sul “decreto Sostegni”

Lo scorso venerdì 28 maggio la Campagna Sbilanciamoci! ha svolto un’audizione sul “decreto Sostegni” presso la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati. Il Governo e il Parlamento dal mese di marzo del 2020 hanno messo in campo misure poderose, come quelle di molti altri Paesi europei. Questo nuovo decreto è sicuramente indispensabile per aiutare categorie professionali più esposte, i settori economici che si trovano in una situazione assai critica. Vogliamo soffermarci in questa audizione solo su tre punti ...

Leggi tutto ...

Sentenza storica in Olanda: Shell dovrà tagliare le emissioni del 45% entro il 2030

Il tribunale dell’Aia ha accolto il ricorso presentato da oltre 17mila cittadini olandesi contro la multinazionale, tenuta a rispettare l’Accordo di Parigi sul clima. Tricarico (ReCommon): “La sentenza pone un problema strutturale immediato per le aziende, che non possono più continuare a espandere le loro produzioni di gas e petrolio”. Con una storica sentenza, un tribunale olandese ha ordinato alla multinazionale anglo-olandese Shell di ridurre le sue emissioni di CO2 del 45% rispetto ai livelli del 2019 entro il 2030 ...

Leggi tutto ...

In Calabria un progetto di microcredito sociale per i lavoratori del Terzo settore

Il fondo, intitolato a Tommaso Marino, è finanziato dalla MAG delle Calabrie, Banca Etica e associazioni del territorio. Fornisce prestiti contenuti ai lavoratori in difficoltà anche per evitare che possano cadere vittima di usura. Giorgia Falco: “Importi piccoli ma fondamentali in un territorio dove l’esclusione finanziaria è altissima”. Offrire prestiti per piccoli importi -dai mille ai cinquemila euro- per aiutare le famiglie dei lavoratori del Terzo settore calabrese colpiti dalla crisi economica causata dall’epidemia di Covid-19 ...

Leggi tutto ...

Move Up 2021

Per il Memorandum No Profit on People and Planet la pandemia non è una calamità naturale e la geoingegneria non è la soluzione per il ripristino del buon funzionamento dei sistemi naturali. Inutile attendere soluzioni dal G20. Sta ai movimenti, alle associazioni e alle persone comuni prendersi cura insieme, ovunque e in tanti modi diversi, di ogni forma di vita, a cominciare dalla rigenerazione dei suoli degradati e dall’agroecologia ...

Leggi tutto ...

La legge 185 sull’export di armi è sotto attacco. Un appello per difenderla

Nel 2021 l’Italia ha revocato sei licenze per la fornitura di armi e missili ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. La reazione del settore della difesa -negli interessi dell’industria militare- non si è fatta attendere, mettendo nel mirino la norma del 1990. “La revoca delle licenze non dovrebbe essere l’eccezione, ma la regola”, spiega Rete pace e disarmo. Applicare in modo rigoroso e trasparente la Legge 185 del 1990, chiamando il Parlamento a un attento controllo sull’esportazione di armamenti ...

Leggi tutto ...

L’orizzonte del consumo critico, 25 anni dopo la prima “guida”

Venticinque anni fa usciva la prima “Guida al consumo critico” realizzata da Francesco Gesualdi, allievo di don Lorenzo Milani a Barbiana e fondatore nel 1985 a Vecchiano (PI) del Centro nuovo modello di sviluppo (e di Altreconomia nel 1999). Un binocolo per scrutare l’orizzonte di un’economia radicalmente alternativa rispetto al mito salvifico della crescita. Uno strumento utile per chi c’era allora e per chi è arrivato dopo ...

Leggi tutto ...

Delfini!

Sapendo che le possibilità per questi strani esseri, che si fanno chiamare zapatisti, di ottenere una barca dignitosa erano esigue, sapevo bene che solo il più potente dei poteri magici poteva tirarli fuori dai guai e mantenere la parola data. Ergo, ho chiamato la strega mayor, quella con le vesti purpuree, che può alterare la possibilità che qualcosa accada. Lei ha fatto conti su conti ed è arrivata alla conclusione che, in effetti, la probabilità di recuperare un’imbarcazione era quasi zero ...

Leggi tutto ...

Il governo italiano revochi le licenze per forniture di armi a Israele

Le associazioni e i correntisti valutino le banche coinvolte nella compravendita di armi. Negli ultimi anni i contratti per sistemi militari tra Italia e Israele hanno segnato un’impennata nonostante l’escalation delle violazioni da parte delle forze militari israeliane. La repressione, i lanci di missili, le rappresaglie ed i raid arei che si stanno susseguendo tra Israele e territori palestinesi, con le conseguenti perdite di vite umane soprattutto tra la popolazione civile ...

Leggi tutto ...

Verso Genova 2021 – Iniziative per i 20 anni

Car* Tutt*, in occasione del ventennale di quelle che furono le giornate durante il G8 di Genova (2001), ci piacerebbe organizzare qualche evento anche a Torino. Per questo facciamo appello a tutte quelle realtà (vecchie e nuove) che si trovarono all’epoca e che si trovano oggi in accordo con le tematiche proposte.Per questo vi invitiamo ad una assemblea virtuale di realtà e/o singoli torinesi LUNEDI’ 17 MAGGIO 2021 alle ore 21 su Zoom per conoscerci, confrontarci ed organizzare qualche evento in città ...

Leggi tutto ...

Fermare la guerra fredda alla Cina e diventare partner – per il bene comune dell’umanità

Il conflitto fra USA/Occidente e Cina plasmerà il futuro dell’umanità più che qualunque altro conflitto. Perciò non è una questione bilaterale ma un interesse globale. Credo che fermare la guerra fredda alla Cina dovrebbe essere in cima all’agenda delle istituzioni di ricerca sulla pace che non siano diventate dipendenti dagli stati e/o irreggimentate dagli USA. Sia l’amministrazione Trump che quella Biden hanno stabilito che ...

Leggi tutto ...

Il mercato del libro stagionale che ha donato linfa vitale alle terre alte del Monte Spalavera

L’idea di due giovani di Verbania: dopo anni di attività itinerante dedicata alla vendita di libri usati e antichi hanno deciso di trasferire gran parte dei volumi all’Alpe Colle, snodo tra il Lago Maggiore e la Valle Intrasca. Una “transumanza di libri” che stimola anche ingranaggi economici. Prima di come è necessario chiedersi perché. Perché è così importante tornare ad abitare le terre alte? Perché è doveroso tamponare l’esodo che, piaga ormai cronica, sta svuotando quelle contrade e quei borghi ...

Leggi tutto ...

L’Europa va a lezione a Barbiana?

Per una volta, diciamo la verità, ha fatto più piacere che scalpore che la presidente della Commissione europea, per l’apertura dello State of the Union all’Istituto universitario europeo di Firenze, abbia citato Don Lorenzo Milani. Le parole pronunciate ieri, 7 maggio, non sembravano vuota retorica. Oggi, però, evidentemente colta da un trasporto inusuale quanto spregiudicato per la cultura italiana, la signora von der Leyen ha corretto il tiro ispirandosi al miglior “gattopardismo” da Prima Repubblica ...

Leggi tutto ...

L’invasione zapatista dell’Europa è cominciata

Annunciata sei mesi fa e lungamente preparata, domani 3 maggio del ventunesimo anno del ventunesimo secolo, comincia la traversata dell’Atlantico della prima delegazione zapatista che inaugura gli incontri tra le ribellioni dei cinque continenti. Dall’Isla de las Mujeres, nello stato messicano del Quintana Roo, salpa un veliero chiamato “La Montagna”. A bordo, con l’equipaggio, l’Escuadrón 421 ...

Leggi tutto ...

Curare la casa comune

Non abbiamo bisogno soltanto della manutenzione delle cose e dei territori, ma anche delle relazioni sociali, quelle sui cui si fonda la vita di una comunità, per evitare che le persone vengano trasformate in scarti quando non servono più. Per questo servono ovunque artigiani riparatori e conflitti per la tutela dei beni comuni. In realtà si tratta prima di tutto di rivedere la gerarchia che la cultura dominante ha stabilito tra lavoro produttivo, di merci, di valore di scambio, di profitti, e lavoro riproduttivo ...

Leggi tutto ...

Persone e pianeta non si difendono con gli armamenti: invertiamo la rotta e riduciamo le spese militari

I nuovi dati SIPRI confermano la continua crescita delle spese militari, arrivate alla soglia dei 2.000 miliardi di dollari annui. Spese in crescita anche in Europa e in Italia. La società civile chiede invece un taglio del 10% e un trasferimento di fondi alla lotta contro la pandemia globale e per la ripresa economica. Oggi la società civile mondiale è impegnata nel momento più importante delle “Giornate Globali di azione sulle spese militari” ...

Leggi tutto ...

Salva la tua Cavallerizza

E’ aperta la campagna per la raccolta delle firme per richiedere l’indizione del referendum abrogativo della delibera del Consiglio Comunale che, adottando il PUR (Progetto Unitario di Riqualificazione) proposto dalla Cassa Depositi e Prestiti, definisce destinazioni d’uso tipicamente privatistiche e, di fatto, spiana la strada alla vendita all’asta del prestigioso compendio ...

Leggi tutto ...

Recovery PlanET

Il Recovery Planet è frutto di un grande lavoro collettivo a cui hanno partecipato molte centinaia di persone, impegnate per settimane in tredici tavoli tematici e in grande gruppo di donne sull'approccio di genere, nei quali sono stati messi in comune saperi, esperienze, idee di tante reti, organizzazioni e movimenti. Il Recovery PlanET è il piano nazionale di transizione verso la società della cura, la nostra alternativa al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del governo ...

Leggi tutto ...

Risarcimento da 20.000 Euro per il mancato rimborso della licenza Windows

Nel 2014 la Cassazione ha sancito il diritto dei consumatori al rimborso delle licenze Microsoft Windows preinstallate su pressoché tutti i nuovi computer, indiscriminatamente fatte pagare anche a coloro che non la accettano e che abitualmente installano Linux (o qualsiasi altro sistema operativo) subito dopo l’acquisto, e da allora ILS segue le evoluzioni di tale fenomeno, raccoglie segnalazioni, e periodicamente sollecita gli enti preposti a vigilare sulla sua effettiva applicazione ...

Leggi tutto ...

Multinazionali, diritti e migranti

Tre contadini del Delta del Niger saranno risarciti dalla Shell per i danni subiti dai continui sversamenti di petrolio. È la prima volta che un tribunale, in questo caso olandese, condanna una multinazionale per assenza di vigilanza all’estero. Resta il fatto che le persone in fuga da paesi impoveriti, inquinati e resi sterili dallo sfruttamento massiccio delle materie prime, non hanno ancora nessun riconoscimento né tutela internazionale ...

Leggi tutto ...

L’Amazzonia chiama, il mondo risponde: fermiamo il trattato UE-Mercosur

Domani e il 26-27 febbraio i movimenti indigeni, il Movimento Sem terra, i Fridays for future e tutte le campagne per la giustizia economica, climatica e sociale, come la Campagna Stop TTIP Italia lanciano azioni online per ottenere dalla Commissione europea e dai governi dell’area Mercosur – Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay – di rinunciare al trattato di liberalizzazione commerciale EU-Mercosur che mette a rischio l’esistenza stessa della foresta amazzonica e il suo ruolo insostituibile d polmone verde del pianeta ...

Leggi tutto ...

La transizione ecologica o mette in discussione la crescita o non è “vera” transizione

Efficienza e riduzione sono le due gambe della transizione ecologica, scrive Francesco Gesualdi, fondatore del Centro nuovo modello di sviluppo e anima del consumo critico. Altrimenti resisterà il “gigantismo” capitalista e il suo “mito della ricchezza”, causa del degrado attuale e nemico della dignità delle persone. Dopo aver messo il Pianeta a ferro e a fuoco, ora il sistema capisce di dover fare qualcosa, ma lo fa con lo stesso istinto che ha provocato il disastro e non fa che ingannare se stesso ...

Leggi tutto ...

“Acqua in Borsa: no grazie”. La petizione del Forum italiano dei movimenti per l’acqua

Il Forum chiede al governo italiano (uscente) di prendere posizione contro la quotazione dell'”anima blu della vita” a Wall Street. E avanza proposte sempre attuali per applicare quanto deciso dal referendum del 2011, come l’approvazione della legge sulla gestione pubblica ancora bloccata alla Camera e investimenti per la riduzione drastica delle perdite. “La quotazione dell’acqua in Borsa è la conclusione di processi di mercificazione e privatizzazione avviati da anni ...

Leggi tutto ...

Prendersi cura

Sono cinque faglie aperte dentro la narrazione dominante che spingono ad un drastico cambio di paradigma: sostituire l’io con il noi, prendere atto dell’interdipendenza sociale e naturale, respingere l’orizzonte della solitudine competitiva per approdare a quello della cooperazione solidale. In una parola, prendersi cura di sé, dell’altr*, del vivente e del pianeta e, su queste basi, porre collettivamente la sfida per un’alternativa di società ...

Leggi tutto ...

Le politiche di Pace e Disarmo siano al centro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Le risorse messe in campo per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza possono essere un’occasione per realizzare politiche di “pace e disarmo”. È questo l’obiettivo che si propone la Rete italiana Pace e Disarmo che ha elaborato un documento con 12 progetti come contributo al processo di formazione del programma “Next Generation Italia”. Le cose da fare sono tante: investire nel sistema sanitario pubblico universale, nella scuola, nella messa in sicurezza del nostro territorio ...

Leggi tutto ...

Un incontro di ribellioni

Il passaggio dal ripiegamento alla rottura dell’assedio mediatico e militare-poliziesco che subiscono tutti i movimenti nel mondo è un momento decisivo per l’immediato futuro. Raúl Zibechi lo sottolinea, a proposito del viaggio che porterà in Europa in estate un notevole numero di persone dal Messico: le zapatiste e gli zapatisti, rappresentati del Consiglio indigeno di Governo e del Fronte dei Popoli in Difesa dell’Acqua e della Terra degli Stati di Morelos, Puebla e Tlaxcala. Una coraggiosa, impegnativa e straordinaria sfida ...

Leggi tutto ...

La moneta sociale di Barcellona

Le monete sociali e complementari sono uno strumento innovativo per un’ economia solidale e collaborativa. Nel mondo si stanno sperimentando diversi sistemi di scambio alternativo che in questi anni di crisi, cercano di porre l’economia al servizio delle persone, della loro dignità e del loro benessere, favorendo un’economia di prossimità penalizzata da alcune criticità strutturali del sistema monetario attuale. L’esempio del REC – Recurso Económico Ciudadano – la moneta sociale utilizzata nella città di Barcellona ...

Leggi tutto ...

PURtroppo: la Cavallerizza ai privati!

PURtroppo il Consiglio Comunale ha approvato il PUR per la Cavallerizza, perdendo l’ultima possibilità di salvare la proprietà pubblica del bene. Il risultato era prevedibile, maggioranza e opposizioni di centrosinistra e centrodestra si sono fuse nell’unanimismo plaudente al trionfo del Mercato sulla Cultura, dei pochi sui molti. L’ultima strada per salvare la Cavallerizza dal diventare una lussuosa vetrina è quella, prevista dallo Statuto della Città, del referendum abrogativo ...

Leggi tutto ...

Filantrocapitalismo: le fondazioni bancarie – Webinar

Le fondazioni bancarie, conoscerle per riappropriarcene. A trent’anni dalla legge “Amato-Carli” che innovò il sistema creditizio italiano e sancì la nascita delle fondazioni bancarie, facciamo chiarezza ...

Leggi tutto ...

Fermiamo la privatizzazione della Cavallerizza Reale, fermiamo il PUR

La Cavallerizza Reale, Patrimonio Mondiale UNESCO, deve essere nella sua interezza un Bene Culturale di proprietà pubblica e oggetto della nostra cura. Non ci rassegniamo a vedere privatizzata anche l’altra metà di questo Bene Comune e trasformata nel quartier generale della più grande Fondazione bancaria torinese. Se la delibera di approvazione del PUR sarà approvata anche dal Consiglio comunale, completeremo immediatamente le formalità di costituzione del Comitato promotore per il Referendum abrogativo della delibera stessa ...

Leggi tutto ...

La sfida della Società della cura

In questa situazione così pesante è prezioso ogni tentativo di mantenere vivi i collegamenti tra la miriade delle soggettività libere che, nonostante tutto, continuano ad operare nella società. La rete informale imbastita con la Società della cura ha questo scopo primario minimo. Ma per realizzarlo è necessario che si realizzi una conoscenza e un riconoscimento reciproco tra ogni “asteroide della galassia dei movimenti” (erano parole del subcomandante Marcos) ...

Leggi tutto ...

Il Governo revoca l’export di bombe verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi: soddisfazione delle organizzazioni della società civile

Fermate definitivamente forniture autorizzate negli ultimi anni e relative ad ordigni utilizzati nella guerra sanguinosa dello Yemen. Le licenze erano state rilasciate dopo l’inizio del conflitto. Cancellato dal Governo con una decisione storica e grazie alla pressione della società civile l’invio di oltre 12.700 bombe. Con un atto di portata storica – che avviene per la prima volta nei 30 anni dall’entrata in vigore della Legge 185 del 1990 sull’export di armi – il Governo Conte ha deciso di revocare, non solo sospendere ...

Leggi tutto ...

La miniera della discordia

Tre colossi multinazionali del carbone, BHP, Anglo American e Glencore hanno già guadagnato milioni di dollari dallo sfruttamento della Cerréjón, una gigantesca miniera a cielo aperto della Guajira colombiana. Ne pagano il prezzo, come al solito, la salute delle popolazioni locali e l’ambiente ma, grazie alle denunce della resistenza all’estrattivismo, ora qualcosa potrebbe cambiare, perché sta per partire una massiccia indagine internazionale ...

Leggi tutto ...

Stop ai rifiuti nei cementifici. La lettera dei comitati italiani al governo (uscente)

Sessanta associazioni hanno scritto una lettera all’esecutivo per chiedere l’abrogazione del “Decreto Clini” che dal 2013 permette di incenerire i rifiuti negli impianti del cemento. Il “tasso di sostituzione calorica con combustibili di recupero” è oggi al 20,7%, una pratica lontana dal pacchetto europeo sull’economia circolare. Le imprese cementiere vogliono continuare. È un lascito di Corrado Clini, ministro dell’Ambiente nel governo guidato da Mario Monti ...

Leggi tutto ...

Da oggi le armi nucleari sono illegali: inizia il cammino concreto per eliminarle dalla storia

Il TPNW rappresenta il futuro, mentre i sostenitori delle armi nucleari appartengono al passato. ll Trattato è una vittoria della società civile internazionale e di Governi che hanno voluto liberarsi della tradizionale struttura di potere. Un sondaggio pubblicato da ICAN dimostra che gli abitanti degli Stati sotto l’ombrello nucleare vorrebbero un cambio di rotta da parte dei loro Governi: in Italia ben l’87% è a favore del TPNW ...

Leggi tutto ...