Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

23 giugno 2022: contro la guerra, un'altra societa' - Evento online

La guerra continua con il suo carico di morti, distruzione, devastazione. Nessun attore istituzionale sembra volerla fermare, praticando davvero e con coerenza quello che sarebbe da subito necessario: il cessate il fuoco e l’avvio di veri negoziati. La guerra continua e investe le nostre vite. Aumenta le diseguaglianze sociali, ingabbia la cultura e sottrae democrazia. Chiude tutte le faglie aperte dalla pandemia e rimette in un angolo ogni possibile trasformazione sociale. Persino il Recovery Plan, che abbiamo contestato contrapponendogli il nostro Recovery Planet, viene completamente rimosso ...

Leggi tutto ...

Cinque passi per un’economia di pace

Ci avevano raccontato che la globalizzazione ci avrebbe preservato dalle guerre. Al contrario, il mondo in cui viviamo è sempre più insicuro. Dobbiamo chiederci come rifondare l’economia per poter vivere un tempo più pacifico e più sostenibile. L’adagio era che permettendo alle imprese di poter collocare i propri prodotti ovunque nel mondo, di poter spostare la produzione dove appariva più conveniente, di poter trasferire i capitali dove erano garantiti maggiori vantaggi, avremmo creato un mondo ...

Leggi tutto ...

I tanti universi del cambiamento

L’idea della pluralità dei mondi che esistono sul pianeta è stata già affermata con dovizia di particolari in tante diverse e preziose riflessioni ed esperienze, dagli antropologi che hanno saputo fare, finalmente e una volta per tutte, i conti con l’esotismo agli zapatisti del Chiapas, Ogni mondo espresso dall’umanità, se solo per un momento a questo vogliamo limitarci, va compreso secondo i propri principi, nella coerenza e nell’intelligenza delle relazioni che crea e nelle conoscenze che produce ...

Leggi tutto ...

A settembre è tempo di decrescita

Tre giornate, da mercoledì 7 a venerdì 9, per quattro assi tematici: una terra, una salute, una vita; buen vivir, vivir bien; nuove architetture sociali; un agire politico trasformativo. Sabato 10 settembre si passa, poi, al Venice Climate Camp, fino al 12. L’incontro di Venezia “Decrescita: se non ora quando? Dall’illusione della crescita verde a una democrazia della terra” si propone di costruire una interlocuzione tra diversi movimenti sociali e politici ...

Leggi tutto ...

DDL Concorrenza: no ai ricatti di Draghi

Ieri pomeriggio Draghi ha convocato d'urgenza un Consiglio dei Ministri per comunicazioni in merito alla necessità di procedere velocemente all'approvazione delle riforme legate al PNRR, a partire dal DDL Concorrenza. Per quanto i media mainstream abbiamo tenuto a precisare che non si sia trattata dell'ennesima strigliata di Draghi alla maggioranza, di fatto è stato anche peggio: un vero e proprio ricatto al Parlamento per tenerlo sotto scacco minacciando l'ennesima fiducia. Siamo radicalmente contrari a questo provvedimento ...

Leggi tutto ...

Armi nucleari, in Commissione Esteri alla Camera passa Risoluzione per il disarmo globale

“Siamo soddisfatti di questo storico risultato a favore dell’impegno dell’Italia per il disarmo nucleare”. Senzatomica e Rete italiana Pace e Disarmo esprimono soddisfazione per il voto di oggi in Commissione Esteri alla Camera che esprime indicazioni per il Governo affinché si attivi in percorsi concreti di disarmo nucleare e di avvicinamento ai contenuti del Trattato di proibizione delle armi nucleari (TPNW). Nella risoluzione si sottolinea come le armi nucleari costituiscano ancora oggi una grave minaccia per l’umanità ...

Leggi tutto ...

Come funziona la PDO a Torino

Su richiesta del Gas Le Giare di Reggio Emilia, il 21 aprile 2022 si è tenuto un incontro online di presentazione del progetto "DiSoTTo" per la piccola distribuzione organizzata (PDO) attivo nel territorio torinese che coinvolge la rete dei Gas insieme a tre cooperative. Nel corso del 2021 il progetto ha consentito l'organizzazione di 10 ordini collettivi rivolti ai Gas con 4 punti di distribuzione in diverse zone della città e prima cintura. Ogni mese sono così disponibili un centinaio di prodotti ...

Leggi tutto ...

Per non vivere da spettatori

Il progetto Reti Solidali Competenti aiuta a formare le competenze per rendere più forti le reti di solidarietà che esistono in ogni angolo del territorio italiano. Quelle reti sono state tessute pazientemente per essere le fondamenta di una rigenerazione del modo di produrre e consumare orientata al contrasto delle disuguaglianze e a una dimensione sempre più attiva della cittadinanza. Per fermare la guerra, difendere la vita sul pianeta e ricostruire i legami sociali spezzati dalla pandemia ...

Leggi tutto ...

Torino, 14/5 - Iniziativa pubblica nella giornata di mobilitazione nazionale contro il DDL Concorrenza

A Torino, ci troviamo in piazza Carignano dalle ore 15.30 per ribadire tutti e tutte insieme che la concorrenza di Draghi fa male alla democrazia. Il governo Draghi ha predisposto il disegno di legge sulla concorrenza e il mercato, che è in fase di esame in Parlamento. Si tratta di un documento dove trionfa il “tutto è merce”: acqua, energia, rifiuti, trasporto pubblico locale, sanità, servizi sociali e culturali: tutto va gestito con le logiche del mercato e del profitto ...

Leggi tutto ...

Che la banca cambi rotta

In occasione dell’Assemblea degli azionisti di Intesa Sanpaolo, ReCommon mette in luce l’elevata esposizione della prima banca italiana al settore dei combustibili fossili. Pubblica inoltre una lettera sottoscritta da alcuni investitori, i quali sollecitano il management di Intesa a rafforzare il livello di ambizione dei propri impegni sul clima e l’ambiente. L’Assemblea degli azionisti, tenuta il 29 aprile a porte chiuse per il terzo anno di fila nonostante lo statuto del gruppo preveda ...

Leggi tutto ...

Primo maggio a Torino: ancora violenze di polizia

Dopo due anni il corteo del primo maggio ha di nuovo attraversato le strade di Torino. E di nuovo è stato segnato da un intervento violento, improprio e gratuito delle forze dell’ordine. In via Roma, infatti, la parte “non istituzionale” del corteo è stata oggetto di cariche da parte della polizia in assetto di guerra. I siti dei giornali torinesi e il TG3 parlano di scontri e di disordini ma è una narrazione che non ha alcun riscontro nella realtà: tutti i presenti possono testimoniarlo e le immagini confermano che non è andata così ...

Leggi tutto ...

Vuoi la pace? Prepara la decrescita

La guerra è solo l’esito più evidentemente catastrofico di un sistema sociale, culturale ed economico “intrinsecamente” distruttivo e biocida. Abbiamo bisogno di una svolta riflessiva per la ricerca, personale e collettiva, di una qualità della vita sganciata dall’ossessione per la crescita e dalla corsa alla produzione, al possesso e al consumo di merci. Siamo atterriti dalle notizie che arrivano dall’Ucraina, ennesimo teatro di guerra, ma che stavolta sentiamo più vicino a noi ...

Leggi tutto ...

Ecocompatibilità UE: 38 organizzazioni per il diritto di accesso all'hardware

La FSFE pubblica la lettera aperta, cofirmata da 37 organizzazioni e aziende, per chiedere ai legislatori UE il diritto di installare qualsiasi software su qualsiasi dispositivo, con pieno accesso all'hardware, per sostenere la riusabilità e la longevità dei dispositivi. L'Unione europea sta per ridefinire i criteri di progettazione ecologica per prodotti in diverse proposte legislative, tra cui l'Iniziativa sui Prodotti Sostenibili, l'Iniziativa sull'Elettronica Circolare e il Diritto di Riparazione ...

Leggi tutto ...

L’aumento delle spese militari porta solo insicurezza: cambiamo direzione e investiamo nella Pace

Aumentano ancora le spese militari mondiali (oltre 2.100 miliardi in un anno: record storico) mentre il mondo avrebbe bisogno di investimenti sociali, di lotta alle disuguaglianze, per la salvaguardia dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico. Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo chiedono una riduzione delle spese per armi ed eserciti a il finanziamento di strumenti di Pace. “Ma se la spesa negli eserciti potesse veramente darci sicurezza non l’avremmo già raggiunta? ...

Leggi tutto ...

L’economia politica della rivolta

Raúl Zibechi ha approfittato di recenti soggiorni in Colombia, a Cali e a Bogotà, per approfondire la conoscenza sulle pratiche concrete della vita comunitaria durante una grande rivolta, come quella lo scorso anno ha tenuto in scacco per mesi la repressione di uno Stato al servizio dell’estrattivismo che fa della violenza estrema, così come della collusione con il narcotraffico, pratiche di criminalità abituale. Come ci si riesce ad alimentare, a curare, a fare sport e cultura quando ...

Leggi tutto ...

Salviamo i prati. Il festival a difesa della terra che unisce Torino a San Donato Milanese

Il 23 e 24 aprile il comitato “Salviamo i prati” della Borgata Parella di Torino ha organizzato un evento dal titolo “Tutti su(olo) per terra”. “Difendere il suolo non è difficile -spiegano i promotori: basta lasciarlo esistere”. Un’occasione di gemellaggio con altri territori a rischio cementificazione. Il comitato può festeggiare una bella notizia: il pratone Parella, per ora, è salvo. È stato infatti stralciato dal Piano delle alienazioni attraverso il quale il Comune lo avrebbe venduto ...

Leggi tutto ...

Le iniziative solidali del commercio equo italiano verso il popolo ucraino

Il movimento del fair trade è impegnato a sostegno della popolazione civile dall’inizio dell’invasione russa. Si è dato da fare con azioni concrete -come la “spesa sospesa” in bottega lanciata da Altromercato, ma non solo- e in una logica di rete sui territori. Dai centri più piccoli alle grandi città. Equo Garantito, l’associazione di categoria delle organizzazioni di commercio equo e solidale italiane, ha realizzato una prima mappatura delle iniziative del fair trade, ottenendo una fotografia interessante ...

Leggi tutto ...

"Rivendichiamo la nostra umanità costruendo una nuova economia della cura"

Intervista all’attivista ed economista indiana Vandana Shiva, che nel suo ultimo saggio sottolinea l’urgenza di un cambiamento che metta al centro un’economia realmente sostenibile. “Per tutta la vita ho assistito alla banalizzazione dell’economia della cura come se non esistesse, sebbene sia questa la base su cui poggia tutto il resto”. Siamo in crisi esistenziale, nel senso letterale del termine: la nostra esistenza, più che quella del Pianeta, è a rischio ...

Leggi tutto ...

Un altro lavoro per un’altra società

Per imboccare la strada della sostenibilità occorre affrontare il tema di come garantirci da vivere senza il bisogno di alimentare ulteriormente la crescita. Con l’intento di promuovere questo dibattito, il Centro nuovo modello di sviluppo e il Movimento per la decrescita felice hanno elaborato un dossier dedicato al lavoro. Tutto dimostra che se vogliamo ritrovare l’equilibrio con l’ambiente nel rispetto dell’equità, gli opulenti debbono accettare di rivedere in profondità produzione e consumo ...

Leggi tutto ...

Give peace a budget: diamo fondi alla Pace!

Quest’anno il mondo ha raccolto gli orrori dei suoi investimenti in strumenti di guerra. La violenza perpetrata sulle persone di tutto il mondo per mano di stati militarizzati ha avuto impatti devastanti sull’umanità e sull’ambiente. I 1,98 trilioni di dollari spesi per le forze armate nel 2020 non hanno fornito una vera sicurezza – invece, questi bilanci gonfiati per le armi e la guerra ci hanno tenuti impantanati in cicli di violenza. È ora di unirci e chiedere ai Governi di tutto il mondo di ...

Leggi tutto ...

Aiuti umanitari e concreti segni di pace. Il senso della carovana in Ucraina

Oltre duecento attivisti hanno partecipato all’iniziativa promossa dalla coalizione “Stop the war now” che hanno portato in Italia circa 300 persone tra anziani, bambini e persone con disabilità. “Avremmo potuto organizzare l’invio di aiuti umanitari alla popolazione ucraina con molte meno persone: da un punto di vista logistico sarebbero stati sufficienti una decina di mezzi e altrettanti autisti per raggiungere lo stesso risultato. La carovana è stata un corpo civile di pace nonviolento” ...

Leggi tutto ...

Mezzi e fini

Il presidente del consiglio ha reso esplicita la scelta del governo: stiamo inviando montagne di armi al governo ucraino, assistendo agli orrori senza fine che prolungano la guerra – in un’escalation dagli esiti incontrollabili, anche potenzialmente nucleari – per preservarci dai sacrifici derivanti dalla rinuncia al gas russo. Abbiamo bisogno di interrompere un circuito bellico che si avvia perversamente su se stesso. Abbiamo bisogno di indebolire la guerra, sostenendo gli obiettori di coscienza, i nonviolenti, i pacifisti ...

Leggi tutto ...

“Nessuna notizia dal Governo sulle missioni internazionali”, l’allarme lanciato dalla società civile italiana

“Siamo ad aprile e ancora non si hanno notizie riguardo i rinnovi delle missioni internazionali: non ne sa nulla il Parlamento e di conseguenza non hanno informazioni né i cittadini né le organizzazioni della società civile”. Questo è l’allarme lanciato da Agenzia per il Peacebuilding, AOI – Cooperazione e solidarietà Internazionale (Associazione delle ONG Italiane) e Rete Italiana Pace e Disarmo nel sottolineare come il Governo non stia rispettando le tempistiche previste dalla legge ...

Leggi tutto ...

Guardare il mondo da rasoterra, dove la vita trae origine. La lezione di Vandana Shiva

Per Vandana Shiva “seminare semi di un altro futuro” non è una metafora. Così come “coltivare giardini di speranza” e “intrecciare ghirlande d’amore” non sono attività ludiche, ma chiamate all’impegno comune per una “democrazia della Terra”. La sua vita di scienziata e di attivista, da 35 anni, dalla fondazione del centro di ricerca e di formazione Navdanya in India, è stata dedicata a dimostrare che la strada per cambiare il mondo inizia dalle pratiche agricole ...

Leggi tutto ...

I pacifisti e l’Ucraina. Le alternative alla guerra in Europa

L’ebook che racconta la storia recente dell’Ucraina e presenta le vie di una pace possibile, con analisi e testimonianze sull’opposizione alla guerra e la società civile a Mosca, a Kiev e nel resto d’Europa: i conflitti vanno affrontati con gli strumenti della politica, per costruire un ordine di pace. Questo ebook di Sbilanciamoci! dà voce alle ragioni della pace e dei pacifisti. Aiuta a capire le cause – vicine e lontane – del conflitto e gli strumenti per risolverlo. Mette in luce le azioni di coloro che ...

Leggi tutto ...

Stopthewarnow - La carovana pacifista in Ucraina

Non vogliamo restare spettatori e sentiamo l’obbligo di esporci in prima persona. Con i rappresentanti della società civile nonviolenta e pacifista e di altre realtà impegnate nella costruzione della pace, entreremo in territorio ucraino per testimoniare con la nostra presenza sul campo la volontà di pace e per permettere a persone con fragilità, madri sole e soprattutto bambini, di lasciare il loro Paese in guerra e raggiungere l’Italia ...

Leggi tutto ...

Convergere e lottare

Gran bella giornata, quella della prima manifestazione nazionale della convergenza dei movimenti. Sabato 26 marzo, a Firenze, il collettivo di fabbrica ex Gkn, Friday for Future, Società della Cura e tante e tanti altri, soprattutto giovanissimi, hanno detto che i diritti del lavoro e l’ambiente stanno dalla stessa parte, quella opposta ai profitti e alla mercificazione della vita sul pianeta ma, naturalmente, opposta anche alla guerra, usata dai potenti contro tutti i popoli ...

Leggi tutto ...

Fuori dal pantano della geopolitica

Passano gli anni, cambiano gli scenari ma quella logica lì non muore mai. Recita più o meno così: l’Impero A resta il più crudele e criminale; l’Impero B è molto meno dannoso e infatti le sue aggressioni non sono affatto paragonabili, né per dimensioni né per qualità dell’aggressione, a quelle del “nemico principale”. Volete mettere Falluja e Abu Ghraib con Mariupol? Dal momento che gli Stati Uniti sono una macchina imperiale che uccide centinaia o decine di migliaia di persone ogni anno ...

Leggi tutto ...

Quello che possiamo fare

Promemoria contro al guerra (quello che ciascuno di noi può fare subito). L’immaginario della guerra ci sta prendendo in ostaggio creando, oltre al danno della guerra stessa, anche la beffa di farci cadere in una comunicazione bellica, militare, con l’elmetto. Possiamo reagire mantenendo saldi i valori della pace, della convivenza, della nonviolenza, dell’articolo 11 della nostra splendida Costituzione italiana. Ecco alcune possibilità ...

Leggi tutto ...

Insorgiamo per salvare il pianeta

Per questo, per altro, per tutto. La giustizia climatica e sociale si incontrano a Firenze e lo fanno con una manifestazione promossa insieme, in modo assai significativo, dal collettivo di fabbrica della GKN e da Fridays For Future. L’appuntamento è per sabato 26 marzo e naturalmente è anche un appuntamento contro la guerra, perché la guerra, o meglio le guerre, sono parte integrante della cosiddetta “transizione” che detta l’attuale governance mondiale. Una transizione i cui costi vengono scaricati verso il basso ...

Leggi tutto ...

Appello per una campagna comune: "Fermare il DDL Concorrenza, difendere acqua, beni comuni, diritti e democrazia"

Come se la pandemia non avesse evidenziato i fallimenti del mercato e la necessità di una radicale inversione di rotta, il governo Draghi accelera nell'approvazione del disegno di legge sulla concorrenza e il mercato, riforma messa in campo per poter accedere ai fondi europei del PNRR. Si tratta di un manifesto ideologico che, dietro la riproposizione del mantra "crescita, competitività, concorrenza" si prefigge una nuova ondata di privatizzazioni di beni comuni fondamentali, dall'acqua all'energia ...

Leggi tutto ...

Proveremo a reinventarci, Gustavo

“Morire è l’unica cosa del tutto prevedibile nella nostra vita. L’arte di morire è parte centrale dell’arte di vivere. È inaccettabile venire privati della capacità di morire con dignità, come si fa oggi con coloro che muoiono negli ospedali”. Sono parole di Gustavo Esteva – intellettuale “de-professionalizzato”, come amava definirsi lui, amico e allievo prediletto di Ivan Illich, consigliere degli zapatisti, fondatore dell’Università della Terra nello Stato messicano di Oaxaca, dove egli stesso viveva in un piccolo pueblo zapoteco ...

Leggi tutto ...

La sintesi del Forum di convergenza dei movimenti a Roma

Il Forum della convergenza dei movimenti, tenutosi a Roma dal 25 al 27 febbraio 2022, ha visto la partecipazione di oltre 160 persone provenienti da diverse realtà sociali, associative e di movimento. Il Forum è stato naturalmente attraversato dalla guerra in Ucraina e si è dipanato attraverso tre intense giornate di socializzazione delle conoscenze, delle analisi e delle proposte che, all’interno di cinque sessioni, hanno provato a costruire un filo comune e un’agenda di iniziative condivisa ...

Leggi tutto ...

MondoMangione trova una nuova casa per rafforzare i percorsi collettivi e solidali

La cooperativa di Siena, che nel 2004 ha aperto una bottega del commercio equo nel centro storico, conta oggi 600 soci, sei lavoratori e due progetti di autoproduzione (un orto collettivo e un forno di comunità). Ha deciso di rigenerare uno spazio dove accogliere anche gastronomia ed eventi culturali. Con il sostegno dei soci. “Abbiamo trovato una nuova ‘casa’, uno spazio che potrà contenere e raccontare tutto ciò che siamo diventati in questi diciotto anni” ...

Leggi tutto ...

Il 25-26 marzo in piazza per il clima, contro la guerra e per un’altra società

La guerra scoppiata al centro dell’Europa ha già prodotto migliaia di morti, devastazione di città e territori e milioni di profughi. I governi europei, compreso quello italiano, hanno rinunciato a qualsiasi ruolo politico e diplomatico e, con la decisione di inviare armi all’Ucraina, si sono posti di fatto nella condizione di co-belligeranti. Soprattutto, la guerra viene usata per bloccare tutte le necessarie trasformazioni sociali che la crisi eco-climatica, sociale e sanitaria avevano reso evidenti ...

Leggi tutto ...

Mettiamo in rete relazioni solidali

L’assemblea della Rete Italiana di Economia Solidale (Ries) si terrà a Bergamo il 19 e 20 marzo 2022 nel quartiere di Monterosso, in voluta coincidenza con il “Mercato agricolo e non solo” curato dalla storica associazione Mercato&Cittadinanza. Le oltre 28 organizzazioni che fanno parte dell’associazione costituitasi a Roma nel gennaio 2020 si ritroveranno – finalmente in presenza – per fare il punto sui percorsi iniziati e sulle prossime attività da mettere in campo ...

Leggi tutto ...

Crimini di guerra in Yemen: appello delle ONG contro la richiesta di archiviazione delle indagini sull’export di armi

Tre organizzazioni per i diritti umani hanno impugnato la decisione della Procura di Roma di archiviazione delle indagini sulla responsabilità penale di alti funzionari dell’Autorità nazionale per l’esportazione di armamenti (UAMA) nonché dei dirigenti dell’azienda RWM Italia per le esportazioni di armi potenzialmente collegate a un attacco aereo mortale sul villaggio Deir Al-Ḩajārī in Yemen dell’8 ottobre 2016. La richiesta di indagine è stata inizialmente presentata nell’aprile 2018 da ...

Leggi tutto ...

Resistenza, armi ed etica

Come possiamo in queste ore rifiutare il dominio delle logiche di guerra? Primo: rompendo la falsa alternativa necessaria tra il rispondere alla guerra con più guerra e più armi o rimanere inermi. Secondo: non decidendo per tutti gli ucraini ma sostenendo la resistenza civile non armata, quella di cui scrive anche Hannah Arendt ne La banalità del male a proposito della straordinaria ed efficace resistenza danese durante l’occupazione nazista. Terzo: in attesa di costituire i “corpi civili di pace” ...

Leggi tutto ...

Gli zapatisti e l’Ucraina

La guerra nell’Europa orientale e l’invasione della Russia in Ucraina viste dalle montagne del sud-est messicano. Le zapatiste e gli zapatisti del Chiapas sono molto lontani dalla tragedia che scuote l’Europa e devono guardarsi dalla tremenda militarizzazione del loro territorio e dalle aggressioni dei paramilitari. Non hanno però alcuna intenzione di tacere su quanto sta avvenendo in una regione del pianeta tanto distante. E la loro condanna non nasce certo solo dal fatto che sono tornati da poco da un impensabile viaggio in Europa ...

Leggi tutto ...

Le lotte per i diritti delle donne del commercio equo. Per cambiare il mondo

Quando le donne dispongono delle conoscenze e delle competenze necessarie per essere coinvolte hanno il potere di plasmare un futuro migliore per loro, le loro famiglie e le loro comunità. Le storie straordinarie di alcune protagoniste del fair trade, dall’Amazzonia alle Filippine. “Uguaglianza di genere oggi per un domani sostenibile” è il tema scelto dalle Nazioni Unite per l’edizione 2022 della Giornata internazionale della donna che si celebra l’8 marzo ...

Leggi tutto ...