Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Francesco alla resa dei conti

L’enciclica Fratelli tutti mette a fuoco la necessità di sovvertire i rapporti sociali vigenti. La fratellanza e la solidarietà di cui parla Bergoglio non sono solo sentimenti o atteggiamenti, ma un vero sistema sociale fondato sulla condivisione dei beni della Terra. Non sono le lotte di potere all’interno del Vaticano a mettere in forse l’autorità di papa Francesco, ma il suo tentativo di prospettare una svolta radicale per mettere l’umanità al riparo dalla crisi climatica e ambientale che incombe sulle nostre vite ...

Leggi tutto ...

L’eredità dei Bilanci di Giustizia: oltre vent’anni della scuola di cambiamento sociale

Partita a Verona nel 1993, la campagna dei “bilancisti” ha ideato strumenti e modificato abitudini nel senso della giustizia sociale. Ha plasmato pratiche di consumo critico, autoproduzione, cura dell’ambiente. Una ricerca partecipata del laboratorio Tilt fa il punto sull’esperienza e sulle trasformazioni attivate. I Bilanci di Giustizia sono stati una scuola di cambiamento sociale per la giustizia. Le loro istanze hanno contribuito a diffondere la sensibilità ecologica, l’attenzione per l’ambiente e per il consumo critico ...

Leggi tutto ...

Un trattato criminale

La parte commerciale dell’Accordo tra Ue e Mercosur era stata resa pubblica e fortemente criticata da associazioni e movimenti. Mancava l’accordo di associazione con i principi e le linee di indirizzo che dovrebbero indicare la direzione che verrà data alla parte economica. I promotori del trattato dicevano che è lì che ci sarebbero state tutte le protezioni ambientali e sociali necessarie a evitare la deriva distruttiva paventata dai detrattori. Adesso Greenpeace Germania è riuscita ad avere (e a pubblicare) ...

Leggi tutto ...

Una montagna in alto mare. VI parte

Porteranno nei cinque continenti il virus della resistenza e della ribellione e il primo approdo del viaggio incontro a ciò che ci rende uguali sarà l’Europa. Gli zapatisti, e soprattutto le zapatiste, in aprile attraversaranno gli oceani perché hanno deciso che è di nuovo tempo che i cuori danzino e che la loro musica e i loro passi non siano quelli del rimpianto e della rassegnazione. Arriveranno in Europa 500 anni dopo la presunta conquista di quello che oggi si chiama Messico ...

Leggi tutto ...

Maratona di Pace e Disarmo 2020

L’emergenza sanitaria e la necessità di seguire i protocolli di sicurezza per contenere i contagi del COVID-19 non devono impedire al movimento per la pace di proseguire le proprie attività, le campagne in corso e di programmare nuovi impegni. Non c’è tempo da perdere. Per questo, come Rete Italiana Pace e Disarmo abbiamo deciso di collegare tra di loro le iniziative che realizzeremo nelle prossime settimane in tutte le modalità organizzative possibili: in presenza, in remoto ...

Leggi tutto ...

Torino: un Comune al cappio del debito, un Assessore al guinzaglio delle banche

L’Assessore al Bilancio del Comune di Torino, nelle sedute del Consiglio Comunale del 14 e del 23 settembre, ha dimostrato di non voler proprio ridurre il debito di 3 miliardi di euro a carico di tutti i torinesi. In tutto il mondo si contesta il “debito illegittimo” che ha portato alla crisi del 2008 e all’austerità che distrugge posti di lavoro, salari, diritto alla casa, alla salute, alla scuola. Assemblea21 sostiene da anni che gran parte del debito del Comune di Torino è artificioso, illegittimo ...

Leggi tutto ...

La società della cura

La pandemia ha messo in evidenza come un sistema basato sul pensiero unico del mercato e sul profitto, su un antropocentrismo predatorio e sulla riduzione di tutto il vivente a merce non sia in grado di garantire più alcuna protezione. Niente potrà essere più come prima, perché è proprio quel modo di pensare e di vivere che ci ha condotto al disastro e continua a minacciare il pianeta e le vite (umane e non) che lo abitano. Il dilagare del virus ha mostrato in modo evidente tutta la precarietà dell’esistenza ...

Leggi tutto ...

Mai più come prima! Insieme per la società della cura

Aderisci e partecipa alla convergenza dei movimenti e delle realtà sociali italiane: un Manifesto comune, una piattaforma di priorità concrete nella crisi, una manifestazione nazionale in autunno, un percorso permanente da fare insieme. Niente può essere più come prima, perché è stato proprio il prima a causare il disastro -il collasso ecologico e climatico, la gigantesca ingiustizia sociale, la precarizzazione della vita e delle relazioni. Nessuno si salva da solo. Insieme dimostriamo che è possibile ...

Leggi tutto ...

Nessun salvataggio per i “campioni” dei paradisi fiscali

Non è possibile giustificare piani di austerità che hanno messo in ginocchio i servizi pubblici salvando i gruppi multinazionali che eludono il fisco. L’Unione europea deve prendere l’iniziativa, guardando anche alle giurisdizioni “compiacenti” che ha al suo interno: dai Paesi Bassi al Lussemburgo. L’intervento di Eva Joly, membro della Commissione indipendente per la riforma internazionale della tassazione delle imprese. Facciamo un bell’applauso per cominciare ...

Leggi tutto ...

Salviamo l’Italia dall’export as usual

La crisi Covid come leva per imporre un’ulteriore accelerazione al processo di integrazione commerciale guidato dalle politiche liberiste ed egemonizzato dalle grandi corporation. Una valutazione delle scelte italiane in materia di commercio estero alla luce del Rapporto 2020 dell’Unctad, appena pubblicato. “Bisogna evitare di perdere altri dieci anni di tempo”: l’agenzia delle Nazioni Unite che lavora su commercio e sviluppo usa la copertina del suo Rapporto annuale 2020 appena sfornato ...

Leggi tutto ...

L’unione fa la forza: nasce Rete Italiana Pace e Disarmo

Il 21 settembre è la Giornata internazionale della Pace, istituita fin dal 1981 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con un invito a tutti gli stati membri, organizzazioni regionali e non governative e ad ogni singolo individuo, a commemorare il giorno in maniera appropriata, attraverso l’educazione e la consapevolezza pubblica. Proprio per questo abbiamo scelto la data del 21 settembre 2020 per annunciare la nascita di Rete Italiana Pace e Disarmo, una nuova Rete organizzata nella quale confluiscono ...

Leggi tutto ...

La sobrietà e la decrescita

La società dei consumi, precipitata in una triplice crisi – ecologica, energetica, finanziaria – è arrivata al capolinea; è urgente un nuovo stile di vita radicato su una nuova visione del mondo e sulla decrescita attenta alle necessità collettive. Assurdistan. Con questa battuta feroce lvan lllich aveva bollato il mondo attuale, caratterizzato da un modo di vivere e di produrre davvero irragionevole. Non si può continuare a produrre sempre di più, sempre più velocemente, cose sempre più inutili ...

Leggi tutto ...

Basta con i diritti al doppio ribasso

L’iter della legge che mette al bando le rovinose aste al ribasso dei supermercati va completato subito con il voto dell’assemblea plenaria, invece è ancora fermo in commissione. Fermare la concorrenza sleale, lo sfruttamento dei braccianti e il caporalato è una priorità. Più di un anno fa festeggiavamo il voto favorevole della Camera dei Deputati sul disegno di legge che mette al bando le aste al ribasso dei supermercati, una pratica che costringe gli agricoltori a svendere i prodotti ...

Leggi tutto ...

67,83 miliardi per la Sanità: NON per tornare come prima

Il Governo sta decidendo come spendere € 67,83 miliardi del Fondo Recovery destinati alla Sanità, di cui 38,1 miliardi andrebbero all’ammodernamento degli ospedali, 30,7 miliardi alle strutture sanitarie di prossimità, 1,5 miliardi per le RSA. L’emergenza Covid-19 ha fatto esplodere la crisi della sanità torinese. Con le quote del Fondo Recovery assegnate al Piemonte e a Torino, possiamo cominciare a porvi rimedio: ma la Città deve fare scelte adeguate e sostenerle con forza nei confronti della Regione e del Governo ...

Leggi tutto ...

Imparare (a vivere con) la guerra

Quegli strani indigeni delle montagne del sud-est messicano, quasi alla fine del secolo scorso, avevano deciso di coprirsi il volto. Indossavano un passamontagna perché il mondo intero, che non aveva voluto vederli per secoli, potesse finalmente vederli. Non brandivano la loro identità, affermavano il diritto alla dignità della vita. Per loro e per tutti. Chiunque, con il volto coperto, può essere Marcos, diceva il loro subcomandante ...

Leggi tutto ...

Un Green New Deal per l’Europa, online l’EuroMemo 2020

In corrispondenza con l’avvio della XXVI conferenza dell’EuroMemo Group sulle alternative economiche in Europa, pubblichiamo la sintesi del Rapporto EuroMemorandum 2020: al centro dell’edizione di quest’anno l’urgenza di un nuovo modello di sviluppo. Leggi l’introduzione e scarica gratis il Rapporto. Il Rapporto è corredato dalla traduzione della dichiarazione dell’EuroMemo Group del 2 aprile 2020 “La crisi Covid-19. Un punto di svolta per il progetto europeo”, che discute i nuovi scenari alla luce del Covid-19 ...

Leggi tutto ...

Che niente sia davvero come prima

Che gli insegnamenti più evidenti derivanti da ogni analisi condivisa sulle cause molteplici e complesse di quel che abbiamo vissuto in primavera non venissero rimossi a fine estate poteva essere, almeno questa volta, una speranza con qualche fondamento. Niente da fare. Le lobby bancarie e finanziarie chiedono solo di poter accedere in maniera esclusiva a tutte le risorse pubbliche e minacciano il ritorno alla trappola del debito e dei vincoli finanziari. Gli imperativi tornano ad essere “correre” e “crescere” ...

Leggi tutto ...

Ricominciare dai rioni

La pandemia ha svelato, tra le altre cose, la necessità di ricomporre le relazioni sociali nei territori e perfino nei condomini. A Firenze è nato un manifesto “Per una città di prossimità” che raccoglie dodici idee per ripensare città e paesi partendo dai rioni e dai borghi: servizi sanitari locali, mercati e orti rionali, spazi per il recupero degli oggetti, banche del tempo, luoghi di riparazione delle bici, Zone 30 ... Gli ultimi decenni hanno spesso portato a città a misura di automobile ...

Leggi tutto ...

Referendum costituzionale: perché respingere le sirene demagogiche del “Sì”

Lo sfoltimento del Parlamento non migliorerebbe la (scarsa) qualità della rappresentanza e non incrinerebbe lo strapotere dei partiti che ha trasformato le Camere in assemblee di nominati. Anzi: li blinderebbe. L’analisi di Livio Pepino in vista del voto del 20-21 settembre. Il dibattito sul referendum confermativo della legge costituzionale di riduzione del numero dei parlamentari è finalmente entrato nel vivo. Ciò -come sempre quando si parla di contenuti- sta modificando orientamenti e rivoluzionando schieramenti politici ...

Leggi tutto ...

Via il super ticket, ora rilanciare la sanità pubblica

Dal 1° settembre, gli italiani e le italiane non dovranno più pagare il super ticket di 10 euro sulle prescrizioni di esami e analisi. E’ una buona notizia. E’ una richiesta che molti (tra cui la nostra campagna nelle controfinanziarie di questi anni) hanno avanzato a più riprese: un inutile e pesante balzello, che contraddiceva il principio della sanità pubblica e dell’equità sociale e fiscale. Un balzello che tra l’altro avvantaggiava la sanità privata: a volte, con il super ticket, l’esame costava meno in clinica che in un ospedale pubblico ...

Leggi tutto ...

Black Lives Matter: negli Stati Uniti il boicottaggio della polizia passa anche dalla finanza

Starbucks, Amazon, Coca-Cola e altre grandi aziende finanziano le fondazioni della polizia USA. Sono oltre 200 e utilizzano le donazioni private per rafforzare i dipartimenti, acquistare armi o sorvegliare i quartieri abitati dalle minoranze. Ma i bilanci non sono trasparenti. La campagna di “Color of change” promuove il “disinvestimento”. Disinvestire dalle Fondazioni della polizia e rifiutarsi di sedere nei loro consigli di amministrazione ...

Leggi tutto ...

Un respiro in più grazie al Covid

Secondo il Global Footprint Network, il lockdown mondiale dovuto al Covid ha causato una contrazione del 10% dell’Impronta Ecologica, ma purtroppo continuiamo ad usare le risorse naturali come se vivessimo su un pianeta più grande di 1,6 volte. La pandemia ha spinto indietro di tre settimane rispetto all’anno precedente la data del giorno del sovrasfruttamento della Terra. Quel ritardo ci segnala l’opportunità di costruire un futuro in armonia con i limiti ecologici del nostro pianeta ...

Leggi tutto ...

FSFE: l'Europa dovrebbe riconsiderare il concetto di "proprietà intellettuale"

Per contribuire alla consultazione pubblica della Commissione Europea riguardante l'aggiornamento del sistema di regolamentazione della "proprietà intellettuale (IP)", la FSFE ha pubblicato il suo primo riscontro. Basandosi sulla sua esperienza a livello mondiale con il Software Libero, la FSFE richiama ad un sistema di regolamentazione più inclusivo e decentralizzato che permetta una sostenibilità della condivisione della conoscenza e delle risorse intangibili ...

Leggi tutto ...

Piano Triennale 2020-2022

È stato pubblicato dall'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID) il Piano Triennale 2020-2022 per l'Informatica nella PA, che presenta una serie di obiettivi e azioni da intraprendere da parte degli enti nei prossimi mesi per procedere nell'attività di digitalizzazione dei processi dell'amministrazione pubblica. In più punti del documento si trovano riferimenti alla volontà di consolidare ed estendere le buone pratiche del riuso e della pubblicazione del codice prodotto in seno alle amministrazioni ...

Leggi tutto ...

100 giorni di 'Denaro pubblico? Codice pubblico!' in Monaco

100 giorni fa, l'accordo di coalizione "Mit Mut, Visionen und Zuversicht: Ganz München im Blick (Con coraggio, visione e fiducia: tutta Monaco in vista)" è stato firmato dal nuovo gruppo di governo Grüne/Rosa Liste e SPD/Volt, e anche dal sindaco Dieter Reiter. Questo accordo contiene un forte impegno ad utilizzare il Software Libero; in futuro, il principio di 'Denaro pubblico? Codice pubblico!' dovrà essere applicato. Monaco è quindi d'accordo con la richiesta della FSFE ...

Leggi tutto ...

La sotterranea rivolta dei Comuni

Mentre, di decreto in decreto, imprese e banche premono per continuare a dettare le linee della politica economica, dietro l’ideologia, ormai più che consunta, della crescita e l’interesse, molto più concreto, dei propri profitti, i Comuni restano al palo senza soluzione di continuità. Ed ecco allora, in attesa dell’agognata libertà di licenziamento, altri mesi di cassa integrazione, senza alcun intervento nei confronti di tutte quelle aziende che ne hanno approfittato ...

Leggi tutto ...

Ricostruire l’Italia. Con il Sud

Il sociale, l’istruzione, la mobilità, i luoghi, le imprese sono gli assi su cui concentrare l’impegno per la ricostruzione del Mezzogiorno, dopo l’emergenza covid-19. Un documento di 29 esperti su come pensare al futuro del Sud. Pubblichiamo il documento, promosso da 29 esperti di Mezzogiorno, sul ruolo del Sud nella ricostruzione del Paese dopo la pandemia di Covid-19 e sugli interventi necessari. E’ un contributo al dibattito di Sbilanciamoci! raccolto nell’ebook ‘In salute, giusta, sostenibile. L’Italia che vogliamo’ ...

Leggi tutto ...

Il Ceta si è fermato a Cipro

È un fatto inedito e del tutto straordinario nella storia dei trattati commerciali europei. Il parlamento cipriota, con larga maggioranza, nell’ultimo giorno di luglio di questa strana estate segnata dalla pandemia, ha detto di No all’accordo di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada. La Campagna italiana Stop TTIP/CETA era riuscita a bloccare l’avvio dell’iter di ratifica nel 2017, poi i partiti al governo avevano nascosto il dossier in un cassetto aspettando tempi migliori ...

Leggi tutto ...

Il Parlamento di Cipro boccia il CETA! L’accordo è appeso a un filo

Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli, ieri il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, esposti alla pirateria alimentare d’oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi ...

Leggi tutto ...

Acqua, dobbiamo ripubblicizzarla

Oggi ricorre il 10° anniversario della risoluzione dell’ONU che riconosce il diritto umano (universale, indivisibile e imprescrittibile) all’acqua potabile e all’igiene. Purtroppo la situazione è grave: 2,2 miliardi di persone non sanno che cos’è l’acqua potabile e 4,2 non hanno accesso ai servizi igienici; più di 9 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno a causa di malattie causate, tra l’altro, dalla mancanza di acqua pulita. Il lavaggio delle mani è un atto impossibile per centinaia di milioni di esseri umani ...

Leggi tutto ...

Dobbiamo amazzonizzarci

Questa volta la solidarietà non è sufficiente, capire e denunciare non basterà perché il cambiamentodi cui abbiamo bisogno è una controffensiva di prospettiva e di sistema. Dopo la pandemia siamo noi la cura: dobbiamo amazzonizzarci. Vivere sentendosi parte della natura come chi vive nella foresta amazzonica, che non è solo un bosco, ma un sistema vivente, di valori, una comunità, l’economia del buen vivir che il Capitalocene non ci potrà mai assicurare» ...

Leggi tutto ...

Movimenti nella pandemia X

In tutta l’America Latina il Covid continua a colpire in modo violentissimo: il più drammatico è naturalmente il noto caso del Brasile, dove si sono superati gli 80 mila morti, ma il Messico è già a 40 mila, seguono il Perù, il Cile, la Colombia, etc. Le previsioni sulla catastrofe economica non sono da meno in una regione che, già molto prima dell’arrivo del virus, denunciava in modo esplicito e crescente le conseguenze nefaste del modello estrattivista sulla vita quotidiana de los de abajo ...

Leggi tutto ...

Le forniture militari all’Egitto sono inaccettabili, il ministro Di Maio faccia chiarezza

In relazione all’audizione del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, on. Luigi Di Maio, presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, prevista per oggi, giovedì 16 luglio alle ore 14.00, invitiamo il Ministro a chiarire ufficialmente se è stata concessa l’autorizzazione alla fornitura all’Egitto delle due fregate Fremm già destinate alla Marina Militare italiana (la Spartaco Schergat e la Emilio Bianchi). Rinnoviamo inoltre la richiesta al Governo ...

Leggi tutto ...

Appello di 68 parlamentari Ue per la tassa sulle transazioni finanziarie

Alla vigilia del vertice sul Recovery Fund, 68 deputati che siedono al parlamento europeo ricordano che la tassa non è stata inserita tra le possibili risorse proprie che la Commissione potrebbe mettere in campo per finanziare parte delle spese da affrontare causa pandemia. Non solo. L'ultima formulazione sarebbe "annacquata": esclude infatti i derivati azionari, facendo così crollare il possibile gettito fiscale ...

Leggi tutto ...

Roma, Consiglio Comunale approva mozione contro il patto di stabilità e a favore delle risorse ai Comuni

Il Consiglio Comunale di Roma ha approvato all’unanimità una mozione per chiedere una svolta sul debito dei Comuni e sulle risorse necessarie per affrontare l’emergenza sanitaria, economica e sociale. L’ordine del giorno è stato promosso da Attac Italia e chiede a tutti i Comuni di prendere posizione contro le politiche liberiste e di austerità e di rivendicare le risorse necessarie per poter esercitare la propria funzione pubblica e sociale. La mozione approvata impegna la Sindaca a richiedere ...

Leggi tutto ...

La ripresa passa dalla cogestione delle imprese

Il rilancio della manifattura in Italia non può basarsi su contenimento dei costi e competitività di prezzo. Un nuovo Fondo per gli investimenti e la cogestione potrebbe sostenere le imprese disposte a innovare il proprio modello strategico e organizzativo, puntando sulla compartecipazione alle scelte. L’emergenza Covid-19 può rappresentare una grande opportunità. Governo italiano e Unione Europea si apprestano a mettere a disposizione un’ingente quantità di risorse ...

Leggi tutto ...

In Umbria i cittadini si mobilitano contro la trasformazione dei cementifici in inceneritori

A Gubbio i gestori di due impianti hanno chiesto alla Regione l’autorizzazione per potere bruciare combustibile solido secondario. Il Coordinamento regionale Rifiuti Zero, insieme a diverse associazioni, ha proposto linee guida opposte, “Verso rifiuti Zero”. Il rischio infatti è che la città diventi “l’inceneritore di rifiuti dell’Umbria”. Gubbio non vuole altre emissioni nocive. Divampa in questi giorni in provincia di Perugia il conflitto tra i cittadini e i due cementifici, Colacem e Barbetti, ...

Leggi tutto ...

Svendita quote farmacie comunali e rinegoziazione del debito di Torino: tutto torna?

Una interpellanza di oggi, a firma Eleonora Artesio e Deborah Montalbano, parte da una recente e interessante novità: la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, intervenendo su un contenzioso intercorso tra il Comune di Cattolica e la BNL in riferimento ad alcuni contratti di swap, ha dichiarato NULLI i contratti stipulati senza deliberazione del Consiglio Comunale. A questo punto la domanda sorge spontanea: tutto regolare a Torino in relazione a questa sentenza? ...

Leggi tutto ...

La nuova onda Notav

Ventenni e anche adolescenti che hanno imparato a stare insieme e organizzarsi nei campeggi del festival Alta Felicità, si sono fatti le ossa nelle grandi mobilitazioni per il clima del 2019, hanno partecipato ai flash mob planetari seguiti all’uccisione di George Floyd, sono oggi i protagonisti della rinascita del movimento valsusino. Un brillante e articolato intervento di Wu Ming1 conferma l’emergere di una nuova generazione. Che produce nuove interessanti risonanze con lotte di tutto il mondo ...

Leggi tutto ...

USA: Giudice ordina la chiusura dell’oleodotto Dakota Access

Un giudice federale ha deciso che i proprietari dell’oleodotto Dakota Access (DAPL) devono interrompere le operazioni, mentre il governo conduce un’analisi completa per esaminare il rischio che il DAPL rappresenta per la tribù Sioux di Standing Rock. La decisione del tribunale ha segnato una grande vittoria per la tribù, che dal 2016 è impegnata in una lotta di alto profilo contro l’oleodotto. La sentenza che ordina la chiusura del DAPL segna l’ultima parola ...

Leggi tutto ...