Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Raddrizzare il mondo è vitale e possibile

Una piccola parte dell’umanità ha saccheggiato, devastato e rovesciato il mondo di tutti. La cravatta del debito, la criminalizzazione della solidarietà, la retorica legalitaria, le negazione del razzismo, il precariato a vita, le guerre commerciali e quelle tecnologiche, l’estrattivismo e l’indifferenza rispetto al riscaldamento globale sono alcuni volti di quel rovesciamento. Ha ragione Sergio Segio, curatore del Rapporto sui diritti globali, c’è un’assuefazione al mondo rovesciato da cui liberarci ...

Leggi tutto ...

Ecco chi ha votato sì al JEFTA

Questa è la lista degli eurodeputati italiani che hanno deciso di ratificare l’accordo tossico Ue-Giappone (JEFTA), contro l’interesse pubblico e le richieste della società civile. Sotto, l’elenco di chi invece ha deciso di opporsi. Con 474 voti favorevoli, 152 contrari e 40 astenuti, il JEFTA è passato al Parlamento Europeo. Una plenaria alle soglie delle elezioni ha dunque deciso ancora una volta di dare priorità al volere delle grandi imprese transnazionali, agli interessi dei big dell’agricoltura industriale e della finanza ...

Leggi tutto ...

No Jefta: protestiamo l’11 e 12 dicembre con un solo click contro il voto in Parlamento europeo

Martedì 11 e mercoledì 12 dicembre il Parlamento europeo discuterà e voterà il Jefta: il trattato di liberalizzazione commerciale tra l’Europa e il Giappone cui l’Italia ha dato qualche mese fa un frettoloso ok. Come Campagna Stop TTIP Italia abbiamo sviluppato una specifica interfaccia con la quale, con un solo click, potete scrivere in simultanea a tutti i Parlamentari europei per dir loro di fermarsi. A questa pagina trovate tutte le istruzioni ...

Leggi tutto ...

Acqua pubblica: la proposta di legge avanza, i sindacati annunciano lo sciopero

Prosegue in Parlamento l’iter del testo che riconosce l’acqua come “bene comune” e premia la gestione pubblica tramite l’azienda speciale. Per il Forum italiano dei movimenti per l’acqua si tratta di una “radicale inversione di tendenza” rispetto al settore dominato dalle multiutility, in linea all’esito del referendum del 2011. Ma CGIL, CISL e UIL si oppongono. Le segreterie nazionali di FILCTEM-CGIL, FEMCA-CISL, FLAEI-CISL e UILTEC UIL, hanno proclamato per lunedì 17 dicembre ...

Leggi tutto ...

L’Italia smetta di alimentare la guerra nello Yemen

L’Italia deve smettere di essere complice della catastrofe umanitaria che si sta consumando nello Yemen. Il nostro paese vende armi all’Arabia Saudita che dal 2015, in coalizione con gli Emirati Arabi Uniti, affianca il governo dello Yemen nella guerra contro i ribelli yemeniti houti, musulmani sciiti sostenuti dall’Iran. La guerra non risparmia la popolazione civile. In questi anni, l’aviazione saudita ha colpito scuole, mercati, abitazioni, fabbriche, ospedali strade, porti e campi ...

Leggi tutto ...

Presente e futuro del movimento No tav

In quest’autunno 2018 abbiamo assistito al ritorno aggressivo di noiose fandonie di ogni tipo a proposito della Tav: amici dei tir, «ormai si sta facendo!», «resteremo isolati», «Torino si è espressa», «Retrogradi! Cosa c’è di male nell’alta velocità ferroviaria?». La più grande panzana? «Sono tutti Grillini». Una cosa è certa: “Non solo la lotta No Tav non ha mai avuto e non ha «governi amici», ma è di fatto antigovernativa…”, spiega Wu Ming1. Abbiamo bisogno del movimento No Tav, oggi più che mai, perché ...

Leggi tutto ...

Grande distribuzione, il prezzo non è ancora giusto

Oxfam verifica l’impegno dei cinque maggiori operatori della Gdo italiana rispetto al tema dei diritti umani lungo le filiere della produzione agroalimentare. E lancia una petizione rivolta a tutti i consumatori. Con oltre 26mila punti vendita su tutto il territorio nazionale e un fatturato aggregato dei maggiori operatori pari a 58,1 miliardi di euro nel 2016 (+2,5% rispetto al 2015) la grande distribuzione organizzata (Gdo) controlla saldamente il mercato alimentare italiano ...

Leggi tutto ...

La Contromanovra Sbilanciamoci! 2019 è online

La Campagna Sbilanciamoci! ha presentato oggi in un affollato evento a Roma presso la Sala Nilde Iotti della Camera dei Deputati la sua “Controfinanziaria”, giunta alla ventesima edizione. Il Rapporto di Sbilanciamoc!i, intitolato “Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace e l’ambiente”, come ogni anno esamina in dettaglio il Disegno di Legge di Bilancio 2019 e delinea una manovra economica alternativa articolata in sette aree chiave di analisi e intervento ...

Leggi tutto ...

Oligarchia europea/Sovranismi nazionalisti: un'altra strada è possibile

Lo scontro in atto fra il governo gialloverde italiano e l'Unione Europea è sintomatico dell'avvitamento in atto della democrazia. E' infatti uno scontro tanto acceso quanto privo di conflitto politico reale. Tanto è vero che, iniziato in merito ai propositi di superamento del deficit previsto (dall'1,8 al 2,4%) e verificato che, in ogni caso, non vi sarebbe stato alcuno sforamento dei parametri europei (che prevedono un deficit non superiore al 3%), si è successivamente incanalato ...

Leggi tutto ...

Bocciate quel trattato

Bocciare la ratifica del trattato di liberalizzazione commerciale EU-Canada, il CETA, in Parlamento italiano, prima che le Elezioni europee entrino nel vivo. È la richiesta fatta al governo Conte dalla nostra Campagna Stop TTIP/CETA Italia, con un intenso TweetStorm, che ha scalato i trend topic nazionali e con un mailbombing che andrà avanti fino a domenica 25 novembre. Una richiesta che si basa sugli impegni pre-elettorali #NoCETA #Nontratto sottoscritti da Lega e M5S ...

Leggi tutto ...

#StopCETAsubito: mobilitiamoci per bocciare il CETA prima delle Elezioni europee

Nonostante le promesse, gli impegni elettorali, il Contratto di governo e le dichiarazioni pubbliche, dobbiamo constatare che il governo sta prendendo tempo invece di bocciare il CETA. Pubblicamente viene ribaditauna contrarietà agli accordi che ledono la sovranità dell’Italia o che minacciano l’agricoltura, i consumatori e l’ambiente. Eppure, nonostante sia possibile in qualunque momento portare la ratifica del CETA al giudizio di Camera e Senato, questo non sta succedendo ...

Leggi tutto ...

C’è altro da non dimenticare. II

Nella seconda parte del suo saggio sulla necessità di ricordare, alla vigilia dell’insediamento del primo presidente di sinistra, quel che è accaduto in Messico e nel mondo negli ultimi decenni, Gustavo Esteva comincia citando la risposta de los de arriba, quelli che stanno in alto, ai grandi venti di cambiamento che s’erano alzati negli anni Sessanta. Erano venti sospinti dalle riletture di Marx e da un pensiero del calibro di quello di giganti come Benjamin, Bloch, Adorno, Sartre, Debord, Illich, Marcuse, Foucault ...

Leggi tutto ...

La rivolta dei giubbetti gialli

Guai a liquidare la rivolta francese come una semplice protesta contro il caro vita! È un serio avvertimento all’Europa e ci dice, tra le altre cose, che prima di parlare di nuovo debito dovremmo chiederci se abbiamo fatto il possibile per ottenere i soldi da chi ce li ha e se abbiamo tentato tutte le strade per fare cambiare le regole di governo dell’Europa e dell’euro in modo da poter disporre di strumenti di spesa sociale diversi dal debito. I giubbetti gialli si ribellano ...

Leggi tutto ...

Lo Stato himalayano del 100% biologico

Ha impiegato solo 15 anni per convertire la sua agricoltura a un modello interamente biologico. Lo ha fatto nel solo modo possibile, cioè coinvolgendo a pieno i territori e le comunità che li abitano, cioè chi lavora, rispetta e conosce la terra. Si chiama Sikkin, ed è un piccolo Stato dell’India nord-orientale, situato tra le montagne dell’Himalaya. Il 17 e 18 novembre, a Roma, c’è il Festival del cibo per la salute in cui si racconta anche questa straordinaria esperienza ...

Leggi tutto ...

Verita’ e bufale sul TAV Torino Lione

Il “contratto di governo” tra M5Stelle e Lega prevede, con riguardo alla Nuova linea ferroviaria Torino-Lione, «l’impegno a ridiscutere integralmente il progetto nell’applicazione dell’accordo tra Italia e Francia». A ciò il ministro delle infrastrutture Toninelli ha aggiunto l’ovvio: cioè che, in attesa di tale confronto, ogni determinazione diretta a realizzare un avanzamento dell’opera sarebbe considerata dal Governo «un atto ostile». Indicazioni assai caute ...

Leggi tutto ...

Da Generali un primo passo per l’uscita dal carbone

La società ha un’esposizione nel settore pari a 2 miliardi di euro ma il 9 novembre ha ufficializzato che non fornirà più coperture assicurative per la costruzione di nuove centrali. In generale, tra le istituzioni finanziarie cresce l’attenzione agli investimenti nei combustibili fossili, in particolare le sabbie bituminose, e aumenta il numero delle società che hanno avviato azioni di disinvestimento ...

Leggi tutto ...

Profeti di una nuova economia del bene comune

Fino a domenica, 4 novembre, a Castel Gandolfo si svolge l’incontro internazionale “Prophetic Economy”. 500 persone, provenienti da 40 paesi, a confronto per un’altra economia. Dal 2 e fino al 4 novembre, si sono dati appuntamento per “mostrare l’economia da una nuova prospettiva profetica”, come racconta l’economista Luigino Bruni, tra i promotori dell’iniziativa. “Un’economia, quindi, che non sia dettata solo dalle istituzioni e dai re, ma capace di rendere protagonista chi non ha voce ...

Leggi tutto ...

Il Governo non rende pubblico l’accordo con TAP? Ci pensa il Movimento.

Sono giorni che, per giustificare la presa di posizione a favore di Tap (contravvenendo ad ogni promessa elettorale), il Governo fa girare in rete soltanto le firme di un contratto che vogliono spacciare per “vincolante” ma che tale non è. Infatti, quello che viene mostrato è l’IGA, un accordo tra stati non vincolante, e non un accordo con Tap. Nessuno si è mai chiesto perchè mostrano soltanto le firme e mai il contratto? La risposta è semplice: perché bisogna mettere in piedi una macchina del fango ...

Leggi tutto ...

Fermare il Tav? Facciamo chiarezza su penali (che non ci sono) e costi da affrontare

Niente penali da pagare alla Francia: gli accordi bilaterali tra Italia e Francia non comprendono alcuna clausola che accolli a una delle due parti, in caso di recesso, forme di risarcimento per lavori fatti dall’altra parte sul proprio territorio. Nessun contributo da restituire all’Europa: l’Unione Europea mette a disposizione finanziamenti che vengono erogati solo quando le attività sono state già realizzate, presentando le fatture di spese già sostenute. Pertanto la rinuncia all’opera ...

Leggi tutto ...

Quel borgo e la sua lezione di economia

Il recupero di antichi mestieri, ad esempio tessere con la ginestra o con la canapa, l’utilizzo della finanza etica per la ristrutturazione di case abbandonate con cui avviare un progetto di turismo responsabile, ma anche la raccolta di rifiuti con i muli e un esperimento di moneta complementare. Qualcuno dovrebbe regalare un viaggio a ministri, docenti e studenti universitari per imparare cosa significa promuovere dal basso economia locale e solidale. Quella di Riace non è soltanto ...

Leggi tutto ...

Gli ultimi trenta anni: la loro grande negatività e la futura uscita

Quasi duecento anni fa il socialismo ha lanciato il progetto di una società organizzata secondo giustizia, contro il capitalismo che sfrutta gli operai. In particolare Marx gli ha dato una ideologia “scientifica” che prevedeva un progresso storico ineluttabile delle forze produttive e con ciò il progresso del proletariato nella presa (violenta?) del potere. Le masse operaie ci hanno creduto, e per quasi un secolo hanno combattuto i capitalisti di tutti i Paesi, conquistando maggiore potere politico ...

Leggi tutto ...

Paradossi, movimenti e politica

Stiamo vivendo un tempo contraddistinto da diversi paradossi, a cominciare da quello legato a una prospettiva centrata sull’agenda politica, dove dominano sì aspri conflitti mediatici ma nessuno dei contendenti mette in discussione le politiche liberiste: lo scontro è solo sui luoghi del comando. Altri e diversi paradossi investono però anche le esperienze e le lotte dal basso, forse mai così estese e mai così poco incisive sul piano delle conseguenze “politiche” ...

Leggi tutto ...

Creiamo noi il mondo che ci circonda

L’impoverimento e il razzismo si diffondono. Stiamo distruggendo il pianeta. Siamo permanentemente in guerra. “Come possiamo liberarci del trauma quotidiano della stupidità della politica contemporanea?”, chiede Chris Carlsson. Non dobbiamo dimenticare che, nonostante la mercificazione della vita, ovunque ci sono persone che dedicano passione e tempo a impegni che fanno sentire pienamente vivi, e che “siamo noi a fabbricare il mondo che ci circonda, in tutta la sua complessità e abbondanza ...

Leggi tutto ...

E se dicessimo che i soldi ci sono?

L’ordine dei conti che significa sostanzialmente “non ci sono i soldi” e l’ordine delle cose che si tramuta in un “prima gli italiani”, sono le due note iniziali di un ragionamento aberrante che conduce molti ad esclamare: “c’era una volta l’Italia”. Anche se il governo apparentemente mette in discussione “l’ordine dei conti” di Bruxelles, in realtà non tocca l’assioma conseguente: “prima gli italiani”. Ma se provassimo a dire che i soldi ci sono, o si possono trovare ...

Leggi tutto ...

Cambiare regole e politiche per garantire cibo sano e salvare il pianeta

Il Diritto al cibo è un pilastro fondamentale del diritto umano alla vita ma, come hanno denunciato alla FAO oltre 300 rappresentanti di 12 milioni di contadini, pescatori, comunità indigene a Roma per la celebrazione della Giornata mondiale del cibo, 821 milioni di persone nel 2017 hanno sofferto la fame o l’insicurezza alimentare. I Governi delle Nazioni Unite, tra cui l’Italia, pur essendosi impegnati a raggiungere entro il 2030, tra gli Obiettivi di Sviluppo sostenibile (SDGs), quello della “Fame zero” ...

Leggi tutto ...

L’economia per un mondo nuovo

Nei primi giorni di ottobre, nei Paesi Baschi, si è tenuto Il Global Social Economy Forum, che ha visto la partecipazione di 1.700 persone impegnate nell’economia sociale provenienti da 84 paesi diversi. Tra loro, molti sindaci e rappresentanti di governi locali, da Seul a Montreal, da Bilbao a Bamako, da Città del Messico a Taipei. A Bilbao, Ripess e la Rete di Economia sociale e solidale spagnola (Reas), assieme ad altre organizzazioni, ha promosso una dichiarazione rivolta ai ...

Leggi tutto ...

Arriva in Italia Maude Barlow, bandiera della campagna StopCETA

Siamo felici di ospitare a Roma il 16 ottobre prossimo Maude Barlow, presidente di The Council of Canadians, già relatrice speciale per il diritto umano all’acqua dell’Onu, attivista storica per l’acqua pubblica e portavoce della campagna canadese contro il CETA, il NAFTA e tutti gli accordi tossici di libero scambio. Maude è a Roma per rivolgerci il suo sostegno, apprezzamento e anche per condividere importanti informazioni con gli attivisti italiani che insieme ...

Leggi tutto ...

Non sottostiamo alla sacralità finanziaria

É stata una giornata importante quella che si è svolta sabato 6 ottobre a Napoli. Si sono riuniti, nel secondo incontro nazionale, tutti i comitati e le reti che hanno avviato nei propri territori percorsi di indagine (audit) pubblica e indipendente sulla situazione finanziaria e debitoria dei propri enti locali, al preciso scopo di mettere in discussione la narrazione dominante, che pone i vincoli finanziari come priorità sulla garanzia dei diritti fondamentali e la difesa dei beni comuni delle comunità locali ...

Leggi tutto ...

Riace, conosciamo i veri colpevoli

“Il vero colpevole non è il sindaco di Riace ma chi confonde tra giustizia e legalità, chi tenta di mettere a tacere una voce scomoda che con i fatti dimostra la sua forza contagiosa… – scrive il movimento No Tav – Se la legge deve essere uguale per tutti occorre che le leggi rispettino i diritti soprattutto dei più deboli e non i privilegi dei più forti, e se così non è allora la disobbedienza civile è un dovere…” ...

Leggi tutto ...

Dai distretti alle comunità solidali

I distretti territoriali sono, per gli attori dell’economia solidale, uno strumento di aggregazione di diverse forze sociali interessate a costruire forme di relazione comunitaria. Cioè a mettersi-in-comune per trasformare dal basso – cioè alla radice – le relazioni umane tra le persone e tra le persone e l’ambiente naturale. In una visione strategica, l’aggregazione di diverse attività solidali in un distretto economico serve ...

Leggi tutto ...

Il CETA compie un anno: “festeggiamo” in Germania, Francia, Madrid, Milano, Udine e presto a Roma

Il 21 settembre il CETA ha compiuto un anno dalla sua entrata in vigore provvisoria, che ha fatto cadere oltre il 90% dei dazi in vigore e, a fronte di una crescita delle poche imprese esportatrici verso il Canada in linea con quanto ottenuto negli anni precedenti senza il CETA, ha messo al lavoro la ventina di Comitati riservati che stanno lavorando ai fianchi regole e standard importanti per la nostra salute e sicurezza. Per questo migliaia di cittadini europei torneranno a farsi vedere e sentire per ...

Leggi tutto ...

Analisi di Assemblea21 sulla bozza di delibera del Comune di Torino

Assemblea21 ha lo scopo di condurre un’indagine indipendente e popolare sul debito del Comune di Torino. Prendiamo atto dell’intenzione dell’Amministrazione comunale di avviare finalmente un’analisi dei Derivati del Comune di Torino per verificarne liceità, legittimità, validità economico-finanziaria e giuridica e convenienza sociale. Abbiamo perciò letto con attenzione la bozza di delibera che l’Assessore Rolando intende proporre all’approvazione della Giunta Comunale ed esprimiamo le seguenti valutazioni ...

Leggi tutto ...

Città, estrattivismo e giochi d’acqua

Le città, come ogni altro bene mercificato, non sono più per l’uomo ma asset per i mercati speculativi. Lo spossessamento – come lo chiama David Harvey – per le città di oggi si traduce in due fenomeni: gentrificazione (l’espulsione de facto della componente di cittadinanza residenziale verso le periferie, per l’aumento degli affitti e l’erosione dei servizi alla persona) e turistificazione (la trasformazione delle città storiche in parchi a tema ad uso esclusivo della filiera turistica) ...

Leggi tutto ...

Perchè chiediamo al comune di Torino una moratoria immediata sui contratti derivati

Pubblichiamo il documento che è stato consegnato alla commissione bilancio del comune di Torino il 3 settembre 2018: contiene le nostre considerazioni e analisi sullo stato dei derivati a Torino e le motivazioni per cui andrebbe fatta una moratoria immediata del pagamento degli stessi. Per ora l'amministrazione Appendino ha in cantiere solo una delibera per affidare l'analisi dei contratti ad un privato ed agire solo dopo un'ulteriore analisi ...

Leggi tutto ...

Europa, è l’ora della post crescita

Storica conferenza a Bruxelles sull’economia post growth con accademici provenienti da tutta Europa e oltre manda una lettera-appello con 4 proposte di riforma all’Ue tra cui superare il patto di stabilità con un patto per il benessere sostenibile. Tra i firmatari da Graeber di Occupy WS a Fioramonti M5S. Una grande conferenza, definita a dir poco «storica», il 18 e 19 settembre scorsi ha riunito a Bruxelles economisti, scienziati, attivisti e rappresentanti di cinque diversi gruppi politici del Parlamento europeo ...

Leggi tutto ...

Nella Giornata ONU per l’abolizione delle armi nucleari azioni in 13 Paesi contro la banca che le sostiene con 8 miliardi di dollari

Con un’azione internazionale che in Italia coinvolge anche Rete Italiana per il Disarmo e Senzatomica, la Campagna ICAN vincitrice del premio Nobel per la Pace esorta BNP-Paribas a cessare il proprio sostegno alla produzione di armi nucleari. Oggi 16 proteste simultanee si svolgono in 13 Paesi in cui opera la banca. La Giornata mondiale di azione intende spingere BNP-Paribas a migliorare la propria policy di investimento smettendo di investire in produttori di armi nucleari ...

Leggi tutto ...

10 anni dopo la crisi finanziaria: i nostri 'leader' hanno fallito, il futuro dipende da noi

Sono passati dieci anni dalla caduta di Lehman Brothers e dall'inizio della crisi finanziaria, la più grande crisi europea dalla seconda guerra mondiale. I politici di tutte le parti, ma soprattutto il centro e il centro-sinistra della politica europea, hanno scritto molti testi seri e hanno pronunciato molte parole preoccupate sull'argomento. I mercati finanziari, ci era stato promesso, non possono più governare le nostre società. Eppure, dieci anni dopo, tutto questo potrebbe accadere di nuovo domani ...

Leggi tutto ...

Della metamorfosi del mondo

La metamorfosi del mondo, scrive Ulrich Beck, sfida dal profondo la nostra antropologia e quindi anche il nostro modo di essere e di pensarlo. Per molti le angosce Millennial diventano confort zones a cui rimanere avvinghiati in modo auto-referenziale, per altri l’ignoto è invece stimolo per avventurarvisi rimanendo lucidi e ancora più affamati di comunità e di comuni condivisioni di senso. Quale dei due modelli si affermerà? Quel che è certo è che questo è il momento di scegliere ...

Leggi tutto ...

L’acqua pubblica è democrazia

La vittoria del referendum sull’acqua del 2011 resta lettera morta: cinque governi si sono succeduti in questi anni senza tener conto di quel risultato. Al momento anche l’esecutivo gialloverde latita, del resto la situazione non è cambiata in città amministrate dal M5S come come Roma, Torino e Livorno. Nonostante tutto qualcosa di importante accade invece in altri territori: a Brescia come a Benevento, dal basso, è ripartita la lotta per bloccare la vendita ai privati dell’acqua ...

Leggi tutto ...

Il JEFTA è insostenibile: lettera di 14 organizzazioni al Parlamento Ue

Fermare l’iter di ratifica dell’accordo UE-Giappone finché l’Europa non deciderà di fare sul serio sulla tutela di occupazione e ambiente negli accordi commerciali. E’ quanto chiede alla Commissione Commercio del Parlamento europeo (INTA) una nuova lettera aperta firmata da 14 organizzazioni, tra cui la Campagna Stop TTIP Italia e FairWatch. Gli europarlamentari della Commissione INTA sono i primi a dover esprimere un parere sull’accordo con il Giappone (JEFTA o JEEPA) ...

Leggi tutto ...