Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Sabato 19 ottobre: giù le mani dai beni comuni

Il Coordinamento Beni Comuni Torino invita tutte e tutti in piazza Palazzo di Città sabato 19 ottobre dalle 15,30 per incontrarsi e iniziare a condividere con parole, cartelli, striscioni, immagini e qualunque altro mezzo di comunicazione opinioni, informazioni, proposte, desideri e altro ancora sulla condizione dei beni comuni cittadini. Il Comune di Torino ha deciso di regolamentare i beni comuni pensando che siano solo una questione di immobili di sua proprietà da fare gestire ad altri ...

Leggi tutto ...

Mobilitiamoci contro i trattati tossici e l’impunità delle multinazionali

Dal 12 al 19 ottobre in tutta Europa decine di iniziative #StopCETA, #StopRi-TTIP, #StopMercosur, #NoISDS. Fotografa e vota il tuo “Scopino d’oro”. Dal 12 al 19 ottobre celebriamo in tutta Europa la Settimana europea di mobilitazione contro i trattati tossici di liberalizzazione commerciale, gli arbitrati che contengono a servizio delle multinazionali e per un trattato vincolante Onu che permetta di mettere fine alla loro impunità in tutti gli angoli del Globo. Per l’Italia cominciamo il 12 Ottobre a Roma, Udine e Cuneo ...

Leggi tutto ...

Campagna Stop F-35: “Governo e Parlamento ci ricevano e fermino il programma dei cacciabombardieri”

Dopo le rivelazioni di stampa secondo cui il Presidente Conte avrebbe confermato agli USA l’acquisto di tutti gli aerei, la mobilitazione contro i cacciabombardieri del programma Joint Strike Fighter chiede a Governo e Parlamento di non cedere alle pressioni statunitensi. Secondo notizie di stampa nei giorni scorsi il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte avrebbe rassicurato il Segretario di Stato USA Mike Pompeo su una prosecuzione senza ripensamenti della partecipazione italiana al programma per i caccia F-35 ...

Leggi tutto ...

Costituzione del Coordinamento Beni Comuni Torino

Lunedì 30 settembre 2019 si sono riuniti in assemblea cittadine e cittadini singoli o facenti parte di comitati, associazioni, gruppi e realtà sociali torinesi interessati e attivi nella difesa e nello sviluppo dei beni comuni. Scopo dell'incontro è stato fare il punto sulle attività in svolgimento e sulla situazione cittadina nel suo complesso, con riferimento anche alle iniziative messe in campo dall'amministrazione comunale che incidono sulla possibilità di mantenere e creare in città spazi di partecipazione legati all'esistenza di beni comuni ...

Leggi tutto ...

Autogestione per comunità solidali

C’erano molti ricercatori, militanti sociali e politici ma soprattutto lavoratrici e lavoratori di 16 diversi paesi al settimo incontro dell’economia di chi del lavoro è soggetto. Sono state cinque giornate di intenso confronto di esperienze, soprattutto latinoamericane, nella Scuola Florestan Fernandes, da oltre vent’anni una delle realtà più significative dell’intera grande storia del Movimento dei Lavoratori Sem Terra brasiliani. Al centro della discussione, tra gli altri temi ...

Leggi tutto ...

UE-Mercosur: il futuro al rogo

In un nuovo report della nostra Campagna, perché l’Italia deve seguire l’Austria e dire no al nuovo trattato tossico che minaccia l’Amazzonia. Mentre in tutto il mondo le ragazze e i ragazzi dei Fridays for future chiedono a milioni in piazza ai propri Governi di proteggere il loro futuro dai cambiamenti climatici, la Commissione europea vuole forzare un vecchio accordo con un’Argentina al collasso, il Brasile del negazionista climatico Bolsonaro, Uruguay e Paraguay. Un trattato di liberalizzazione selvaggia ...

Leggi tutto ...

Una Nota di ambiente, diritti, lavoro da Sbilanciamoci!

Le proposte della Campagna Sbilanciamoci! per le linee del documento di programmazione economica del governo. Si chiede un “Green New Deal” e un grande piano per welfare, istruzione e sanità, pari a un punto di Pil. Trovando le risorse senza aumentare le tasse. Battere sempre lo stesso tasto è indice di cocciutaggine, ma quando si parla di economia, di impiego delle risorse pubbliche, di sviluppo di un Paese può non essere un difetto ...

Leggi tutto ...

La partita della plastica, in Europa e in Italia: da chi punta sul riciclo a chi lavora per la riduzione a monte

Mentre 100 partner pubblici e privati della filiera della plastica europea sottoscrivono la “Circular Plastics Alliance” puntando sul mercato della plastica riciclata, in Italia si discute la bozza di Decreto legge che potrebbe agevolare le botteghe di prodotti sfusi e alla spina. Due approcci diversi per affrontare il problema della plastica e della produzione di rifiuti ...

Leggi tutto ...

EU MERCOSUR: l’Austria boccia il trattato. Stop TTIP CETA Italia: “ora che l’Italia faccia la sua parte”

Dopo la presa di posizione del Parlamento irlandese, un secco no al trattato di liberalizzazione commerciale tra Unione Europea e Mercosur è stato votato dal Parlamento austriaco il 18 settembre scorso, marcando una netta discontinuità con l’agenda europea che fino a oggi ha concluso negoziati su negoziati, senza alcuna attenzione a pesanti impatti sociali e ambientali che tali accordi portano con sé. Tutte le forze politiche hanno deciso di dare voce alle preoccupazioni della società civile ...

Leggi tutto ...

La caccia agli sciamani

«Il Lazio dice No al #Ceta. Chiediamo al Parlamento di fare lo stesso, difendiamo i nostri produttori e sapori da commercio ingiusto senza regole». Questo Tweet non è di un pericoloso sovranista, ma dell’attuale segretario del Pd Nicola Zingaretti che nel 2017 si unì agli oltre duemila enti locali italiani che chiesero con mozione o delibere, sotto il Governo Gentiloni, di non ratificare il trattato di liberalizzazione commerciale tra Europa e Canada, il Ceta ...

Leggi tutto ...

La prima volta della Lombardia

Nella brevissima storia dell’umanità, l’azione dal basso è sempre stata fondamentale per ridisegnare il volto del mondo. Per cambiare le politiche e far funzionare le cose in modo concreto, però, in certi casi bisogna che il cambiamento investa anche le istituzioni. Fino ad ora, nella Regione Lombardia non è mai passata una legge di iniziativa popolare. C’è sempre una prima volta, per tutto. Il 2 settembre, al Pirellone, sono state consegnate 9.035 firme a favore della Legge di iniziativa popolare per la promozione e il sostegno dell’Economia Sociale e Solidale ...

Leggi tutto ...

Amazzonia, serve un segnale: stop all’accordo UE-Mercosur

Il 17 giugno scorso oltre 300 organizzazioni e reti internazionali, tra cui la campagna Stop TTIP Italia, hanno chiesto lo stop al negoziato tra Unione Europea e i paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay). Oggi il richiamo alla politica arriva anche dai giovani di Fridays For Future. Tra le motivazioni c’è un chiaro riferimento al possibile impatto sui diritti delle comunità indigene e sull’Amazzonia, minacciate dagli interessi dell’agribusiness ...

Leggi tutto ...

Il mondo in basso cresce in silenzio

Il riflesso è quasi automatico: appena si parla di elezioni si torna a sperare. Accade da noi, come in Sudamerica. È un po’ come guardare i fuochi artificiali, oppure le estrazioni miliardarie dell’Enalotto. Eppure, i cambiamenti veri, quelli profondi, si costruiscono in basso e, spesso, in silenzio. Raúl Zibechi e Juan Wahren ci raccontano alcune esperienze esemplari quanto ignorate, qui e nel loro continente. E poi ci sono gli zapatisti, che sono riusciti a rompere ancora una volta l’assedio di decine di migliaia di militari ...

Leggi tutto ...

Detronizzare il Pil

Un gruppo di 238 scienziate e scienziati a cui si sono aggiunti più di 90.000 cittadini, ha chiesto alla Commissione Europea di guardare oltre al deleterio obbiettivo di crescita del PIL ed elaborare politiche pubbliche per un’economia post-crescita al servizio di un nuovo modello di società capace di fiorire entro i limiti del pianeta. L’eco dalle strade d’Europa e oltre è “cambiamo il sistema, non il clima”. Quando l’attivista per il clima Greta Thunberg ...

Leggi tutto ...

Insieme, non vi daremo tregua

“Insieme non vi daremo tregua”: è stata massiccia l’adesione alla seconda lettera aperta lanciata dalla Campagna Stop TTIP/CETA Italia e dal Coordinamento Nazionale No Triv contro le politiche del Governo italiano gialloverde dannose per il clima, la coesione sociale e l’economia del nostro Paese. La nuova lettera è co-promossa, ad oggi, da oltre 70 reti, associazioni, sindacati e personalità italiane ...

Leggi tutto ...

Caro Governo del “Cambia-in-peggio”, ti riscriviamo…

Siamo gli autori della lettera del 23 maggio scorso, a Voi indirizzata a due mesi esatti dalla manifestazione che vide marciare oltre 100 mila persone per le strade di Roma per affermare il diritto delle donne e degli uomini di questo Paese ad una stagione di cambiamenti radicali nelle politiche economiche, sociali, climatiche ed ambientali, considerata la crisi che assedia l’Italia da troppi anni e sotto tutti questi aspetti. In un crescendo di scelte sbagliate, avete fatto ingiustificabili passi indietro rispetto alle promesse elettorali ...

Leggi tutto ...

La prima stella cadente

La prima stella dei pentastellati è la gestione pubblica dell’acqua che, insieme all’aria, è il bene comune più fondamentale che abbiamo. I Cinque Stelle, almeno a Napoli, sono nati dalla lotta contro la privatizzazione dell’acqua votata dai Comuni partenopei. Per i pentastellati la gestione pubblica dell’acqua è talmente importante che è stata collocata al primo posto nel ‘Contratto’ di governo. Fin da subito infatti i Cinque stelle hanno introdotto nella Commissione Ambiente della Camera la Legge di iniziativa popolare ...

Leggi tutto ...

La stessa cricca

Quanto accade intorno alla Tav in Val Susa conferma che i due Matteo, Salvini e Renzi, sono della stessa pasta, “amici del partito del tondino e del cemento – come scrivono i No Tav – foriero di voti e sostegno politico nelle loro scalate ai vertici del potere…”. Ma mostra anche ciò che per i media mainstream resta un mistero: malgrado mistificazioni e tentativi di indebolirli, i No Tav sono ancora lì, con un movimento intergenerazionale e in forte risonanza con molti altri movimenti territoriali ...

Leggi tutto ...

Chi paga gli interessi di Roma?

Con la recente approvazione del decreto Crescita, lo Stato diventa il titolare di una parte del debito storico di Roma Capitale. In realtà, lo Stato già interveniva annualmente con una quota-parte (300 milioni) e il recente passaggio permette due cose: evitare il default della struttura commissariale che gestisce il debito storico e che si sarebbe a breve trovata senza liquidità, e permettere allo Stato di rinegoziare con i creditori sui tassi di interesse di quel debito, che viaggiano intorno al 6% ...

Leggi tutto ...

Cosa accade al movimento per i beni comuni?

La raccolta firme per la legge di iniziativa popolare Rodotà sui beni comuni; l’affermazione dei “beni comuni” nei movimenti sociali, nelle scienze sociali e perfino nella politica istituzionale ma, allo stesso tempo, gli infiniti processi di privatizzazione e mercificazione di tutto ciò che è “comune”; le diverse interpretazioni del concetto di bene comune; le divisioni tra chi pensa che la discriminante per avere un bene comune non stia nel titolo formale di proprietà ma nel sostanziale rispetto degli usi e delle finalità sociali ...

Leggi tutto ...

Le società possibili

Viviamo tempi indubbiamente complicati, all’interno dei quali lo spazio pubblico sembra essere interamente occupato dal “conflitto” tra l’oligarchia finanziaria, espressione dell’establishment europeo, e le forze populiste, sovraniste e nazionaliste, che sembrano incanalare la frustrazione sociale, sino ad arrivare al governo di diversi Paesi, come è avvenuto in Italia. Un conflitto più apparente che reale, poiché entrambi i contendenti, tra loro specularmente complementari, non mettono in discussione le politiche liberiste e di austerità ...

Leggi tutto ...

STOP F-35! Ultima possibilità

Da anni buttiamo miliardi di euro per i cacciabombardieri F35, invece di pensare al lavoro, all’ambiente, alla salute, all’istruzione. Aiutaci a fermare questo folle spreco di soldi (pubblici). Entro il 2020 l’Italia dovrà decidere in via definitiva (aderendo o meno ai contratti “multi-year”) se acquistare tutti i 90 cacciabombardieri F-35 previsti dal piano di acquisizione. Al momento attuale il Governo ha confermato che verranno sicuramente confermati i primi 28 velivoli previsti ...

Leggi tutto ...

Pestiamo il caporalato

Dall’inferno dei lager della Libia a un progetto di lavoro con dignità. Assay è un pestato di cime di rapa e broccoletti nato dall’incontro fra 9 ragazzi migranti e 5 aziende biologiche grazie al progetto #InCampo! Senza caporale. Un buon esempio di come combattere lo sfruttamento mettendo al centro di un’iniziativa i diritti delle persone e l’agricoltura che fa bene a tutti ...

Leggi tutto ...

Energia bene comune: dalla transizione energetica alla giustizia climatica

Se si considera l’energia un bene comune anziché una merce di proprietà privata, si collega direttamente la produzione al consumo e si riafferma la nostra responsabilità di consumatori di energia. Nel 2019, solo i lobbisti del petrolio e certi squallidi politici continuano a negare l’influenza delle attività umane sul clima della Terra. Le prove scientifiche si stanno accumulando e sappiamo che dobbiamo cambiare il nostro stile di vita. Il concetto di transizione energetica è ormai accettato ...

Leggi tutto ...

Il tempo del consumo critico

La proposta dei Saturdays for Future, i Sabati per il Futuro, con le giornate dedicate «al consumo e alla produzione responsabile», nasce dalla cultura del consumo critico italiana che ha ormai una lunga storia importante di cui oggi abbiamo sempre più bisogno. Ma perché abbia forza abbiamo bisogno di rimettere in discussione la nostra idea di ricchezza. E di dare centralità al tema dell’informazione, il Greenwashing non scherza ...

Leggi tutto ...

Casa farmaceutica senza padroni

Nel 2016 l’impresa aveva un passivo di 50 milioni di dollari, ma in primavera il Tribunale Commerciale della città di Buenos Aires ha dato l’autorizzazione ai lavoratori e lavoratrici dell’ex laboratorio Roux Ocefa di continuare l’attività con l’utilizzo delle due installazioni ubicate a Villa Luro e Mataderos. Dall’ottobre dell’anno scorso stavano realizzando una occupazione pacifica per recuperare le loro fonti di lavoro. E ci sono riusciti ...

Leggi tutto ...

Dal blockchain alla finanza etica

Il mondo delle criptovalute, dalla antesignana Bitcoin al possibile, ma non probabile, lancio di Libra da parte di Zuckerberg, e le comunità della blockchain. Quale sarà il loro sviluppo, l’impatto sulle banche e che tipo di opportunità possono rappresentare. Come tutte le innovazioni, e in particolare quelle che nascono dal basso, anche la Distributed Ledger Technology, di cui la blockchain è specifica declinazione, ha un grande potenziale libertario di democratizzazione e redistribuzione del potere ...

Leggi tutto ...

“Pomovero”: la passata bio della Puglia solidale e libera dal caporalato

Il pomodoro del progetto è pagato 0,35 euro al chilo, contro gli 8 centesimi della grande distribuzione. Unsolomondo di Bari, Pietra di Scarto di Cerignola (FG), Semi di Vita di Bari e Terra d’Incontro di Casamassima (BA), con Avanzi Popolo 2.0, stanno promuovendo il terzo anno di progetto. Dalle 1.500 bottiglie di salsa del 2016, quest’anno si arriverà a 15mila. Le prenotazioni entro fine luglio ...

Leggi tutto ...

Minibot, debito e monete locali

La proposta della Lega di utilizzare titoli di stato di taglio minore per il pagamento dei debiti della Pubblicazione Amministrazione verso imprese private è l’ennesima bufala demagogica perché la moneta utilizzabile sarebbe comunque l’Euro. “Non è certo sulle parole demagogiche di Salvini – spiega Andrea Fumagalli -, sulla non autorevolezza dell’Europa o sul vento del sovranismo che sta montando che è possibile edificare modifiche alla situazione”. Si tratta di creare un secondo bilancio pubblico a livello territoriale ...

Leggi tutto ...

Ribellarsi facendo

I genitori del quartiere Tamburi di Taranto che occupano la scuola per difendersi dai veleni. Un partecipato sit-in a Sulmona che blocca il sopralluogo di Snam e Saipem perché il territorio è di chi lo vive non di chi lo vuole devastare per profitto. Alcuni No Tav settantenni che fanno incursione nel cantiere per l’alta velocità di Chiomonte. Diecimila persone che si riprendono Venezia al grido «Fuori le grandi navi dalla Laguna!». E poi le azioni e le proteste dei No Tap, delle Mamme No Pfas, dei No Muos ...

Leggi tutto ...

Presentazione del dossier "Il costo della ri-pubblicizzazione del servizio idrico integrato"

Sedicenti Uffici Studi e Ricerche, finanziati direttamente o indirettamente dalle aziende idriche italiane, propalano da tempo dicerie, fake news e vere e proprie falsità sui costi di attuazione del referendum del 2011 sull’acqua pubblica. Gli organi d’informazione li diffondono senza verificare se siano attendibili o no. Affermiamo che non lo sono e lo dimostriamo con il dossier “Il costo della ri-pubblicizzazione del servizio idrico integrato” ...

Leggi tutto ...

Una cultura dei beni comuni

C’è un filo rosso che lega le numerose e diverse comunità nate negli ultimi anni intorno alla gestione di beni comuni. Un filo che intreccia azioni e percorsi teorici ma anche esperienze maturate in angoli del mondo differenti, e che si nutre del confronto tra realtà di base: dopo Napoli e Venezia, doppio appuntamento, prima a Casa Bettola, casa cantoniera autogestita di Reggio Emilia. E poi a Mondeggi. Due tappe con cui contribuire a creare una nuova cultura politica ...

Leggi tutto ...

Uscita dal cul-de-sac

Per troppi anni abbiamo pensato che per cambiare il mondo fosse necessario conquistare il Palazzo d’Inverno. Oggi sappiamo che non è così. Resta la domanda: dove è possibile ritrovare potenzialità rivoluzionarie? “Penso che il tipo di rivoluzione che cerchiamo sia qualcosa che accade ogni giorno – scrive Chris Carlsson -, dove i semi di una nuova vita germogliano nelle pratiche quotidiane di solidarietà e mutualismo, nella cura reciproca e del mondo naturale ...

Leggi tutto ...

Riappropriarsi della finanza locale: se non ora quando?

Quando si parla della città, le riflessioni prodotte dai movimenti sociali dimostrano un'interessante profondità su varie tematiche, dal territorio all'abitare, dai servizi pubblici ai beni comuni. Tuttavia, spesso si fermano sulla soglia del quadro economico-finanziario, lasciando che a tracciarne le direttrici sia la narrazione dominante e la cosiddetta “oggettività” dei dati. È così che le lotte prodotte sono tanto generose quanto destinate all'inefficacia, poiché vanno a cozzare sul muro del “C'è il debito, non ci sono i soldi” ...

Leggi tutto ...

A Roma una Conferenza internazionale per indagare l’impatto dei droni sulla guerra moderna

L’appuntamento è per Giovedì 13 giugno alle ore 14.30 presso la Sala Cristallo dell’Hotel Nazionale (Piazza Montecitorio, a Roma): in quella sede si daranno appuntamento esperti nazionali ed internazionali per una Conferenza di confronto sulle prospettive dell’uso - anche italiano - di droni armati in missioni letali e le relative implicazioni strategiche, extragiudiziali, di trasparenza e tutela dei diritti fondamentali ...

Leggi tutto ...

Riconoscere l’inedito

Viviamo una “crisi” che non passa mai, nella quale le persone si sentono immerse senza poterne tirar fuori la testa. Una stagione pervasa dal risentimento, in cui molti cercano un capro espiatorio: crescono i muri di separazione, le ronde, l’acquisto e l’uso delle armi, l’accanimento contro i più poveri e i migranti. Abbiamo bisogno di ritrovare lo spirito dell’utopia, dice Roberto Mancini, uno spirito ma prima di tutto un modo di essere e di costruire legami ...

Leggi tutto ...

Amore e rivoluzione

“Dieci anni dopo le prime rivolte, i media europei sostengono che la cura di austerità in Grecia è riuscita e la calma è tornata. Questo film dimostra il contrario. A Salonicco, i giovani stanno bloccando le aste di case pignorate. A Creta, i contadini si oppongono alla costruzione di un nuovo aeroporto e una ZAD comincia ad emergere. Ad Atene, un gruppo misterioso preoccupa il potere moltiplicando i sabotaggi. Nel quartiere di Exarchia, minacciato di evacuazione, il cuore della resistenza raccoglie i rifugiati nell’autogestione ...

Leggi tutto ...

In comune

Indagare il rapporto tra natura, capitale e lavoro umano e il cambiamento climatico tra negazionismi e green economy, rende evidente come la follia del capitalismo non sembra ancora conoscere alcun limite. Abbiamo bisogno di riappropriarci delle condizioni materiali della riproduzione sociale, sostiene Massimo De Angelis: esperienze di fare in comune, da Mondeggi alle comunità indigene passando per le cliniche autogestite in Grecia, dimostrano che, nonostante tutto, è possibile cercare orizzonti diversi ...

Leggi tutto ...

Uscire dalla schiavitù della moneta

Da mezzo di scambio si è trasformata in strumento di accesso: la moneta è diventata la chiave che permette di alzare la sbarra della cassiera al supermercato e far passare di là tutto ciò che abbiamo buttato nel carrello della spesa. Così il nostro problema è diventato come procurarci quel passepartout capace di aprire lo scrigno di ogni nostro desiderio. Le banche per lo più creano moneta dal niente. Usano i risparmi raccolti come base per moltiplicare di varie volte i prestiti che poi rilasciano ...

Leggi tutto ...

Al governo del cambia-niente

Dalla Val d’Agri alla Val Susa fino alle piazze di Roma, dalla Sicilia alle mobilitazioni del Salento, più di cinquanta fra singole sostenitrici e sostenitori, organizzazioni e movimenti ambientalisti e della società civile scrivono al governo: “Avete mancato tutti gli impegni, per mettervi al servizio di interessi che nulla hanno a che fare con quelli dei cittadini italiani e dell’ecosistema. Ne pagherete le conseguenze” ...

Leggi tutto ...