Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

FSFE: l'Europa dovrebbe riconsiderare il concetto di "proprietà intellettuale"

Per contribuire alla consultazione pubblica della Commissione Europea riguardante l'aggiornamento del sistema di regolamentazione della "proprietà intellettuale (IP)", la FSFE ha pubblicato il suo primo riscontro. Basandosi sulla sua esperienza a livello mondiale con il Software Libero, la FSFE richiama ad un sistema di regolamentazione più inclusivo e decentralizzato che permetta una sostenibilità della condivisione della conoscenza e delle risorse intangibili ...

Leggi tutto ...

Piano Triennale 2020-2022

È stato pubblicato dall'Agenzia per l'Italia Digitale (AgID) il Piano Triennale 2020-2022 per l'Informatica nella PA, che presenta una serie di obiettivi e azioni da intraprendere da parte degli enti nei prossimi mesi per procedere nell'attività di digitalizzazione dei processi dell'amministrazione pubblica. In più punti del documento si trovano riferimenti alla volontà di consolidare ed estendere le buone pratiche del riuso e della pubblicazione del codice prodotto in seno alle amministrazioni ...

Leggi tutto ...

100 giorni di 'Denaro pubblico? Codice pubblico!' in Monaco

100 giorni fa, l'accordo di coalizione "Mit Mut, Visionen und Zuversicht: Ganz München im Blick (Con coraggio, visione e fiducia: tutta Monaco in vista)" è stato firmato dal nuovo gruppo di governo Grüne/Rosa Liste e SPD/Volt, e anche dal sindaco Dieter Reiter. Questo accordo contiene un forte impegno ad utilizzare il Software Libero; in futuro, il principio di 'Denaro pubblico? Codice pubblico!' dovrà essere applicato. Monaco è quindi d'accordo con la richiesta della FSFE ...

Leggi tutto ...

La sotterranea rivolta dei Comuni

Mentre, di decreto in decreto, imprese e banche premono per continuare a dettare le linee della politica economica, dietro l’ideologia, ormai più che consunta, della crescita e l’interesse, molto più concreto, dei propri profitti, i Comuni restano al palo senza soluzione di continuità. Ed ecco allora, in attesa dell’agognata libertà di licenziamento, altri mesi di cassa integrazione, senza alcun intervento nei confronti di tutte quelle aziende che ne hanno approfittato ...

Leggi tutto ...

Ricostruire l’Italia. Con il Sud

Il sociale, l’istruzione, la mobilità, i luoghi, le imprese sono gli assi su cui concentrare l’impegno per la ricostruzione del Mezzogiorno, dopo l’emergenza covid-19. Un documento di 29 esperti su come pensare al futuro del Sud. Pubblichiamo il documento, promosso da 29 esperti di Mezzogiorno, sul ruolo del Sud nella ricostruzione del Paese dopo la pandemia di Covid-19 e sugli interventi necessari. E’ un contributo al dibattito di Sbilanciamoci! raccolto nell’ebook ‘In salute, giusta, sostenibile. L’Italia che vogliamo’ ...

Leggi tutto ...

Il Ceta si è fermato a Cipro

È un fatto inedito e del tutto straordinario nella storia dei trattati commerciali europei. Il parlamento cipriota, con larga maggioranza, nell’ultimo giorno di luglio di questa strana estate segnata dalla pandemia, ha detto di No all’accordo di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada. La Campagna italiana Stop TTIP/CETA era riuscita a bloccare l’avvio dell’iter di ratifica nel 2017, poi i partiti al governo avevano nascosto il dossier in un cassetto aspettando tempi migliori ...

Leggi tutto ...

Il Parlamento di Cipro boccia il CETA! L’accordo è appeso a un filo

Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli, ieri il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, esposti alla pirateria alimentare d’oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi ...

Leggi tutto ...

Acqua, dobbiamo ripubblicizzarla

Oggi ricorre il 10° anniversario della risoluzione dell’ONU che riconosce il diritto umano (universale, indivisibile e imprescrittibile) all’acqua potabile e all’igiene. Purtroppo la situazione è grave: 2,2 miliardi di persone non sanno che cos’è l’acqua potabile e 4,2 non hanno accesso ai servizi igienici; più di 9 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno a causa di malattie causate, tra l’altro, dalla mancanza di acqua pulita. Il lavaggio delle mani è un atto impossibile per centinaia di milioni di esseri umani ...

Leggi tutto ...

Dobbiamo amazzonizzarci

Questa volta la solidarietà non è sufficiente, capire e denunciare non basterà perché il cambiamentodi cui abbiamo bisogno è una controffensiva di prospettiva e di sistema. Dopo la pandemia siamo noi la cura: dobbiamo amazzonizzarci. Vivere sentendosi parte della natura come chi vive nella foresta amazzonica, che non è solo un bosco, ma un sistema vivente, di valori, una comunità, l’economia del buen vivir che il Capitalocene non ci potrà mai assicurare» ...

Leggi tutto ...

Movimenti nella pandemia X

In tutta l’America Latina il Covid continua a colpire in modo violentissimo: il più drammatico è naturalmente il noto caso del Brasile, dove si sono superati gli 80 mila morti, ma il Messico è già a 40 mila, seguono il Perù, il Cile, la Colombia, etc. Le previsioni sulla catastrofe economica non sono da meno in una regione che, già molto prima dell’arrivo del virus, denunciava in modo esplicito e crescente le conseguenze nefaste del modello estrattivista sulla vita quotidiana de los de abajo ...

Leggi tutto ...

Le forniture militari all’Egitto sono inaccettabili, il ministro Di Maio faccia chiarezza

In relazione all’audizione del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, on. Luigi Di Maio, presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, prevista per oggi, giovedì 16 luglio alle ore 14.00, invitiamo il Ministro a chiarire ufficialmente se è stata concessa l’autorizzazione alla fornitura all’Egitto delle due fregate Fremm già destinate alla Marina Militare italiana (la Spartaco Schergat e la Emilio Bianchi). Rinnoviamo inoltre la richiesta al Governo ...

Leggi tutto ...

Appello di 68 parlamentari Ue per la tassa sulle transazioni finanziarie

Alla vigilia del vertice sul Recovery Fund, 68 deputati che siedono al parlamento europeo ricordano che la tassa non è stata inserita tra le possibili risorse proprie che la Commissione potrebbe mettere in campo per finanziare parte delle spese da affrontare causa pandemia. Non solo. L'ultima formulazione sarebbe "annacquata": esclude infatti i derivati azionari, facendo così crollare il possibile gettito fiscale ...

Leggi tutto ...

Roma, Consiglio Comunale approva mozione contro il patto di stabilità e a favore delle risorse ai Comuni

Il Consiglio Comunale di Roma ha approvato all’unanimità una mozione per chiedere una svolta sul debito dei Comuni e sulle risorse necessarie per affrontare l’emergenza sanitaria, economica e sociale. L’ordine del giorno è stato promosso da Attac Italia e chiede a tutti i Comuni di prendere posizione contro le politiche liberiste e di austerità e di rivendicare le risorse necessarie per poter esercitare la propria funzione pubblica e sociale. La mozione approvata impegna la Sindaca a richiedere ...

Leggi tutto ...

La ripresa passa dalla cogestione delle imprese

Il rilancio della manifattura in Italia non può basarsi su contenimento dei costi e competitività di prezzo. Un nuovo Fondo per gli investimenti e la cogestione potrebbe sostenere le imprese disposte a innovare il proprio modello strategico e organizzativo, puntando sulla compartecipazione alle scelte. L’emergenza Covid-19 può rappresentare una grande opportunità. Governo italiano e Unione Europea si apprestano a mettere a disposizione un’ingente quantità di risorse ...

Leggi tutto ...

In Umbria i cittadini si mobilitano contro la trasformazione dei cementifici in inceneritori

A Gubbio i gestori di due impianti hanno chiesto alla Regione l’autorizzazione per potere bruciare combustibile solido secondario. Il Coordinamento regionale Rifiuti Zero, insieme a diverse associazioni, ha proposto linee guida opposte, “Verso rifiuti Zero”. Il rischio infatti è che la città diventi “l’inceneritore di rifiuti dell’Umbria”. Gubbio non vuole altre emissioni nocive. Divampa in questi giorni in provincia di Perugia il conflitto tra i cittadini e i due cementifici, Colacem e Barbetti, ...

Leggi tutto ...

Svendita quote farmacie comunali e rinegoziazione del debito di Torino: tutto torna?

Una interpellanza di oggi, a firma Eleonora Artesio e Deborah Montalbano, parte da una recente e interessante novità: la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, intervenendo su un contenzioso intercorso tra il Comune di Cattolica e la BNL in riferimento ad alcuni contratti di swap, ha dichiarato NULLI i contratti stipulati senza deliberazione del Consiglio Comunale. A questo punto la domanda sorge spontanea: tutto regolare a Torino in relazione a questa sentenza? ...

Leggi tutto ...

La nuova onda Notav

Ventenni e anche adolescenti che hanno imparato a stare insieme e organizzarsi nei campeggi del festival Alta Felicità, si sono fatti le ossa nelle grandi mobilitazioni per il clima del 2019, hanno partecipato ai flash mob planetari seguiti all’uccisione di George Floyd, sono oggi i protagonisti della rinascita del movimento valsusino. Un brillante e articolato intervento di Wu Ming1 conferma l’emergere di una nuova generazione. Che produce nuove interessanti risonanze con lotte di tutto il mondo ...

Leggi tutto ...

USA: Giudice ordina la chiusura dell’oleodotto Dakota Access

Un giudice federale ha deciso che i proprietari dell’oleodotto Dakota Access (DAPL) devono interrompere le operazioni, mentre il governo conduce un’analisi completa per esaminare il rischio che il DAPL rappresenta per la tribù Sioux di Standing Rock. La decisione del tribunale ha segnato una grande vittoria per la tribù, che dal 2016 è impegnata in una lotta di alto profilo contro l’oleodotto. La sentenza che ordina la chiusura del DAPL segna l’ultima parola ...

Leggi tutto ...

I numeri del commercio equo e solidale in Italia nel rapporto annuale di Equo Garantito

La rivoluzione equa e solidale può salvare il Pianeta. Ne è convinta l’associazione che riunisce in Italia oltre 70 organizzazioni del commercio equo e solidale. Il report annuale mette in fila i numeri -valore della produzione, punti vendita, lavoratori e volontari- e riflette su valori, parità di genere e iniziative formative. “Cambiare l’economia facendo economia. Seguire i principi contabili mettendo al centro le persone, le comunità, l’ecologia ...

Leggi tutto ...

Sanità: dica trentasei miliardi

Le pressioni affinché l’Italia acceda ai fondi del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) per ottenere finanziamenti per la sanità si moltiplicano, dentro e fuori il governo, sui media mainstream e da parte delle grandi imprese. Pare che tutti si siano accorti che i 36 miliardi di euro a cui si potrebbe accedere siano esiziali per il nostro sistema sanitario. Coincidenza vuole che sono proprio 36 i miliardi che i governi di differente colore hanno sottratto al servizio sanitario pubblico nel periodo 2010-2019 ...

Leggi tutto ...

Disarmo umanitario: oltre 145 organizzazioni della società civile internazionale diffondono un appello globale per una “nuova normalità”

Più di 145 organizzazioni della società civile internazionale (tra cui la Rete Italiana per il Disarmo) hanno pubblicato oggi una lettera congiunta in cui affermano che il disarmo umanitario può aprire la strada ad un mondo post-pandemico migliore. Sostenuta da campagne globali che hanno ottenuto due premi Nobel per la pace e promosso la creazione di quattro Trattati internazionali negli ultimi 25 anni, la lettera sottolinea come il collaudato approccio del disarmo umanitario ...

Leggi tutto ...

Movimenti nella pandemia IX

In questi ultimi giorni, è appena cominciato l’inverno, il coronavirus ha ripreso a colpire più pesantemente l’Argentina. Il numero dei contagi e dei morti continua a crescere, oltre 60 mila i primi e più di 1300 i secondi. Il governo ha scelto di tornare alla fase 1 delle restrizioni, cominciate in quel lontano 20 marzo, oltre tre mesi fa, un lockdown più lungo che a Wuhan. La crisi sanitaria ed economica non poteva non mettere in ginocchio il paese. Le conseguenze più dure le pagano, come sempre, i poveri ...

Leggi tutto ...

#StopEuMercosur: non svendiamo il pianeta e la nostra salute

Con il nuovo report di Stop TTIP Italia “Pianeta Svenduto” e una lettera firmata da 265 organizzazioni europee e latinoamericane parte oggi la Campagna #StopEuMercosur, per fermare uno dei trattati più tossici mai formulati, negoziato dall’UE con i Paesi del mercato comune sudamericano (Mercosur): Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Il documento è firmato, in Italia, da Stop TTIP Italia, Fairwatch, CGIL, Terra!, Greenpeace, Legambiente, ARCI, ARCS, Slow Food, Attac Italia ...

Leggi tutto ...

Appunti per una nuova economia

Cambiare non è più un optional, ma una necessità. È arrivato il tempo di progettare come coniugare sobrietà con lavoro e dignità. Non di solo Pil vive l’uomo ma di tutte le sue relazioni. Per troppo tempo abbiamo pensato che la felicità si misuri solo in termini di ricchezza e agiatezza, l’esperienza ci dice che dipende anche da quanto ci sentiamo amati, da quanto tempo possiamo trascorrere con le persone a cui vogliamo bene, da quanto ne possiamo dedicare alle nostre passioni e interessi ...

Leggi tutto ...

La piattaforma per denunciare lo sfruttamento di chi lavora nell’industria tessile

Abiti puliti lancia Fashion Checker, uno strumento per fare luce sulle condizioni di chi è impiegato nel settore tessile. Il 93% dei brand intervistati non ha fornito prove concrete dell’impegno a pagare salari dignitosi nella propria catena di fornitura. La situazione è peggiorata con il Coronavirus. “Non abbiamo mai visto dati sui pagamenti da parte dei marchi, sui prezzi che pagano davvero. Il nostro direttore dice sempre che siamo in perdita. Secondo lui dovremmo lavorare ancora di più” ...

Leggi tutto ...

Nei territori zapatisti del Chiapas durante la pandemia

Nello Stato messicano il 76% della popolazione vive in condizione di povertà e la sanità pubblica è carente. A pagare le conseguenze sono le comunità contadine e indigene in cui, da quando è arrivato il virus, solo nel 16% dei casi sono presenti medici. Reportage dal cuore della Selva Lacandona, tra i promotores de salud zapatisti che hanno raggiunto gli ambulatori più remoti per evitare il contagio. Il dottor Joel Heredia guida sulla strada che dalla città di Ocosingo ...

Leggi tutto ...

Come eliminare i Sussidi Ambientalmente Dannosi

È online il Rapporto di Sbilanciamoci! sui Sussidi Ambientalmente Dannosi (che ammontano a 19,8 miliardi di euro l’anno), con dati, analisi e proposte per la loro eliminazione entro il 2025. Con la pubblicazione del Catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi (SAD) l’Italia si è finalmente dotata di uno strumento di rendicontazione dell’impatto dei sussidi sull’ambiente. Quello che manca oggi è un piano che porti alla loro definitiva cancellazione ...

Leggi tutto ...

Il tempo del reddito di base

È sempre più evidente: dobbiamo affrontare una recessione profonda, l’impoverimento precipiterà su un numero elevato di persone. Sappiamo anche che nei prossimi anni ci saranno altre crisi economiche, finanziarie, ma soprattutto climatiche e purtroppo pandemiche. Le misure di protezione del reddito finora introdotte sono troppo diversificate, di accesso difficile, di breve durata e di importo insufficiente. È necessario, scrive l’economista Paola Boffo, mettere in atto piani per un reddito di base universale e incondizionato ...

Leggi tutto ...

Per una società della cura

Certo, i più fragili pagano costi più alti per le conseguenze della pandemia. Tuttavia negli ultimi tre mesi, collaborazione e solidarietà hanno acquisito ovunque un significato senza precedenti nella storia moderna. Un testo collettivo, nato intorno all’associazione Wirtschaft ist Care (“Economia è cura”, di cui Ina Praetorius, femminista, economista e teologa è cofondatrice) ricorda come viviamo in un mondo che sopravviverà soltanto in quanto comunità. Intorno al “prendersi cura” cominciano a emergere modi diversi di vivere ...

Leggi tutto ...

Teledidattica: proprietaria e privata o libera e pubblica?

In questi mesi, non volendo essere usata dalle piattaforme proprietarie raccomandate per la teledidattica, ho sperimentato alternative libere, e, fra queste, sia i sistemi di teleconferenza basati su Jitsi di iorestoacasa.work, sia, direttamente, quelli offerti da uno dei suoi partecipanti, il GARR. Non potendo permettermi altro, ho provato solo quanto messo gratuitamente a disposizione per far fronte all’emergenza pandemica: e mi sono resa conto che, in Italia, non avrei potuto trovare niente di meglio dei servizi del GARR ...

Leggi tutto ...

Curare territorio e comunità

Una società in salute è quella che si sforza di costruire ogni giorno una coesione sociale che viene prima degli interessi economici e finanziari, che promuove la cultura della cura dello spazio pubblico in ogni contesto territoriale. Una società che favorisce la gestione democratica dei beni collettivi, che mette al centro la sostenibilità ambientale e sociale a cui le dinamiche economiche devono adeguarsi e non viceversa. Il concetto di cura può diventare un progetto politico e deve indirizzare ogni processo economico verso una vera sostenibilità ambientale e sociale ...

Leggi tutto ...

Una Petizione al Parlamento per la Campagna “Un’altra difesa è possibile”

Le Reti promotrici della Campagna “Un’altra difesa è possibile” (Sbilanciamoci!, Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale per il Servizio Civile, Rete della Pace, Rete Italiana per il Disarmo, Tavolo Interventi Civili di Pace) rilanciano la mobilitazione con una richiesta diretta a Camera e Senato che chiede riconoscimento e sostegno a chi difende i valori costituzionali senza ricorrere alle armi. La nuova fase della Campagna “Un’altra difesa è possibile” ...

Leggi tutto ...

Decreto Rilancio: serve una strategia di cambiamento

Il Decreto Rilancio vale 155 miliardi di investimenti. L’analisi e le proposte alternative della Campagna Sbilanciamoci!. Dal welfare al lavoro, dalla salute alla mobilità, dall’ambiente alla giustiza, dall’istruzione alla cultura, al fisco. La campagna Sbilanciamoci! reputa di grande importanza il rilevante sforzo finanziario contenuto nel Decreto Rilancio di fronte all’emergenza Covid-19. Si tratta di 155 miliardi di euro di interventi. Circa 55 sono di indebitamento effettivo ...

Leggi tutto ...

Movimenti nella pandemia VII

Come reagisce alla pandemia una rete di cooperative con 20 mila soci – 1300 dei quali sono lavoratori che guadagnano uno stesso salario – che riesce a mantenere (quasi sempre) la distanza fisica ma non ha alcuna intenzione di separarsi? Nella Centrale di Cooperative di Servizi Sociali dello Stato di Lara, nel sud del Venezuela, nota da molti anni in tutto il mondo come Cecosesola, quando ci si riunisce non ci sono strutture dirigenti né persone che comandano, decide tutto l’assemblea settimanale ...

Leggi tutto ...

Il rifiuto dell’usucrazia

L’emergenza Covid-19 dovrebbe essere l’occasione per annullare il debito e non il pretesto per aumentarlo. È il momento di fermarsi e di fare dell’abolizione del debito illegittimo, a cominciare da quello imposto dall’Ue, un tema centrale. “Questo orizzonte può diventare utopia che sposta i popoli e li mette in movimento verso una effettiva liberazione – scrive Antonio De Lellis -, dentro la logica dell’economia della custodia e della società della cura dei viventi” ...

Leggi tutto ...

Cambiamo mira! Investiamo nella Pace, non nelle armi

Appello congiunto delle riviste Missione Oggi, Mosaico di Pace e Nigrizia alle comunità cristiane, vescovi, parroci, consigli pastorali e a tutte le persone di buona volontà. Vi invitiamo a prendere parte con noi al percorso di rilancio della Campagna di pressione alle “banche armate” che avverrà il 9 luglio in occasione dei 30 anni della promulgazione della Legge 185 del 1990 che ha introdotto in Italia «Nuove norme sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento» ...

Leggi tutto ...

Enel disinveste dal carbone anche in Cile. Annunciata la chiusura della centrale di Bocamina

Enel ha deciso di chiudere entro metà 2022 entrambe le unità a carbone della centrale di Bocamina, presso la città cilena di Coronel. Una grande vittoria per Re:Common che lo scorso 14 maggio, in occasione dell’assemblea degli azionisti della società, aveva chiesto alla compagnia energetica italiana di non attendere il 2040 per fermare Bocamina, creando così una palese disparità rispetto a Italia e Spagna, dove il phase out del carbone è previsto entro il 2025 ...

Leggi tutto ...

Pensare la decrescita dopo il Covid-19

L’emergenza mondiale sanitaria dimostra che soltanto dal basso è possibile rimettere in discussione la cultura politica dominante, concentrata unicamente sulla conquista del potere, e offrire risposte alle omissioni di un sistema costruito sulla crescita e sulla mercificazione di ogni bene materiale e immateriale. Esistono già saperi ed esperienze per fare a meno del sistema capitalista. Si tratta di puntare lo sguardo verso una visione di futuro che discende da un rapporto molto stretto con il mondo reale ...

Leggi tutto ...

Movimenti nella pandemia VI

Una nuova puntata del lungo viaggio giornalistico di Raúl Zibechi nella resistenza autonoma dei popoli latinoamericani al coronavirus. Questa volta si parte dalla chiusura del territorio dei Wampis, un popolo amazzonico che cinque anni fa ha creato un proprio governo autonomo dentro il Perù. Non è piccolo, quel territorio: un milione di ettari per 15 mila abitanti, guidati da un Consiglio dei Saggi, ma a governare sono le assemblee, in ogni valle ce n’è una ...

Leggi tutto ...

L’Altraeconomia, il momento è ora

La cooperativa “Altra Economia” lancia una campagna di ricapitalizzazione. È un momento decisivo per la continuità di una rivista e di una casa editrice che hanno una lunga storia alle spalle e un lungo cammino da percorrere. Un cammino difficile quanto necessario per garantire un futuro plurale all’informazione indipendente e una riserva di notizie, approfondimenti e inchieste. L’editoriale del direttore spiega perché è oggi che questo racconto del mondo va messo in sicurezza ...

Leggi tutto ...