Se c’è una cosa che ha insegnato la crisi finanziaria è che staremmo tutti meglio con meno finanza. Se ti interessano le risposte della finanza etica e dell'economia solidale a questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Si vis pacem para pacem

Le armi e la corsa ad armarsi impediscono di costruire canali alternativi per risolvere i conflitti. Le guerre si prevengono costruendo attivamente la pace quando non cadono le bombe. Occorre cambiare direzione sugli armamenti, rafforzando il ruolo dell’Onu. Abbiamo la cattiva abitudine di occuparci di guerra quando cadono le bombe, invece dovremmo occuparcene quando i cannoni tacciono perché le guerre vanno prevenute e si prevengono costruendo attivamente la pace. Le guerre non avvengono mai per caso ...

Leggi tutto ...

“La ripresa post-pandemia sarà verde e femminista, o non ci sarà”

C’è un urgente bisogno di cambiare il modello di sviluppo per andare verso una società attenta e inclusiva che metta al centro l’uguaglianza di genere e riconosca l’interdipendenza tra le persone e l’ambiente, scrive Magdalena Sepúlveda della Commissione indipendente Icrict. Mentre il mondo celebra la Giornata internazionale della donna, l’8 marzo, diamo uno sguardo a quello che sta succedendo in Cile. In questo Paese dove sono cresciuta, noto per il suo conservatorismo e neoliberismo estremo, soffiano venti di speranza ...

Leggi tutto ...

La transizione dall’economia di oppressione all’economia di liberazione

Per Euclides Mance, tra i pensatori e sperimentatori dell’altra economia nel mondo, è possibile il superamento dei modelli economici oppressivi per quelli di liberazione. È necessario un processo organizzativo, collaborativo e solidale, delle comunità umane perché il cambio economico non interessa solo i flussi materiali ma anche quelli di potere e conoscenza. Le pratiche economiche sono necessariamente relazioni sociali poiché dipendono da flussi materiali, di potere e di conoscenza tra le persone ...

Leggi tutto ...

Da Gaia a Tecno-Gaia… e poi?

“Voglio finire presto, perché ho bisogno di staccare la mente e di immergermi nella consapevolezza gloriosa e sensuale delle connessioni tra la grande atmosfera, i germogli primaverili, la profondità del tempo dell’evoluzione e il mio umile respiro. Inspiro. Espiro. Attraverso il respiro sono collegato alle profondità oceaniche, ai detriti lì seppelliti, ai cicli che si rinnovano di anno in anno. Sono collegato al lichene giallo sulle ripide e scure scogliere e ai foraminiferi che nuotano dall’altra parte del mondo ...

Leggi tutto ...

Il corteo pacifista è un’iniezione di pluralismo nella stanca democrazia italiana

Il racconto della grande manifestazione per la pace di sabato 5 marzo a Roma. Dove si è sentita un’altra voce, si sono avanzate altre ipotesi, come non è avvenuto nel dibattito politico e giornalistico, finora asfittico e tutto orientato a rispondere alla guerra con la guerra. “La guerra è fossile, la pace è rinnovabile”: quando Sara Pezza dei Fridays for future romani sintetizza così il suo intervento dal palco della manifestazione “Europe for peace” organizzata dalla Rete italiana pace e disarmo sabato 5 marzo ...

Leggi tutto ...

Nessun paesaggio dopo la battaglia

Primo: c’è un aggressore, l’esercito russo. Ci sono interessi dei grandi capitali in gioco, da entrambe le parti… Secondo: diversi governi si sono allineati da una parte o dall’altra, facendolo su calcoli economici. Terzo: i vincitori di questa guerra sono le grandi industrie degli armamenti e i grandi capitali che vedono l’opportunità di conquistare, distruggere/ricostruire territori… Un lucido sguardo dal sudest messicano sulla guerra. “Se continua e, come prevedibile, cresce, forse poi non ci sarà nessuno a rendere conto – scrive il SupGaleano – del paesaggio che resterà dopo la battaglia…” ...

Leggi tutto ...

8 marzo contro la guerra

Siamo i corpi, le vite, la carne da cannone di cui si alimenta questo modello di sviluppo costruito sulla crisi permanente e di cui la guerra è parte, i cui costi sociali, economici e ecosistemici non sono mai calcolati. Siamo le donne che vivono la guerra anche in tempo di pace. Contro la guerra dei potenti, per un’Europa senza confini, democratica e solidale: l’8 marzo la marea transfemminista scende in piazza ed è in sciopero per far tacere immediatamente le armi ...

Leggi tutto ...

In piedi per costruire la pace

In un mondo super-militarizzato – lo scorso anno sono stati spesi in armi due mila miliardi di dollari – come possiamo pensare di risolvere il conflitto ucraino con l’invio di armi? Soltanto l’Italia ha investito in armi 30 miliardi di euro. Lo scopo delle armi? Difendere lo stile di vita del 10 per cento della popolazione mondiale che consuma il 90 per cento dei beni prodotti. A pagarne le spese sono miliardi di impoveriti e lo stesso Pianeta. Alex Zanotelli non lancia solo un grido molto puntuale contro l’orrore di chi sostiene in tanti modi la guerra, ma suggerisce alcune proposte ...

Leggi tutto ...

Sul virus del militarismo

Abbiamo visto due marò accusati di omicidio trasformati in eroi della patria. Abbiamo visto l’esercito schierato nelle strade con compiti di ordine pubblico. Lo abbiamo visto fare propaganda nelle scuole elementari. E negli ultimi due anni abbiamo subito la militarizzazione spinta della gestione pandemica. Intanto c’è chi invoca la pace appoggiando chi procura armi all’Ucraina. Sono tempi bui da molti anni per gli anticorpi antimilitaristi. “Bisogna veramente ricostruire, ripartire dall’ABC, recuperare tutta la storia ...

Leggi tutto ...

Ucraina: fermare la corsa alle armi e accogliere

La Commissione e vari stati, tra cui l’Italia, si accingono a inviare armi a Kiev per continuare una guerra che ha già fatto quasi 400 morti, 1.500 feriti e mezzo milione di profughi. Ma i cittadini vogliono fermare l’escalation e il riarmo: lo dimostrano le manifestazioni ovunque, anche in Russia. Negli ultimi giorni migliaia di persone sono scese in piazza in Italia, in Francia, in Germania e, rischiando l’arresto anche in Russia, chiedendo di fermare la macchina infernale della guerra in Ucraina ...

Leggi tutto ...

In piazza contro chi fa la guerra

Sabato 5 marzo la Rete Italiana Pace e Disarmo chiama tutte e tutti a una manifestazione nazionale a Roma contro la guerra. Dobbiamo esserci tutte e tutti, dobbiamo riempire le piazze della città con i nostri corpi, i nostri cuori e le voci di chi è da sempre contro la guerra senza se e senza ma. “Le guerre sono fatte da persone che si uccidono senza conoscersi ... per gli interessi di persone che si conoscono ma che non si uccidono” diceva Pablo Neruda. E’ ciò a cui assistiamo anche oggi in Ucraina ...

Leggi tutto ...

Oltre le vittorie e le sconfitte

Nella cultura politica egemonica, si tratta di camminare in linea più o meno retta verso una meta, di ottenere dei risultati precisi e di praticare senza farsi troppe domande degli obiettivi. In quella dei popoli indigeni, come nel caso dell’occupazione da parte delle comunità nahua degli impianti dell’impresa Bonafont (Danone) poi sgomberata dalla Guardia Nazionale del Messico, si procede invece in cerchio e non si smette mai di camminare. Perché resistere e lottare non è un "mezzo per" ottenere qualcosa, è il modo di vivere scelto per continuare ad esistere ...

Leggi tutto ...

“Insorgiamo tour”: i lavoratori della Gkn incontrano i territori

L’iniziativa nasce dalla volontà dei lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio di mettere la propria visibilità mediatica a disposizione delle persone, dei lavoratori e delle associazioni che in questi mesi sono stati solidali e che adesso si trovano in difficoltà. Da Taranto a Udine. L’appuntamento clou è in programma sabato 26 marzo a Firenze, al termine di un lungo percorso che ha portato e che porterà nelle prossime settimane le delegazioni di operai e solidali della Gkn in decine di città di tutta Italia ...

Leggi tutto ...

Se i movimenti convergono

Non è mai stato in dubbio che governo, imprese ed espressioni varie degli interessi finanziari siano intenzionati a procedere come sempre, cioè negando la semplice verità di un mondo iper-globalizzato e iper-tecnologico messo in scacco da oltre due anni da un minuscolo essere vivente, che ha fatto saltare tutte le connessioni e rinchiuso in casa oltre metà della popolazione del pianeta. Dalla parte opposta, dalla fine del primo lockdown, alcune centinaia di realtà associative, sindacali e di movimento hanno iniziato a incontrarsi ...

Leggi tutto ...

I dati che vorrei del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Oggi esce il dossier “i Dati che vorrei”. Il primo capitolo di una serie che vuole approfondire il tema dei dati aperti del PNRR, quelli per misurare l’impatto sulle questioni di genere, generazionali e territoriali. Nei primi giorni di febbraio 2022 Il Consiglio dei Ministri ha effettuato una ricognizione della situazione relativa ai principali obiettivi Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) del primo semestre dell’anno evidenziando inoltre che, al 31 gennaio 2022, le Amministrazioni ...

Leggi tutto ...

Piani d’azione per un’economia che verrà

Lo stato permanente di questa pandemia sta accentuando i limiti e fragilità di questo modello economico portando al collasso sistemi sociali e economici globali e locali. Purtroppo chi sta subendo maggiormente la violenza di questa crisi sono le persone da tempo messe ai margini da un sistema economico basato sull’esclusione. Nonostante questo è in corso una reazione, per lo più territoriale che sebbene sia fragile e disarticolata, sta provando a costruire un argine a questa “crisi sistemica” ...

Leggi tutto ...

I piccoli produttori nutrono ancora il Pianeta, nonostante la Fao

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite sarebbero le grandi aziende agricole a sfamare la popolazione mondiale. In realtà sono i piccoli produttori a nutrire il 70% delle persone, tutelando la biodiversità e producendo cibo di qualità. Dove dominano i colossi, invece, le colture finiscono prevalentemente ad allevamenti e biocarburanti. I piccoli produttori sfamano ancora il mondo ma l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) ha smesso di riconoscerlo ...

Leggi tutto ...

“Soldi per niente”, un ciclo di incontri per tornare a occuparsi di finanza

Dal 23 febbraio parte “Money 4 Nothing”, un percorso in dieci tappe organizzato da Impact Hub Roma, Altreconomia, Kritica economica e Sbilanciamoci!. Obiettivo: riprendere in mano la finanza -oggi tutta speculazione e ipertrofia autoreferenziale- e riportarla vicino alle persone e alle imprese. Il mondo galleggia sopra tanti soldi. Mai nella storia, da Oriente a Occidente, soprattutto nell’emisfero settentrionale, il livello di risorse finanziarie disponibili è stato così alto ...

Leggi tutto ...

Stralciare l’art. 6 dal Disegno di Legge "Concorrenza"

Per la nostra Costituzione i Comuni hanno un ruolo democratico essenziale quali istituzioni più prossime alla cittadinanza, luoghi fondamentali per garantirne il soddisfacimento dei bisogni e la tutela dei diritti. Le normative statali che in questi ultimi anni ne hanno ridotto le risorse, vincolato rigidamente le scelte, obbligato alla svendita del patrimonio pubblico e dei beni comuni, stanno sgretolando tali funzioni. L’art. 6 del DdL Concorrenza è un proditorio attacco alla sovranità comunale ...

Leggi tutto ...

Una Finanza Etica, Solidale, Autogestita, Locale ? MAG..ari !!!

La cooperativa sociale “MicroMAG Altro Tirreno”, costituita a Pisa il 22 ottobre 2020, ha per scopo l’erogazione di microcredito finalizzato alla inclusione sociale e finanziaria di persone fisiche, la promozione della cultura di un uso responsabile e critico del denaro e il servizio legale ad associazioni e gruppi di volontari che promuovono attività di finanza etica e solidale nel territorio di riferimento del Distretto di Economia Solidale Altro Tirreno, le province di Livorno, Lucca, Massa Carrara e Pisa ...

Leggi tutto ...

La scure del governo sull’energia rinnovabile cooperativa: “ènostra” scrive a Draghi

Con il “Decreto Sostegni ter” l’esecutivo ha promesso di togliere guadagni a chi si è arricchito maturando extra-profitti per dare sostegno a famiglie e aziende colpite dai rincari. In realtà si colpiscono le iniziative che promuovono rinnovabili e risparmi in bolletta, spiega Sara Capuzzo, presidente della cooperativa energetica. Egregio presidente Draghi, le racconto questa storia per metterla al corrente del fatto che esistono formule in grado di contrastare efficacemente il caro energia ...

Leggi tutto ...

Il Forum della convergenza dei movimenti

La profondità della crisi sociale, economica, climatica e ambientale, la drammaticità delle diseguaglianze sociali e di genere dimostrano il fallimento di un’intera classe dirigente. Non è andata bene per niente. Tanto la gestione della pandemia quanto le scelte di fondo per uscirne continuano ad avere come faro il profitto e come strumenti crescita, concorrenza e competitività. Governo, grandi imprese e interessi finanziari hanno dimostrato di non aver compreso nessuno degli insegnamenti indotti dalla pandemia ...

Leggi tutto ...

“Poemag”: quando economia (solidale) fa rima con poesia

Il poema epico di Giovanni Lupi cambia l’approccio della narrazione del mondo ecosolidale, tradizionalmente legata al saggio. Con una funzione quasi terapeutica. Cambiare l’economia è un’impresa epica, lo sappiamo bene. Chi non si è sentito almeno una volta un moderno Atlante, con il mondo sulle sue spalle? Oppure novello Argonauta alla ricerca di un vello, magari in cotone biologico? Ma le fatiche spesso sono assai meno eroiche: far quadrare i conti, essere coerenti, tener fede ai propri valori ...

Leggi tutto ...

Comunità e conversione ecologica

Chi può avviare processi di conversione ecologica? Certo non i governi nazionali né gli imprenditori (con i loro pericolosissimi progetti di geoingegneria), ma neanche le agenzie internazionali, incapaci di opporsi agli interessi del Big business. Gli attori su cui ricade quella responsabilità devono ancora costituirsi: sono le comunità territoriali. Coinvolgere il territorio vuol dire mettere insieme i lavoratori, le associazioni professionali, civiche e ambientaliste, i sindacati, le parrocchie, i governi locali, le scuole e le Università ...

Leggi tutto ...

Quale futuro per il sito delle Molinette?

Fra cinque anni le Molinette traslocheranno nel nuovo Parco della Salute sull’area Fiat Avio estesa alle Arcate del MOI. Ne danno il lieto annuncio i vertici di Comune, Regione e Università, ciechi, sordi e muti sulle centinaia di malati in barella ai pronto soccorso perché in oltre due anni di pandemia nulla è stato fatto per potenziare le strutture sanitarie di base, Case e Ospedali della salute o della Comunità che dir si voglia ...

Leggi tutto ...

Il Ddl Concorrenza va in senato

Si chiama Concorrenza, in deferente omaggio alla sacra competizione della libertà del mercato, ma prevede in realtà monopoli con solidi profitti garantiti. Il DDL approvato dal governo in novembre approda al Senato mentre l’Italia intera – in attesa di unirsi davanti agli schermi per assistere alla regina delle competizioni, quella della canzone italica, che segue senza soluzione di continuità la sorella minore, quirinalizia, – ha ben altro da pensare ...

Leggi tutto ...

Immaginare un passaggio di civiltà

Nel settembre del 2012 si tenne a Venezia la Terza Conferenza Internazionale sulla decrescita, la sostenibilità ecologica e l’equità sociale. Era intitolata “La Grande Transizione. La decrescita come passaggio di civiltà” e si proponeva di aiutare a far uscire l’idea di una società della decrescita dall’ambito della provocazione intellettuale per andare in direzione di un progetto di trasformazione fattivo. Dieci anni dopo si sta promuovendo una nuova conferenza ...

Leggi tutto ...

Il servizio civile universale nelle botteghe del commercio equo e solidale

Aperti ottanta posti nelle rete Altromercato in otto Regioni per giovani tra i 18 e 28 anni. L’obiettivo è trasmettere le idee e le pratiche del fair trade, occupandosi di disuguaglianze e sostenibilità. C’è tempo fino al 26 gennaio per inviare le candidature. Diffondere i valori del fair trade, sensibilizzare le comunità locali sulle disuguaglianze economiche e sociali e sviluppare un’informazione attenta sulle scelte che i singoli cittadini possono compiere, diventando consumatori consapevoli ...

Leggi tutto ...

”Un’altra difesa è possibile” ai Grandi Elettori: venga data una casa istituzionale alla difesa nonviolenta

La campagna promossa da Rete Italiana Pace e Disarmo, Tavolo interventi civili di pace, Conferenza nazionale degli Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale Servizio Civile, Sbilanciamoci! per la creazione di un dipartimento della difesa civile non armata e nonviolenta interviene nel dibattito per il Quirinale. Alla vigilia di uno dei compiti più alti e delicati della vita politica ed istituzionale del paese, l’elezione del Presidente della Repubblica italiana, la Campagna “Un’altra difesa è possibile” ...

Leggi tutto ...

Al via la petizione: STOP al DDL Concorrenza, NO alle privatizzazioni. Per l'acqua pubblica e i beni comuni

Il Governo #Draghi vuole aprire una nuova stagione di #privatizzazioni nonostante il chiaro insegnamento della pandemia. Il Disegno di Legge per la #concorrenza, di cui si sta avviando la discussione al Senato, punta a rilanciare la cessione ai privati di tutti i servizi pubblici locali, acqua compresa. L'art. 6 di questo provvedimento rischia di mettere una pietra tombale sull’esito referendario del 2011 cancellando la volontà popolare. Aiutaci a fermarlo! ...

Leggi tutto ...

Lettera aperta del movimento NOTAV agli amministratori della Valle di Susa

Lunedì 20 dicembre 2021 passerà alla Storia come uno dei momenti meno attenti alla memoria della nostra lotta trentennale contro la costruzione del TAV Torino-Lione (NLTL). Ricordiamoci delle proposte ferrentiniane del F.A.R.E., insieme al documento “della Riposa” sottoscritto da quasi tutti i sindaci dell’allora Comunità Montana, oltre al c.d. accordo “di Pra-Catinat” che ancora oggi pesa come un macigno sia a livello nazionale e soprattutto a livello europeo ancorché definito tale da Virano, unico sottoscrittore ...

Leggi tutto ...

2021 con ILS

Si conclude un altro anno, nuovamente reso complicato dalla pandemia ma in cui non sono comunque mancate le iniziative a sostegno di Linux e del software libero. Qui un riassunto di quanto compiuto negli scorsi dodici mesi: circa 10.000 euro sono stati distribuiti nel corso del 2021 a progetti di sviluppo ed iniziative legate alla cultura libera, a maggio si è tenuta la seconda edizione di MERGE-it, come ogni anno, ad ottobre si è svolto il Linux Day ...

Leggi tutto ...

L'agricoltura contadina alla sfida della convergenza

Nel 2021 il concetto di sovranità alimentare ha festeggiato il suo venticinquesimo compleanno. Si iniziò a parlarne in Messico già nel 1995 ma la questione emerse con chiarezza nel novembre 1996, quando i movimenti contadini, le associazioni, le ONG si riunirono a Roma nel Forum della società civile per il diritto al cibo, in parallelo al summit mondiale dei capi di stato sull’alimentazione tenuto presso la FAO. Da allora la sovranità alimentare è diventata un caposaldo nell’agenda delle rivendicazioni ...

Leggi tutto ...

La privatizzazione del vento

La battaglia di Bettina Cruz e dell’Asamblea de Pueblos Indigenas del Istmo en Defensa de la Tierra y el Territorio. L’Istmo di Tehuantepec, nello Stato messicano di Oaxaca, un po’ più a nord del confine meridionale con il Guatemala, fa parte del Corredor Biológico Mesoamericano, uno dei più importanti del mondo. Per la sua posizione geografica strategica, però, fa parte anche della Zona Económica Especial, ed è minacciato dalla possibilità di essere di fatto considerato solo un territorio utile ...

Leggi tutto ...

Lotte, alternativa di società, convergenza dei movimenti

Intervista a Dario Salvetti (Collettivo di Fabbrica GKN Firenze). Quali sono gli obiettivi specifici delle vostre lotte? Aver varcato quei cancelli il 9 luglio scorso dopo l’arrivo dell’email da parte del Fondo Melrose, e esserci da subito costituiti in Assemblea permanente sono stati una scelta naturale, conseguenza di tutte le lotte sviluppate negli ultimi anni in GKN che hanno posto le basi di ciò che siamo oggi. La democrazia operaia, con il collettivo di fabbrica e i delegati di raccordo ...

Leggi tutto ...

Essere in comune

La crisi ecologica è nella sua essenza una questione etica di giustizia, in cui quelli che sono in alto tentano di mettere i ceti popolari contro la transizione ecologica (lo fa, ad esempio, il ministro Cingolani quando dice “sarà un bagno di sangue” e quando parla di “ambientalisti radicali chic, oltranzisti ed ideologici”). Che fare? Non basta rafforzare il sistema dei trattati multilaterali introducendo clausole vincolanti, occorre “sottrarre agli stati la sovranità sull’utilizzo delle risorse naturali e cederla alle comunità locali insediate ...

Leggi tutto ...

I (presunti) limiti del capitalismo

Da ormai parecchi anni la molteplicità delle crisi che attraversiamo mostra con evidenza che la barbarie, e perfino la possibilità dell’estinzione di molte specie del pianeta, non sono più solo una minaccia o un’alternativa teorica. Lo erano magari cento anni fa, quando ne parlava Rosa Luxemburg. Oggi, sebbene lo si avverta in misura minore in questa piccola parte privilegiata del pianeta, i disastri climatici e ambientali, la fuga disperata di milioni di persone, le crisi del sistema alimentare e dell’acqua ...

Leggi tutto ...

Appello per il voto contro le delocalizzazioni

No alle delocalizzazioni, votate e fate votare l'emendamento Mantero. Dalla Caterpillar alla Better.com per arrivare alla Speedline: sono migliaia i posti di lavoro a rischio nel nostro Paese a causa di un capitalismo predatorio che usa i territori, lavoratrici e lavoratori come variabili dipendenti, scaricandoli come scarti nel momento della delocalizzazione produttiva all'estero. Finora il Governo non è stato in grado di mettere un freno a questa deriva ...

Leggi tutto ...

Trolley Times: la protesta più lunga di tutti i tempi ha vinto, ma la storia continua

La notizia era già nell’aria, come anche su questo sito avevamo registrato e il 9 dicembre è arrivata la conferma. La mobilitazione sindacale più in tutti i sensi grande, lunga, compatta, eroica che mai si sia vista sulla faccia del pianeta, ha proprio vinto su tutti i punti in contenzioso e può dirsi quindi conclusa. Ne ha dato conferma un comunicato del SKM (Samyukt Kisan Morcha, Fronte unitario contadino, la coalizione di oltre 30 cartelli sindacali che per oltre un anno ha guidato la protesta) ...

Leggi tutto ...

In Rete con le monete

Lunedì 8 novembre 2021 si è tenuto l'incontro “Monete locali e complementari: pratiche di scambio eco-solidali” proposto da RIES a tutti i soci. Focus della serata è stata la restituzione dei lavori e i risultati dall'incontro nazionale del "Laboratorio monete", tenutosi a Milano il 16 e 17 ottobre 2021. Si è sviluppato un dibattito molto partecipato, che ha portato alla condivisione di stimoli e spunti per prassi progettuali condivise nella rete, soprattutto nell'ambito delle relazioni con le istituzioni ...

Leggi tutto ...