La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

GEAB 52 - Parte 2/3 - Crollo del protettorato americano nel mondo arabo

Il nostro team cercherà ora di anticipare gli eventi nella regione, la cui rapidità sorprenderà ancora di più coloro che non si aspettavano gli shock della Tunisia e dell’Egitto di queste ultime settimane ...

Leggi tutto ...

GEAB 52 - Parte 1/3 - La caduta del muro dei petrodollari

Fine 2011: caduta del "Muro dei Petroldollari" e un importante shock monetario e petrolifero per gli Stati Uniti. Con questo numero il nostro team celebra due importanti anniversari, riguardo le sue anticipazioni ...

Leggi tutto ...

Tunisia, Egitto, Libia. Domande di un lettore di annuari

Economia, demografia, sviluppo. Qualche riflessione sulle rivoluzioni in corso a partire dalla lettura dei numeri di un annuario ...

Leggi tutto ...

Piazza Tahrir, Wisconsin

La protesta contro le leggi antisindacali si estende a tutti gli Usa. Anonymous lancia una campagna contro i finanziatori del governatore Walker: i miliardari Koch ...

Leggi tutto ...

Uncut, una “relazione speciale” contro le banche

Nelle pagine del Guardian del 25 febbraio 2011 scopriamo Uncut, un "movimento cittadino" come si direbbe in linguaggio parigino politicamente corretto, e che lo è realmente ("cittadino") e non per i talk show televisivi; Uncut, che si è sviluppato nel Regno Unito e che è ormai adottato dagli Stati Uniti ...

Leggi tutto ... (in francese)

Libia: nel 2009 l'Italia ha triangolato armi leggere per 79 milioni di euro

"Nel 2009 l’Italia ha triangolato attraverso Malta al regime del Colonnello Gheddafi oltre 79 milioni di euro di armi leggere ad uso militare della ditta Beretta, secondo alcune fonti europee. E’ anche con queste armi che l’esercito di Gheddafi sta sparando sulla popolazione" ...

Leggi tutto ...

Libia: uno stato-nazione fallito

Tripoli a un passo dalla capitolazione. Fino a pochi giorni nessuno avrebbe scommesso sulla caduta di Gheddafi. La Libia - tanto per fare qualche numero - aveva un surplus di ricchezza tra i più alti in Africa ...

Leggi tutto ...

Prima inchiesta economico-sociale sul Nord Africa

Con questo articolo iniziamo una serie di inchieste sull'evoluzione nel tempo delle caratteristiche sociali ed economiche dei paesi del nord Africa, sperando con ciò di aiutare a comprendere la natura e la tempistica degli attuali sollevamenti popolari che stanno rapidamente modificando la situazione nella regione ...

Leggi tutto ...

La febbre del gioco

La febbre del gioco evidentemente è il sintomo di una malattia che ha colpito e colpisce gli italiani con un a sempre maggiore pericolosità. La fronte scotta. Il malato è grave. Oltre 60 miliardi di euro sono, se ci fermassimo anche un secondo solo a pensare, una cifra spaventosamente alta ...

Leggi tutto ...

Eurozona, a 500 miliardi la dotazione del fondo d’emergenza

L'Eurogruppo ha accettato di raddoppiare la capacità di prestito del Fondo d’emergenza, che entrerà in funzione nel 2013 ...

Leggi tutto ...

Il fallimento dell'agricoltura

Chi lavora la terra non campa. La monocoltura intensiva non ripaga i costi, specie se i prezzi li fa la grande distribuzione. Il sistema rischia il collasso ...

Leggi tutto ...

Quali tendenze per il futuro?

Dopo essere crollata di quasi il 25% all'inizio del 2009 (rispetto all'anno precedente), la produzione industriale mondiale è poi cresciuta fortemente nel corso del primo semestre del 2010. Ad Ottobre 2010 la produzione industriale globale era già tornata circa ai livelli pre-crisi (Agosto 2008) ...

Leggi tutto ...

Fin o meccanica?

"E' inutile che si cerchi ancora di raccontare il contrario: ormai in Finmeccanica la 'FIN' – cioè la parte finanziaria – conta molti di più della 'MECCANICA'. L'anima industriale si è persa e sono differenti le logiche che muovono la strategia di questo colosso" ...

Leggi tutto ...

Il centro del mondo? Lo trovate in periferia

Redditi convergenti e crescita divergente: ecco la storia economica dei nostri tempi. Stiamo assistendo all'inversione del fenomeno verificatosi durante il XIX secolo e all'inizio del XX. Allora, le popolazioni dell'Europa Occidentale e le loro ex colonie di maggior successo acquisirono un enorme vantaggio economico sul resto dell'umanità ...

Leggi tutto ...

Il tramonto della supremazia occidentale

Gli occidentali sono da tempo abituati a pensare ai propri paesi come “più ricchi” del resto del mondo. A causa di ciò, gli occidentali fanno molta fatica a rendersi conto che la maggiore ricchezza dei propri paesi è un fatto decisamente eccezionale nella storia dell'umanità ...

Leggi tutto ...

Prosegue il declino relativo dei paesi ricchi

Le recenti previsioni di crescita pubblicate da Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale sembrano cancellare ogni dubbio: l'Occidente è destinato a perdere ulteriormente terreno ...

Leggi tutto ...

La crisi del '29 e quella attuale

I punti di vista sulla corrente crisi economica e finanziaria sono i più svariati, ma noi italiani siamo esposti quasi esclusivamente a quello occidentalo-centrico nelle sue varianti più o meno catastrofiche ...

Leggi tutto ...