Proveremo a reinventarci, Gustavo

“Morire è l’unica cosa del tutto prevedibile nella nostra vita. L’arte di morire è parte centrale dell’arte di vivere. È inaccettabile venire privati della capacità di morire con dignità, come si fa oggi con coloro che muoiono negli ospedali”. Sono parole di Gustavo Esteva – intellettuale “de-professionalizzato”, come amava definirsi lui, amico e allievo prediletto di Ivan Illich, consigliere degli zapatisti, fondatore dell’Università della Terra nello Stato messicano di Oaxaca, dove egli stesso viveva in un piccolo pueblo zapoteco ...

Leggi tutto ...

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Twitter