In Umbria i cittadini si mobilitano contro la trasformazione dei cementifici in inceneritori

A Gubbio i gestori di due impianti hanno chiesto alla Regione l’autorizzazione per potere bruciare combustibile solido secondario. Il Coordinamento regionale Rifiuti Zero, insieme a diverse associazioni, ha proposto linee guida opposte, “Verso rifiuti Zero”. Il rischio infatti è che la città diventi “l’inceneritore di rifiuti dell’Umbria”. Gubbio non vuole altre emissioni nocive. Divampa in questi giorni in provincia di Perugia il conflitto tra i cittadini e i due cementifici, Colacem e Barbetti, ...

Leggi tutto ...

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Twitter