destinatari

La MAG4 Piemonte eroga finanziamenti esclusivamente alle realtà collettive senza scopo di lucro: cooperative (sociali, di comunità, agricole, di produzione e lavoro, di consumo, ecc.), associazioni (culturali, di promozione sociale, sportive dilettantistiche, di formazione, assistenziali, ecc.), società o altre istituzioni non aventi finalità lucrative che perseguono statuariamente e in via prevalente scopi mutualistici o solidaristici (società di mutuo soccorso, imprese sociali, fondazioni, società sportive dilettantistiche, ecc.) e loro controllate. Il soggetto che riceve il finanziamento deve svolgere attività nel nord ovest dell'Italia che non danneggino l'uomo e il suo ambiente ed essere socio della MAG4 Piemonte, per associarti clicca qui.

La MAG4 raccoglie denaro dai propri soci attraverso capitale sociale e libretti di risparmio per le realtà collettive. Il denaro così raccolto viene prestato a realtà collettive socie, che hanno l’esigenza di ricevere un finanziamento per realizzare i propri progetti.

Erogare finanziamenti solo a soggetti collettivi è una scelta politica, prima che un vincolo imposto dalla legge. In questo modo viene garantito il controllo dell'operato da parte dei soci e la gestione collettiva della struttura, mentre la democraticità decisionale è garantita attraverso il meccanismo di una testa un voto.

Durante la fase istruttoria tutti questi elementi vengono verificati nella pratica, oltre che in quanto dichiarato.

durata

Il socio propone come e quando iniziare a restituire il finanziamento, chiedendo un piano di rientro adeguato alle proprie esigenze. Il rimborso avviene secondo il piano di rientro definito al momento della stipula del contratto.

L'eventuale estinzione anticipata totale o parziale del finanziamento non comporta alcuna penalità e dà diritto all'equa riduzione degli interessi.

Inoltre, prima di essere in ritardo, è sempre possibile chiedere di spostare le rate necessarie alla fine del piano di rientro, in caso di problemi imprevisti e specifici che impediscano per qualche mese di restituire il finanziamento regolarmente. L'eventuale dilazione è decisa dal CdA della MAG4 e tiene conto delle necessità del socio finanziato e della tutela della MAG.

garanzie

La MAG4 chiede garanzie fiduciarie e non garanzie patrimoniali (come le ipoteche chieste dalle banche), perché questo non permetterebbe di finanziare tutti. Sarebbe infatti escluso chi non ha abbastanza beni da portare a garanzia: sono queste le realtà cosiddette non bancabili, che infatti fanno fatica ad accedere al credito nel sistema bancario.

La MAG4 si riconosce nei principi della finanza etica e della finanza mutualistica e solidale, che prevedono che l'accesso al credito sia un diritto umano.

Ma come fare allora a tutelarsi verso un ipotetico non rientro nel credito?

Il sistema bancario ha trovato come soluzione quella di finanziarie solo persone o realtà che già possiedono dei beni reali (case, azioni terreni) su cui potranno rivalersi, vendendoli, per recuperare la somma che concedono. Se non si hanno garanzie reali da offrire, la banca non procede con il prestito.

La MAG4, e le altre MAG d'Italia, seguono un altro modello.

La fiducia si esprime anche attraverso un sistema di garanzie alternativo, che ci permette di finanziare anche realtà che non hanno patrimoni da portare a garanzia, capovolgendo il meccanismo bancario di fondo, quello del dare i soldi solo a chi già ne possiede.

Riteniamo infatti che un progetto sia stabile e abbia possibilità di riuscita non solo se porta garanzie patrimoniali, ma sopratutto se intorno ad esso si raccoglie un numero significativo di persone che, pur non avendo garanzie reali da offrire, si impegna nel caso in cui il progetto finanziato non riesca a far fronte al proprio debito, a restituire a titolo personale la somma ricevuta dalla MAG, fino alla completa estinzione del debito.
Queste persone devono in primis essere quelle coinvolte nella gestione del progetto finanziato (gli amministratori e i lavoratori di una cooperativa, i soci di un’associazione) a cui si possono aggiungere anche i simpatizzanti e i promotori a cui sta a cuore il progetto da finanziare.

Tutto ciò si traduce, in pratica, nella richiesta di fideiussioni con queste caratteristiche:

personali = non viene fatta un'indagine patrimoniale sulle persone che firmano la fideiussione
   
parziarie = ogni fideiussione copre solo una parte del finanziamento richiesto, un ammontare definito (la cifra per cui si ha firmato) comunque non superiore a 15.000 Euro e relativi interessi
   
senza obbligo solidale = non si risponde anche per gli altri fideiussori qualora essi non paghino. Si è responsabili solo per la cifra per cui si ha firmato e relativi interessi, mentre non si risponde per le cifre degli altri fideiussori.
   
per un importo complessivo pari al 150% del finanziamento richiesto = il totale delle fideiussioni deve essere pari al 150% del finanziamento: se chiedo un finanziamento da 100.000 euro, dovrò presentare almeno 10 fideiussioni da 15.000 euro. Ovviamente vanno bene (anzi meglio!) anche 15 fideiussioni da 10.000, e così via. L'importante è che il totale delle garanzie sia pari a 150.000 euro, cioè il 150% del finanziamento richiesto.

Le fideiussioni ovviamente si estinguono alla completa restituzione del prestito.

Questo è il

La MAG4 accetta come garanzia anche il pegno su crediti: una forma di garanzia che permette di vincolare i crediti certi, a lunga scadenza, che le associazioni, le cooperative e le società di mutuo soccorso vantano con i loro clienti pubblici o privati. Comporta una spesa minima per la realtà finanziata (notifica del pegno al debitore tramite ufficiale giudiziario) e può essere attivato su qualsiasi tipo di credito (appalti, convenzioni, contratti, ma anche contributi). Anche in questo caso l'importo del pegno deve essere pari al 150% dell'importo del finanziamento richiesto.

tempistiche

Per richiedere un finanziamento, una volta diventato socio, compila il 

e presentalo alla MAG4 Piemonte insieme ai relativi allegati, che avvia così l'istruttoria che dura un mese e mezzo circa.

L'istruttoria mira a reperire e classificare tutti i dati possibili sul progetto e sulla realtà che lo promuove: in particolare, la solvibilità del progetto e della struttura nel suo insieme viene valutata sulla base di una riclassificazione dei dati di bilancio, dei flussi di cassa, dei preventivi e di eventuali analisi di mercato. Compilare l'istruttoria è anche un momento utile per avere un quadro chiaro economico-finanziario-relazionale della propria realtà. L'istruttoria prevede poi un incontro personale, che consente di conoscersi meglio e di verificare direttamente il tipo di attività svolta.

L'istruttoria viene quindi presentata al Consiglio di Amministrazione per la delibera. Le richieste vengono valutate non solo da un punto di vista di sostenibilità economica, ma anche per quanto riguarda le possibili ricadute sulla comunità e sul territorio. Particolare attenzione viene data anche alla messa in pratica dell'autogestione interna alla realtà che richiede un finanziamento.

Il nostro Consiglio di Amministrazione può richiedere un supplemento di istruttoria, se ritiene che si debbano approfondire dei punti, oppure può deliberare eventuali modifiche alle condizioni proposte dal socio (importo, durata, garanzie).

Una volta che il finanziamento è deliberato, il contratto di finanziamento può essere stipulato a partire dai giorni successivi con erogazione contestuale.