Il petrolio ha i giorni contati: ecco sette perché (a partire da Parigi)

Il prezzo del greggio ai minimi storici. Colpa del fracking? No: picco di produzione, convenienza delle rinnovabili e lotta ai cambiamenti climatici hanno messo in guardia il cartello dei produttori. Meglio liberarsene il prima possibile. Il prezzo del petrolio, dopo aver perso il 60% in un anno, tocca oggi quota 40 dollari al barile. Come ha notato il professor Alessandro Penati su la Repubblica, il 6 dicembre scorso, “sorprende l'incapacità di prevedere l'andamento del prezzo da parte di esperti, petrolieri e governi” ...

Leggi tutto ...

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Twitter