Una buona notizia dal Controsservatorio Valsusa

Nella scorsa newsletter vi avevamo suggerito di firmare l'esposto presentato al Tribunale Permanente dei Popoli dal Controsservatorio Valsusa (di cui la MAG4 è socia) in cui veniva denunciata la violazione di diritti fondamentali dei singoli abitanti e della comunità della Valle con riferimento alla progettata costruzione della linea Tav Torino-Lione http://controsservatoriovalsusa.org/era-home/65-esposto-tribunale-permanente-dei-popoli-home

Secondo quaderno del ControsservatorioEcco una ottima notizia: il Tribunale Permanente dei Popoli ha risposto positivamente all'esposto!
Il Tribunale ha deciso, a seguito dell'esposto presentato, di aprire un procedimento che esaminerà in particolare "le finalità e l'effettività delle procedure di consultazione delle popolazioni coinvolte e l'incidenza sul processo democratico"

Nella comunicazione ricevuta dal TPP viene segnalato che «sempre più chiaramente si evidenziano anche nei Paesi cosiddetti "centrali", situazioni - più volte rilevate nei Paesi del Sud in sessioni del Tribunale per quanto riguarda il rapporto tra sovranità, partecipazione delle popolazioni interessate, livello delle decisioni politico-economiche - che mettono in discussione e in pericolo l'effettività e il senso delle consultazioni e la pari dignità di tutte le varie componenti delle popolazioni interessate. In questo senso il caso TAV, insieme alle altre vicende segnalate al TPP, è "rappresentativo" di processi e meccanismi più generali, specificamente importanti nell'attuale fase della evoluzione economica-politica europea e mondiale...»

Di qui la decisione - particolarmente importante - di estendere il procedimento a casi analoghi, con una procedura avviata immediatamente e che si svilupperà nei prossimi mesi.

Per leggere l'intero documento del TPP si veda http://controsservatoriovalsusa.org/component/content/article/10-iniziative/tpp/79-tpp-testo-risposa-esposto

È una importante vittoria e un significativo riconoscimento per il movimento di opposizione al Tav e non solo. Una ragione di più per continuare nell'impegno di questi anni.

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter