Luglio 2009

Le MAG e la Banca d'Italia

Nel MAGazine del gennaio 2008, vi avevamo accennato al rischio che la Banca d'Italia, con una delle sue tante manovre, raddoppiasse il capitale sociale minimo necessario per avviare una società finanziaria, aumentandolo da 600.000 a 1.200.000  euro.

Questa manovra se da una parte limiterebbe il proliferare di società finanziarie non certamente etiche, dall'altra renderebbe ancora più difficile la nascita di nuove MAG. Questo rischio ci ha portato a redigere, durante gli ultimi incontri MAGici, una lettera che riassuma i valori e le caratteristiche del mondo MAG. Tale lettera è stata mandata alla Banca d'Italia insieme alla richiesta di un appuntamento con la stessa, per presentarci, per far capire cosa e come lo facciamo, per far capire che facciamo parte degli intermediari secondo l'art. 106 del TUB, ma che siamo molto diversi da quei 106 che intendono loro...

Dopo mesi, finalmente ci hanno concesso un appuntamento con la Dott.ssa Tarantola. L'incontro, a cui parteciperanno tutte le MAG, avrà luogo il 28 luglio a Roma.

Nel prossimo MAGazine ci sarà il resoconto dell'incontro.

 

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter