Rendimenti a tasso negativo per i libretti di MAG4?

Il 2014 è stato l'anno di transito dopo la chiusura del Gruppo verso le nuove regole vigenti dal 01/01/2015 con nuove modalità di remunerazione dei libretti http://www.mag4.it/rete/magazine/gennaio-2015/1650-nuovo-anno-nuovi-tassi.html

I primi mesi del 2014 sono stati intensi, con svariati incontri con le ex cooperative del Gruppo MAG al fine di stabilire le nuove modalità che hanno portato al cambio del regolamento interno.

Dal punto di vista numerico invece è stato un anno in discesa, la raccolta è scesa complessivamente di 100.000 euro circa. Discesa causata dalla chiusura di 8 libretti alcuni di realtà non più attive altri di soggetti che avevano necessità di utilizzare i propri fondi.
Sono stati aperti 4 libretti di nuove realtà tra cui il comitato Stop TTIP Torino e l'Associazione Amici della Fattoria su cui far confluire i fondi della campagna in sostegno dell'associazione che conduce la lotta contro l'uso dei neonicotinoidi (vedi anche articolo di rientri a pag. 7)

La forza della MAG 4 non è certo nei nostri numeri. La forza rappresentata dai legami e dalle relazioni che abbiamo con soci, amici, reti in cui siamo inseriti e contatti in genere come viene raccontato nel bilancio sociale a pag. 5.

Nel 2015 abbiamo iniziato a testare la nuova modalità di remunerazione ma nella prossima assemblea decideremo come modificare i tassi a seguito della discesa dell'inflazione.

Cosa vorrà dire per i libretti di raccolta della MAG4? Secondo i principi della finanza mutualistica e solidale http://www.finanzaetica.net/ L'eventuale remunerazione non deve superare il tasso d’inflazione, escludendo ogni forma di ulteriore arricchimento. Quindi in un panorama di inflazione negativa significa che i libretti avranno rendimenti negativi?

Nell'assemblea del 15 giugno delibereremo l'eventuale diminuzione dei tassi dei libretti per cui invitiamo tutti i soci a partecipare al fine di garantire una vera autogestione finanziaria.

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter