Dicembre 2011

Lettera a Cota del socio Franco Marengo

in dialetto piemontese...


Me car Bertu dame da ment

fè el TAV a serv nen a la gent

a serv-rà, sicur, ai mafiùs e ai lor amis

ma nen a chi a travaia onestament sensa pastis.

 

Cori da mat da Turin a Lion

a farà piasì a quaic plandron

ma chi a l’ha la testa ‘n po’ ardrissà

a s’enventa nen de endé da sì e da là

a j pensa bin a come spendi col poc ca j è

a lu sgaira pà con promese da cicolatè.

 

Chi a l’ha pensà el proget,

con quatr cont campà giù ‘d get,

a l’ha fait a sua stim

e a preved na speisa da miladusent euro al centim!

Giontoma ancora n’aot quaranta per sent?

 

E, certò, je nen da esi content

perché, ‘t lu sas tanto mej che mi,

si cantiè a costo pì ‘d la prevision a travaj finì.

Figurte s’a j è nen el truc

et pij na tampa polida come ‘l baston del gioch!

Na gavada parèj gnanca quatr generasion

as na gavo el peis da sora i cojon;

j oma già na finansiaria che, a dìj poc, a fà sgiaj

e i NOTAV, ca son i pì parsimonios, a j ciamo servaj.

 

Ensima a sj treno

‘d merci na paso sempe meno

ma pà perché a viagio ‘n sla goma tot el dì

ma perché el comerci a l’è ancutì.

En ti ani novanta a j era na prevision

bele ades tota n’auta situation…

 

“Padron a ca’ nòsta” ma nen par i valsusin

ca l’han vagnaje mac denunce e sagrin.

 

Epura venta bitè en po’ ‘d cognision

nen mac parlè per piese la rason

con la forsa e la polisia

sensa rispetè na frisa ‘d democrasia.

 

E l’amiant? E l’urani? E la devastasion ambiental?

Vuruma fè del Piemont en pertus anal?

Na bela val ed montagna trasfurmà en cantiè

per vent, trent’ani a sciapè e tapasiè.

Chi a va en vacansa tacà a ruspe e pulisiot?

A vel dì la fin del turismo per vej e giovinot.

 

El TAV lu veulu i furb e i facendiè

ma i onest e i pulid san ca l’è mei lasè stè.

As capis che chi a protesta ‘n po’ ‘d fastidi a lu dà

perché a lasa nen fè lon ca veulu cui là.

 

Ma a l’è na speisa da ciapese ‘n balordon

pensie bin e fa’ atension

pijte varda da certi comandament

ch’a arivo da Roma e pa pì dal moviment

ch’a i vot as vagno anche contand di bal

ma poi as perdo e lu lì a fa bin mal.

 

Pensa che disgrasia – ommi Signur –

a j fusa en mes a j tangenti n’aot tò asesor!

Mi j lu sas che ‘n t la tua posision

t’las pì badò che consolasion

e an-lura almeno cost laslu andè

el fidic a ‘nà mac da vagnè!

 

Esimio President Còta

sti montagnin d’la Val Susa  Còta

a sa fulairada del tren bitie en bel fren

rasonoma ‘n pò‘d pì e TAVanoma pi nen

tant la protesta a continoa e a fa paura

e a vlo diso en tute le manere ch’“a sarà dura!”

 

Con fiducia che s’è mie parole a servo

a compagnel-a en tla giusta riflesion,

salut distintament

traduzione in italiano...per chi non capisce il piemontese


Mio caro Roberto dammi retta

fare il TAV non serve alla gente

servirà, sicuramente, ai mafiosi e ai loro amici

ma non a chi lavora onestamente senza pasticci.

 

Correre da matti da Torino a Lione

farà piacere a qualche pelandrone

ma chi ha la testa un po’ in ordine

non si inventa di andare di qua e di là

pensa bene a come spendere quel poco che c’è

non lo spreca mica con promesse da cioccolataio.

 

Chi ha pensato al progetto,

con quattro conti buttati giù di getto,

ha fatto la sua stima

e prevede una spesa di milleduecento euro al centimetro!

Aggiungiamo ancora un altro quaranta per cento?

 

E, certo, non c’è da essere contenti

perché, lo sai ben meglio di me,

questi cantieri costano più della previsione a lavoro finito.

Figurati se non c’è il trucco

prendi una gaffe come definire pulito il bastone del pollaio!

Una stupidaggine così neanche quattro generazioni

se ne tolgono il peso da sopra i coglioni;

abbiamo già una finanziaria che, a dir poco, fa impressione

e i NOTAV, che sono i più parsimoniosi, li chiamano selvaggi.

 

Sopra a questi treni

di merci ne passano sempre meno

ma non perché viaggino su gomma tutto il giorno

ma perché il commercio si è inebetito.

Negli anni novanta c’era una previsione

adesso è tutta un’altra situazione…

 

“Padroni a casa nostra” ma non per i valsusini

che ci han guadagnato solo denunce e dispiaceri.

 

Eppure bisogna mettere un po’ di cognizione

non solo parlare per prendersi la ragione

con la forza e la polizia

senza rispettare una briciola di democrazia.

 

E l’amianto? E l’uranio? E la devastazione ambientale?

Vogliamo fare del Piemonte un pertugio anale?

Una bella valle di montagna trasformata in cantiere

per venti, trent’anni a spaccare e pasticciare.

Chi va in vacanza attaccato a ruspe e poliziotti?

Vuol dire la fine del turismo per vecchi e giovanotti.

 

Il TAV lo vogliono i furbi e i faccendieri

ma gli onesti e i puliti sanno che è meglio lasciar stare.

Si capisce che chi protesta un po’ di fastidio lo dà

perché non lascia fare quel che vogliono quelli là.

 

Ma è una spesa da prendersi un abbaglio

pensaci bene e fa’ attenzione

guardati da certi comandamenti

che arrivano da Roma e non più dal movimento

perché i voti si guadagnano anche raccontando balle

ma poi si perdono e quello fa un gran male.

 

Pensa che disgrazia – o mio Signore –

se ci fosse in mezzo alle tangenti un altro tuo assessore!

Io lo so che nella tua posizione

hai più grattacapi che consolazioni

e allora almeno questo lascialo andare

il fegato ne ha solo da guadagnare!

 

Esimio Presidente Cota

questi montanari della Val Susa ascolta

a questa follia del treno mettici un bel freno

ragioniamo un po’ di più e non TAVaniamo più

tanto la protesta continua e fa paura

e ve lo dicono in tutte le maniere che “sarà dura!”

 

Con fiducia che queste mie parole servano

ad accompagnarla nella giusta riflessione,

saluto distintamente

La vignetta del Gava http://gavavenezia.blogspot.com/2011/12/discorsi-da-ragazzini.htmlhttp://www.socialnews.it/crisi_economica/crisi%20economica_1.htm

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter