Agosto 2011

Donne di denari

Non è la prima volta che la MAG4 conduce un Laboratorio sul Denaro ad Agape ma è sicuramente la prima volta che lo presenta in chiave femminile.

Laboratorio Un'occasione che ci è stata data dal Campo lesbico che si è tenuto la settimana di Pasqua, ovviamente ad Agape. http://www.mag4.it/rete/laboratorio-sul-denaro/foto/category/19-2011-04-24.html Un tema affascinante quello del confronto tra Donne e Denari in un contesto che non si limita al superficiale. Un'esperienza che ci arricchisce e che promette di proseguire dopo l'estate con l'approfondimento del tema da parte delle donne della MAG4 insieme al confronto del Centro Studi Femminili di Torino http://www.arpnet.it/pfemm/, esperienza ovviamente aperta a chi fosse interessato!

 

..il loro resoconto...

"Un campo sui tabù, i tabù del movimento, i tabù interiorizzati e vissuti dalle donne non poteva secondo noi non comprendere un momento di elaborazione sul denaro. Il rapporto con il denaro non è certo semplice, quello tra donne e denaro ci sembrava davvero uno tra gli ultimi tabù e l’abbiamo inserito in un campo in cui si parlava tra le altre cose di violenza tra donne, pornografia, postgender. Una compagnia impegnativa, parallelismi basati essenzialmente sulla difficoltà ad immaginarsi differenti, sull’elaborazione di legittimità messe in discussione o addirittura negate, sulle disfunzionalità di stereotipi che sono in realtà abitudini e che diventano morale per riproporsi con ancora più forza nella quotidianità. Abbiamo chiesto l’aiuto di MAG4 che ha risposto e ci ha dato la possibilità di confrontarci attraverso un’attività laboratoriale che è iniziata secondo me nel modo più semplice e contemporaneamente più complesso. La banalità e la forza di una domanda come “quanto guadagni” ci ha immediatamente messe di fronte sia alla nostra debolezza sia all’imbarazzo che si può provare nel parlare di denaro attraverso il quesito più ricorrente, quasi sotteso alla vita dentro la nostra società. Molta partecipazione, molta voglia di capire, sicuramente la consapevolezza della necessità di percorsi guidati nell’affrontare un tema che dovrebbe essere oggetto di riflessioni sempre più ampie e diffuse."

Stefania, staff Campo lesbico Agape

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter