Vivere senza denaro

Comprare la verdura riparando una bicicletta, fare la raccolta differenziata e ricevere biglietti del bus. Si moltiplicano, soprattutto in America Latina, le esperienze di economie senza moneta, basate non sul baratto, ma sullo scambio reciproco di servizi. Con un messaggio: non solo i soldi fan girare il mondo.
Parrebbe il sogno di un nostalgico visionario. Eppure superare l'uso della moneta può essere un enorme passo avanti, perché permette a molte realtà di tornare competitive. Il trucco? Sostituire i soldi con la fiducia e la solidarietà. Molte ong ci stanno lavorando, sviluppando da alcuni anni progetti in America Latina che si basano proprio sulle economie senza denaro.
Nello stato di Oaxaca, in Messico, ad esempio, sotto la spinta dell'ong Promocion desarrollo popular, nel 1994 sono nati i Tianguis Tlaloc, sistemi di scambio locali che sono diventati strumenti per la diminuzione della povertà e hanno convinto il governo centrale a promuoverli in tutto il paese. I servizi sono scambiati usando un'unità chiamata Tlaloc, che rappresenta un'ora di lavoro sociale e corrisponde a 30 pesos (circa 3 euro). Ma si organizzano anche fiere per far incontrare produttori e consumatori, all'insegna di valori culturali ed ecologici, come tradizioni spirituali, arte, musica, salute.

Leggi tutto...

Banca del Tempo

Una Banca del Tempo (BdT) è una libera associazione tra persone che si autogestiscono e si scambiano reciprocamente attività, servizi e conoscenze. Si tratta di un istituto di credito in cui però le transizioni non sono basate sulla circolazione di denaro ma sulla “circolazione” di tempo; il valore delle attività scambiate, infatti, viene misurato in ore.
La prima BdT è nata nel 1992 a Parma per iniziativa del sindacato pensionati della UIL ed attualmente gli istituti avviati e funzionanti in Italia sono circa 80.

Coloro che aderiscono al sistema ed aprono un conto presso la Banca del Tempo del loro territorio, diventandone soci, vengono chiamati tempo-correntisti.

Quando il correntista usufruisce di un servizio che presuppone un certo numero di ore utilizzate, ha poi l'obbligo di “spendere” lo stesso numero di ore a favore di altri. Queste ore gli vengono addebitate sul suo conto corrente personale. Il correntista non ha l'obbligo della restituzione diretta nei confronti del soggetto che gli ha prestato il servizio, egli diviene semplicemente debitore nei confronti della banca, che avrà il compito di incrociare tutte le domande e le offerte che le pervengono, nel modo più ottimale possibile.

Leggi tutto...

Basic Income

Il basic income (detto anche reddito di cittadinanza) è un sistema di sicurezza sociale che fornisce periodicamente ad ogni cittadino una somma di denaro che gli permette di partecipare alla società in modo dignitoso. Tutti gli altri redditi privati (per la maggior parte redditi da lavoro) sono aggiunti a questo reddito minimo.
A parte la cittadinanza, il basic income non richiede altri requisiti, prescinde dai mezzi a disposizione dell'individuo, ossia non è riservato ai poveri o ai disoccupati. È una forma di reddito minimo garantito caratterizzato da tre elementi:

- deve essere versato al singolo individuo e non al nucleo familiare così da promuovere l'autonomia dell'elemento più debole, anziché il benessere della famiglia intesa come  entità indivisibile;
- è previsto al di là di ogni altra fonte di reddito;
- è pagato indipendentemente dalle prestazioni lavorative dell'individuo o dalla volontà di accettare un lavoro, se offerto.

Leggi tutto...

Iniziative locali – Manamanà

L'associazione Manamanà di Torino quest'anno ha organizzato l'ottava edizione dell'iniziativa SenzaMoneta – Una giornata senza moneta è tutt'altro che povera, nel quartiere di San Salvario.

A prima vista può sembrare un normale mercatino dell'usato, ma la particolarità è che non si utilizza denaro per gli scambi, bensì il baratto: i partecipanti all'iniziativa possono portare gli oggetti che non utilizzano più o che hanno ricevuto in regalo a Natale, ma che non erano nella lista...da scambiare con altri oggetti o con capacità e conoscenze, ricette di cucina, ore della banca del tempo.

Leggi tutto...

Vivere senza soldi - Esperienze di vita

Anche la MAG4 porta avanti un esperimento di vita senza soldi: su questo sito trovate

Vivere senza soldi

una piattaforma virtuale per scambi reali tra soci Mag!

 

Vivere senza soldi - L'esperienza sorprendente di una donna che da undici anni ha eliminato del tutto il denaro dalla propria vita.
Nel maggio 1996, Heidemarie Schwermer decide di cambiare radicalmente modo di vivere: regala i suoi mobili, abbandona l'abitazione e lo studio, e disdice l'assicurazione sanitaria.
Ciò di cui ha bisogno per vivere lo ottiene tramite gli scambi della "Centrale dai e prendi" da lei fondata a Dortmund, in Germania.
"Non avere niente ma essere molto": con questo motto Heidemarie sottopone a un esame critico quelli che sono i valori correnti della società del consumo. Dopo tanti anni senza soldi, afferma di essere addirittura più ricca di prima. Concetti come lavoro, tempo libero e vacanze acquistano un significato completamente nuovo e la vita trova una nuova integrità.

Leggi tutto...

Baratto

Il baratto nasce come forma di scambio di beni nelle popolazioni primitive e, nella nostra mentalità, siamo abituati a considerarlo appunto come un qualcosa di ormai superato, qualcosa che poteva essere adeguatamente utilizzato solo all'interno di quelle prime comunità. Con l'evoluzione dei sistemi monetari sono state poi introdotte la moneta metallica, quella cartacea ed infine quella virtuale o telematica che consente la maggior parte degli scambi attuali. Le monete hanno permesso di rendere le contrattazioni più veloci ed omogenee rispetto al baratto ma tuttora esistono  esperimenti ben riusciti di questo sistema di scambio complementare che non dà primaria importanza alla moneta in quanto tale ma al valore dei beni scambiati.

Leggi tutto...