librone dell'oracolo - cambiamenti stili di vita

G.A.S.

Il Gruppo di Acquisto Solidale (G.A.S.) è un insieme di persone che decidono di incontrarsi per acquistare all’ingrosso prodotti alimentari o di uso comune da ridistribuire tra loro, non solo per motivi di risparmio, ma anche in un'ottica di solidarietà. Il GAS, infatti, contatta solo quei fornitori che garantiscono con il loro metodo produttivo alcuni principi, come ad esempio il rispetto dell'ambiente o adeguate politiche sociali. Vengono fatte diverse valutazioni: quanto del costo finale del prodotto serve a pagare il lavoro e quanto invece la pubblicità e la distribuzione, qual è l'impatto sull'ambiente in termini di inquinamento, imballaggio e trasporto.

Il primo GAS italiano nasce a Fidenza nel 1994; successivamente l'esperienza si allarga a Reggio Emilia e poi raggiunge molti altri territori tanto che attualmente in tutta Italia esistono circa 600 GAS.

I GAS propongono quindi un consumo critico e responsabile e, attraverso la loro azione, si oppongono al modello di consumo attuale.

 

PRINCIPI ED OBIETTIVI

La loro esistenza dipende dal prendere coscienza che il consumatore, quindi chi acquista, ha un potere che influenza i produttori e le loro scelte e che lui stesso può esercitare attraverso le sue scelte; prediligerà quindi determinati tipi di prodotti sulla base degli effetti che questi acquisti determinano. Questa azione risulterà più facilmente attuabile tanto più verrà fatta da molteplici consumatori insieme, sulla basa di una scelta discussa e collettiva; in questo modo è più facile infatti allontanarsi dall'influenza delle multinazionali e boicottare alcuni tipi di prodotti. Così facendo inoltre si crea vera condivisione tra le persone e si evita che ognuno si chiuda in un proprio mondo di consumi.

Può sembrare un paradosso ma l'obiettivo ultimo dei GAS è che non vi sia più bisogno di loro: essi sono una risposta alla situazione attuale in cui sembra che per essere felici sia necessario il consumo, ma vogliono creare le condizioni affinché vi sia un mercato con regole diverse. Questo potrà essere possibile, ad esempio, nel momento in cui al crescere del numero dei GAS crescerà anche il numero di coloro che coltivano la terra garantendo certi requisiti di sostenibilità.

Gli obiettivi a breve termine dei GAS sono invece diversi: sviluppare e mettere in pratica il consumo critico, incentivare la solidarietà e la consapevolezza, permettere la socializzazione e creare maggior unione e forza nel circuito del GAS.

Consumare criticamente significa prediligere i prodotti etici e biologici che rispettino l'uomo e l'ambiente, siano sani e buoni come gusto, sostenibili dal punto di vista del ciclo produttivo, solidali (devono consentire l'accesso al mercato anche dei piccoli produttori) e rispettosi della stagionalità della natura. È necessario anche informarsi personalmente sulle caratteristiche dei prodotti e diffondere queste notizie.

La creazione di circuiti di solidarietà e di consapevolezza è possibile attraverso acquisti mirati che siano fatti presso imprese ad alta concentrazione di lavoro rispetto a quelle ad alta concentrazione di capitale e che garantiscano condizioni di lavoro adeguate per chi produce, senza puntare a tutti i costi verso i prezzi più bassi.

La socializzazione si manifesta condividendo le proprie idee, decisioni e modi di operare con gli altri aderenti al GAS o con i produttori stessi. Nel primo caso si può creare tra i partecipanti di un GAS un sistema di "uso collettivo" dei prodotti (automobili, elettrodomestici, libri, ecc.) che possono essere utilizzati in modo comunitario. La relazione con i produttori mira invece a conoscere meglio il prodotto che si va ad acquistare (ed in questo modo si riesce a valorizzarlo) e ad instaurare con i stessi fornitori un rapporto continuativo di fiducia reciproca.

Il territorio in cui il GAS opera e le relazioni tra i soggetti vengono rafforzate dall'attività stessa del Gruppo: innanzitutto acquistando da produttori locali li si predilige rispetto alle multinazionali; è inoltre possibile rendere accessibili i prodotti etici e biologici, generalmente più costosi rispetto a quelli tradizionali, anche a chi ha a disposizione un reddito minore, per il fatto che l'acquisto viene fatto in modo collettivo; si riducono poi i tempi per fare la spesa e si rivalutano le produzioni locali che rappresentano un importante elemento costitutivo della cultura del posto.

Per tutti questi motivi fare la spesa per un GAS significa valutare il costo del prodotto (valutando però anche i costi nel lungo termine e le esternalità), le sue qualità e l'affidabilità, la disponibilità, la comodità d'acquisto derivante dall'organizzazione della spesa mediante il circuito, i minori costi di trasporto (con i conseguenti minori problemi di inquinamento e traffico), l'imballaggio ridotto all'osso, l'effettiva necessità di quel bene e la sua stagionalità.

 

IL FUNZIONAMENTO DI UN GAS

Per creare un GAS, i partecipanti al Gruppo devono definire una lista di prodotti su cui intendono eseguire gli acquisti collettivi; in base ad essa le diverse famiglie compilano un ordine; gli ordini vengono raccolti e sommati per definire un ordine di gruppo che viene trasmesso al produttore. Quando arriva la merce dal produttore, questa viene suddivisa tra le famiglie che appartengono al gruppo e ognuno paga per la sua parte.

Ogni Gruppo sceglie la modalità organizzativa che preferisce: si può, ad esempio, creare un'associazione o appoggiarsi ad un'associazione esistente.

Per quanto riguarda il funzionamento del GAS, alcuni Gruppi hanno un referente per ogni produttore, che segue tutte le fasi dell'acquisto (raccolta e trasmissione degli ordini, ritiro della merce e distribuzione, raccolta soldi e pagamento), mentre altri hanno deciso di raccogliere i listini dei prodotti da tutti i produttori e di gestirli in maniera autonoma ma ciò richiede un dispendio di energie maggiori e la necessità di pagare un contributo al singolo che se ne occupa.

In merito alla consegna della spesa, alcuni GAS possiedono uno spaccio o magazzino al quale si può accedere periodicamente, altri prevedono che la merce venga consegnata presso l'abitazione di una persona e che lì vi rimanga fino a che gli altri non passino a ritirarla, altri ancora prevedono la consegna a domicilio.

I gruppi di acquisto sono collegati fra loro attraverso una rete, creata nel 1997, che serve ad aiutarli attraverso lo scambio di informazioni, a diffondere questa esperienza e ad influenzare maggiormente l'opinione pubblica. Le informazioni circolano tra i diversi gruppi attraverso un bollettino trimestrale , il Bollettino dei Gruppi d'Acquisto Regionali (Bogar).

 

RIFERIMENTI

http://www.retegas.org/

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter