La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Perché i grandi progetti falliscono: il caso Tav

Si possono certamente discutere gli argomenti di chi vuole che la linea ad alta velocità Torino-Lione vada avanti e di chi invece non vorrebbe. Molti aspetti della questione sono in effetti avvolti nel dubbio e nell’incertezza. Quelle che appaiono più difficili da contestare, in tema di grandi progetti, sono invece alcune conclusioni, in qualche modo parallele al dibattito in corso, cui sono giunte nel tempo un gran numero di ricerche internazionali ...

Leggi tutto ...

Volando sempre più in basso: il vicolo cieco del caccia JSF

Due recenti episodi dimostrano ancora una volta il travagliato sviluppo del programma Joint Strike Fighter, che pare non avere pace nel suo percorso di evoluzione tecnica. Fornendo ulteriori prove alla tesi della campagna "Taglia le ali alle armi" che vuole la cancellazione della partecipazione italiana e che ieri ha raggiunto con la propria voce le aule parlamentari della Commissione Difesa della Camera dei Deputati ...

Leggi tutto ...

La fiducia apparente

La rapida discesa dei rendimenti dei Bot semestrali, crollati all’1,2 per cento, rappresenta l’ulteriore conferma del fatto che il governo Monti sta riconquistando uno dei beni più preziosi di cui i mercati hanno bisogno, costituito dalla fiducia. Sono due settimane che la Bce non deve più acquistare titoli del debito italiano, i compratori esteri sono tornati a farsi vivi e le banche del nostro Paese non esitano a mettere nei Bot e nei Btp la liquidità ricevuta dall’Istituto di Francoforte e dai risparmiatori ...

Leggi tutto ...

Ossessione F-35: perché davvero l'Italia vuole i caccia?

Problemi tecnici, costi che crescono, Paesi partner che fermano la loro partecipazione. Ma il ministero della Difesa italiano non abbandona l'idea di acquistare i caccia americani di nuova generazione. Con un'intervista a Silvio Lora-Lamia, giornalista specializzato del settore aeronautico (in particolare militare) e già condirettore della rivista "Volare" ...

Leggi tutto ...

Le tre finestre

Siamo abituati a pensare alla finanza come un mondo lontano, che tutto sommato non ci riguarda. La realtà è diversa. Quello che succede nel mondo finanziario condiziona pesantemente la nostra vita, determina la distribuzione delle risorse, il modello di convivenza, quello che mangiamo e il vestito che indossiamo. La finanza stabilisce anche il destino degli Stati. Se il nostro paese andrà in bancarotta ciò non avverrà a causa del peso abnorme del nostro debito, che resta un grave problema, ma perché il mercato ha deciso che è arrivato il momento di attaccare la nostra economia ...

Leggi tutto ...

La scelta sbagliata

Prima di decidere bisogna sapere e capire. Altrimenti è come tirare i dadi o (peggio) si sceglie per altre motiviazioni ed interessi. E' quanto sta succedendo (o forse stava succedendo vista la grande attenzione ormai accesa su questo programma) a riguardo del progetto Joint Strike Fighter per un nuovo cacciabombardiere. L'ormai famoso F-35 di qui tanto abbiamo parlato anche da queste pagine ...

Leggi tutto ...

Il flop dell’Alta velocità

Sabato 25 febbraio una colorata manifestazione in Val di Susa ha ribadito che la valle non vuole l'Alta velocità. Per ragioni ambientali, sociali ed anche economiche. Prima di avviare la costruzione della Torino-Lione, si dovrebbero guardare i dati. E quelli relativi alla linea già realizzata ci dicono che i passeggeri delle “Frecce” non giustificano la Tav. Una ricerca del Politecnico di Milano svela un “buco” di milioni di utenti ...

Leggi tutto ...

Che cosa c'insegna ciò che accade in Grecia

C’è qualcosa di paradossale e brutale in quel che sta accadendo alla Grecia. Il paradosso è che stiamo parlando di uno Stato con un prodotto interno lordo di meno di 240 miliardi di euro, il cui problema è un debito pubblico che supera i 355 miliardi di euro, con un rapporto di quasi il 150%. Il pretesto per le misure che le istituzioni internazionali stanno imponendo al Paese, però, non è il debito in sé, ma il pagamento degli interessi ...

Leggi tutto ...

GEAB 62 - Parte 3/3 - Eurolandia 2012-2016

Tornando alle politiche interne europee, questa terza sequenza (ripetiamo che in realtà i processi si sovrappongono molto di più) costituisce, secondo il nostro gruppo, la più difficile e più importante delle tre. Su questa fase pesa un’incertezza reale, a differenza delle altre due, che sono per il nostro team già scritte nel corso degli eventi. Da un lato, a differenza delle altre due sequenze, è necessario che l’élite europea concepisca e metta in pratica una condivisione del potere con i loro concittadini ...

Leggi tutto ...

GEAB 62 - Parte 2/3 - Eurolandia 2012-2016

Anche se il periodo 2012-2013 è segnato dalla stabilizzazione della base istituzionale ed economico-finanziario di Eurolandia, tuttavia è dal 2013 che vedremo una nuova maturità internazionale degli europei. La crisi, e in particolare il violento attacco subito nella zona euro da parte di coloro che avrebbero dovuto essere i suoi alleati strategici, il Regno Unito e negli Stati Uniti, ha infatti modificato radicalmente la percezione degli interessi vitali di Eurolandia, non solo da parte della sua elite, ma anche dei suoi cittadini ...

Leggi tutto ...