La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

L’oscura lobby del gas

La narrazione delle aziende del settore, e di una parte del mondo istituzionale, fedele sponsor dei giganti dell’estrazione e produzione di petrolio e gas, è che proprio il gas avrà un ruolo centrale nella transizione verso un’economia a ridotte emissioni di CO2. Si tratta di una narrazione viziata dal fatto che è stata costruita, con pazienza e in modo meticoloso, dagli attori che nel gas hanno interessi per miliardi di euro. Tre miliardi di euro, spesi nel 2018, e oltre 50 lobbysti a Bruxelles ...

Leggi tutto ...

India tra fame e sete

I Ghats occidentali ci hanno dato le spezie. E l’Himalaya ci ha dato amaranto, grano saraceno e una grande varietà di altre colture nutrienti. Oggi l’India sta affrontando un’emergenza idrica e un’emergenza nutrizionale. Le due emergenze sono interconnesse. Le origini dell’emergenza che viviamo oggi risalgono a 40-50 anni fa con i «consigli» della Banca Mondiale e con la cosiddetta «rivoluzione verde», che ha distrutto le nostre risorse d’acqua, il nostro suolo, la nostra biodiversità ...

Leggi tutto ...

I poteri salvifici del Ceta

Fa sempre un po’ impressione ascoltare l’energia con la quale i ministri per l’Agricoltura e il Commercio Internazionale degli ultimi governi – eccezion fatta per Luigi Di Maio e Gian Marco Centinaio – collocano la ratifica da parte del Parlamento italiano del trattato di libero scambio tra Europa e Canada, il Ceta, tra gli impegni dei propri primi 100 giorni di lavoro. La neoministra italiana Teresa Bellanova, infatti, parlando in radio, alla carta stampata e ovunque possibile ...

Leggi tutto ...

Deforestazione e fonti fossili. Gli investimenti insostenibili del colosso BlackRock

“Mentre l’Amazzonia brucia, BlackRock sta facendo profitti sulla distruzione ambientale e il caos climatico”. La denuncia di Friends of the Earth USA, Amazon Watch e Profundo, le tre realtà che nell’agosto 2019 hanno pubblicato il report che rivela come il più grande investitore istituzionale del mondo (6.500 miliardi di dollari gestiti) sia profondamente “coinvolto” in settori problematici. Il rapporto “BlackRock’s Big Deforestation Problem” analizza le sue partecipazioni tra il 2014 e il 2018 ...

Leggi tutto ...

Il marcio del marketing etico

Si può utilizzare l’etica per fare del marketing? A parole sì, soprattutto se si è del tutto privi di vergogna e si ha un gran bisogno di rifarsi l’immagine. È quel che è accaduto alla Tavola Rotonda del business, dove 180 capitani d’impresa hanno firmato una carta “etica” e per far sapere in giro che non si preoccuperanno più solo di fare stratosferici profitti con qualsiasi mezzo lecito e illecito. Illecito sì, per usare un eufemismo, perché i colossi che hanno firmato la carta etica ...

Leggi tutto ...

L’Eni e la retorica della sostenibilità

Solo qualche giorno fa Legambiente ha meritoriamente diffuso il rapporto ENI/EMY of the planet con il sottotitolo Perché ENI ci riguarda e rischia di diventare sempre di più un nemico del pianeta. Nel rapporto di Legambiente – rilanciato dalla campagna Sbilanciamoci! – le critiche e le accuse all’ENI sono severe e circostanziate. L’ENI va nella direzione opposta rispetto a quella necessaria per il perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) ...

Leggi tutto ...

Ai confini dell’estrattivismo: il saccheggio del patrimonio spirituale

In Italia il tema dell’estrattivismo è stato presentato (tra gli altri) dal giornalista Raul Zibechi in un libro pubblicato nel 2016: “La nuova corsa all’oro. Società estrattiviste e rapina”. Nel presentarlo il curatore Aldo Zanchetta descrive l’estrattivismo come quel «processo che coinvolge grandi interessi privati, nazionali ed esteri, lo Stato e la finanza nelle sue varie articolazioni per accaparrar[si] le risorse presenti sui territori contro gli interessi delle comunità locali ...

Leggi tutto ...

Regolamento beni comuni di Torino: l'innovazione è un'altra cosa

Anche il Comune di Torino si appresta a deliberare un proprio regolamento dei beni comuni, strumento giuridico tramite il quale i cittadini possono interagire con beni di proprietà dell'ente che quest'ultimo ritiene di affidre loro per la relativa gestione. Il modello elaborato dal Comune di Torino risente ancora fortemente della scarsa acquisizione culturale, politica e istituzionale dell’assunto di partenza che i beni comuni sono l’opposto della proprietà, sia essa pubblica o privata ...

Leggi tutto ...

Clima, capitalismo e apparato militare

Attribuire il cambiamento climatico al capitalismo non fa certo parte del sentire comune, ma affermarlo non è più un tabù. Naomi Klein, scrittrice e attivista canadese, ha contribuito a diffondere questa idea, che ora viene espressa anche in ambiti più insoliti. Nell’agosto 2018 un gruppo di scienziati finlandesi, incaricati dal Segretario Generale delle NU, ha dichiarato che l’attuale sistema economico non è in grado di far fronte alle molteplici crisi sociali ed ecologiche ...

Leggi tutto ...

Alitalia: un salvataggio dall’esito molto incerto

Una improbabile compagine azionaria dovrebbe nuovamente salvare l’Alitalia, tra concorrenti interni come Fs, esteri su tratte lunghe come Delta e Atlantia, sotto il ricatto della concessione autostradale. Probabilmente sarebbe più “sano” privilegiare il piano Lufthansa e affrontare le ricadute occupazionali. La lunga e non brillante storia della nostra cosiddetta compagnia di bandiera si è arricchita negli ultimi tempi di un nuovo capitolo ...

Leggi tutto ...