La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

“Visti d’oro”: ecco come l’Europa apre le porte a corrotti e a criminali

Da Malta alla Spagna, numerosi Paesi Ue vendono passaporti o permessi di soggiorno a stranieri facoltosi in cambio di investimenti: un mercato che negli ultimi dieci anni ha sfiorato i 25 miliardi di euro. Transparency International e Global Witness hanno messo in fila le falle dei “Golden visas”, evidenziando scarse procedure di verifica e altissimo rischio corruzione. “Le porte dell’Europa sono aperte ai criminali e ai corrotti grazie all’opaco e mal gestito schema dei ‘visti d’oro'” ...

Leggi tutto ...

Società in crisi

Le politiche neo-liberiste hanno implicato, da questo punto di vista, una colossale regressione. Vi siamo tuttora immersi, con l’aggravante che le forze politiche che avevano sostenuto le lotte di classe per i diritti di cittadinanza, da quelli politici a quelli economici e sociali, sono diventate inconsistenti o sono state assimilate dall’ideologia dominante. Il neo-liberismo è stato il tentativo di risolvere in modo illiberale la crisi dell’accumulazione capitalistica ...

Leggi tutto ...

Il doppio regalo che riceveranno i ricchi

Natale non è poi così lontano, perché non pensare a un bel dono per i ricchi? Abbassare le tasse sui redditi alti e finanziare le spese sociali a debito è il doppio regalo che prepara il governo del “cambiamento”. Il primo, c’è chi lo chiama flat tax, è un sistema fiscale piatto, che in sostanza evita di far pagare di più a chi più ha. Il secondo regalo, all’insegna della spesa sociale a debito, fa crescere i portafogli già colmi con gli interessi riscossi sui prestiti che lo Stato deve chiedere per ...

Leggi tutto ...

Quanto ci è costata fino ad oggi la guerra in Afghanistan?

Afghanistan. Un territorio che, dal 2001, è teatro di numerosi conflitti. Una guerra in cui anche l’Italia ha preso parte e prende parte. Ma quanto è costato alle casse del nostro paese imbracciare armi e fucili? Milex – Osservatorio sulle Spese Militari ha provato a dare una risposta a questa domanda tracciando un quadro generale sull’argomento. Nel rapporto “Afghanistan. Sedici anni dopo”, pubblicato nell’ottobre 2017, si legge infatti: «Partiamo dalla premessa che calcolare in modo preciso ed esaustivo ...

Leggi tutto ...

Lo stato delle cose nel Messico in rovina

Il Messico è stato condotto per decenni letteralmente alla rovina. Oggi, perché i capitali finanziari realizzino profitti straordinari e si mantenga l’equilibrio macroeconomico che esige il FMI, gran parte della gente deve (e dovrà) lottare per la sopravvivenza. Milioni di persone sono dovute fuggire per andare a cercare di rifarsi una vita altrove. La corruzione e la violenza che devastano il paese non riguardano soltanto i vertici. Sono partite da lì, ma adesso investono la società intera ...

Leggi tutto ...

La capitale mondiale dei droni

Oltre cinquecentocinquanta attacchi con missili a guida laser e Gps; centinaia di omicidi extragiudiziali di presunti “combattenti Isis”; top secret il numero delle “vittime collaterali”, donne, bambini, anziani rei di essersi trovati nel luogo sbagliato al momento sbagliato. Questo il bilancio ufficiale delle operazioni in Libia condotte dal 2011 dalle forze armate Usa con l’utilizzo dei droni killer buona parte dei quali decollati dalla base aerea siciliana di Sigonella (Siracusa), ormai nota in ambito militare come la “capitale mondiale dei droni” ...

Leggi tutto ...

I (brutti) fratelli del CETA: conoscerli per evitarli

Non c’è soltanto il CETA a richiedere la massima attenzione del governo italiano. La Commissione europea sta infatti portando avanti una pletora di accordi di libero scambio con paesi o blocchi di paesi di tutto il mondo. L’impianto generale è sostanzialmente lo stesso del trattato tossico Ue-Canada, così come i tanti potenziali effetti negativi. Per offrire un quadro completo ai cittadini e alle istituzioni, la Campagna Stop TTIP Italia lancia oggi “Dalle dichiarazioni ai fatti: perché dobbiamo fermare il CETA e tutti i suoi (brutti) fratelli“ ...

Leggi tutto ...

A cosa assomiglierà la relazione transatlantica che sta preparando Donald Trump?

Attualmente, la multipolarizzazione del pianeta passa per la fase di bipolarizzazione anticipata dal 2009 qualora l’Europa non riuscisse a riposizionarsi in modo intelligente nella chiara consapevolezza della grande riconfigurazione geopolitica globale. Dopo essersi occupati del Medio Oriente (al momento senza successo poiché il regime iraniano non ha ancora ceduto – anche se le sanzioni cominceranno a essere messe in pratica a novembre), gli Stati Uniti di Trump hanno cominciato seriamente ...

Leggi tutto ...

Tap, l’analisi costi-benefici non esiste

Ricordate la recente lettera al governo del Movimento No Tav, che ha svelato come lavori e burocrazie per la Torino-Lione siano molto attivi, nonostante diversi annunci? In Salento, fanno sapere i No Tap, pare che le cose non siano molto differenti. Intanto per i “grandi” media non ci sono dubbi: i vantaggi dell’opera sono certi, peccato che, ora è ufficiale, l’approvazione dell’opera Tap sia avvenuta senza attivare alcuna analisi, documentabile e verificabile, degli effettivi benefici ...

Leggi tutto ...

A dieci anni dal crollo

Il 15 Settembre 2008 è la data convenzionalmente associata all'inizio dell'ultima grande crisi finanziaria ed alla Grande recessione (anche se, nel corso dell'anno e mezzo precedente, vi erano stati in vari Paesi diversi fallimenti di istituti finanziari) i cui effetti si sono propagati fino ad oggi. Quel giorno venne dichiarato l'avvio della procedura fallimentare del quarto gruppo bancario di investimento statunitense, Lehman Brothers, travolto dalle perdite legate alla crisi dei mutui immobiliari ...

Leggi tutto ...