La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Fine 2018: Il momento della verità… o come l’ASEAN salverà il mondo

Rafforzamento della relazione transatlantica, manipolazioni da una parte all’altra, schermaglie tra unità navali cinesi e americane nel Mare della Cina, guerra commerciale, presa di potere di estreme destre rigide, grossi campanelli d’allarme sui mercati finanziari … Sembra proprio che il mondo sia sul punto di cambiare in qualcosa di radicalmente nuovo: esplosione dei mercati? Guerra fredda? Guerra calda?… O il travaglio del parto?

Leggi tutto ...

Quanto potranno inquinare le auto?

Il futuro dell’auto è segnato da incertezze su tecnologie, mercati e sui vincoli che verranno per le emissioni inquinanti. La Germania spinge l’Europa a rallentare i cambiamenti in programma. Certamente, come è del resto ampiamente noto, oggi l’industria dell’auto è soggetta a dei cambiamenti molto accentuati e molto rapidi. Da una parte si assiste a una continua accelerazione nella crisi della motorizzazione diesel e a progressi altrettanto veloci nel decollo dell’auto elettrica ...

Leggi tutto ...

La guerra occultata dell’estrattivismo

Difendere la terra, a cominciare da quella dei territori in cui si vive, proteggere le relazioni sociali e con la natura non assoggettate alle insaziabili esigenze di estrazione del valore, ovunque e a qualsiasi prezzo, è da tempo un atto di resistenza a una guerra. Una guerra non apertamente dichiarata ma violenta e implacabile, come dimostra il livello di repressione messo in atto dagli apparati degli Stati quando si tratta di proteggere gli interessi dell’industria mineraria in Perù ...

Leggi tutto ...

Genova e la storia di una privatizzazione

Storia dell'ingegner Morandi, della Gronda, di una città spaccata e di una privatizzazione. Perché per la manutenzione ordinaria del ponte Polcevera sono stati spesi 24 milioni di euro dal 1982 ai nostri giorni: il 98% prima del 1999, quando le autostrade erano pubbliche. Il nuovissimo cavalcavia sul Polcevera fu inaugurato a Genova il 31 luglio 1967. Da Saragat. Sei mesi prima, in gennaio, era crollato il famoso ponte di Ariccia, cittadina presso Roma, sull’Appia ...

Leggi tutto ...

“Visti d’oro”: ecco come l’Europa apre le porte a corrotti e a criminali

Da Malta alla Spagna, numerosi Paesi Ue vendono passaporti o permessi di soggiorno a stranieri facoltosi in cambio di investimenti: un mercato che negli ultimi dieci anni ha sfiorato i 25 miliardi di euro. Transparency International e Global Witness hanno messo in fila le falle dei “Golden visas”, evidenziando scarse procedure di verifica e altissimo rischio corruzione. “Le porte dell’Europa sono aperte ai criminali e ai corrotti grazie all’opaco e mal gestito schema dei ‘visti d’oro'” ...

Leggi tutto ...

Società in crisi

Le politiche neo-liberiste hanno implicato, da questo punto di vista, una colossale regressione. Vi siamo tuttora immersi, con l’aggravante che le forze politiche che avevano sostenuto le lotte di classe per i diritti di cittadinanza, da quelli politici a quelli economici e sociali, sono diventate inconsistenti o sono state assimilate dall’ideologia dominante. Il neo-liberismo è stato il tentativo di risolvere in modo illiberale la crisi dell’accumulazione capitalistica ...

Leggi tutto ...

Il doppio regalo che riceveranno i ricchi

Natale non è poi così lontano, perché non pensare a un bel dono per i ricchi? Abbassare le tasse sui redditi alti e finanziare le spese sociali a debito è il doppio regalo che prepara il governo del “cambiamento”. Il primo, c’è chi lo chiama flat tax, è un sistema fiscale piatto, che in sostanza evita di far pagare di più a chi più ha. Il secondo regalo, all’insegna della spesa sociale a debito, fa crescere i portafogli già colmi con gli interessi riscossi sui prestiti che lo Stato deve chiedere per ...

Leggi tutto ...

Lo stato delle cose nel Messico in rovina

Il Messico è stato condotto per decenni letteralmente alla rovina. Oggi, perché i capitali finanziari realizzino profitti straordinari e si mantenga l’equilibrio macroeconomico che esige il FMI, gran parte della gente deve (e dovrà) lottare per la sopravvivenza. Milioni di persone sono dovute fuggire per andare a cercare di rifarsi una vita altrove. La corruzione e la violenza che devastano il paese non riguardano soltanto i vertici. Sono partite da lì, ma adesso investono la società intera ...

Leggi tutto ...

La capitale mondiale dei droni

Oltre cinquecentocinquanta attacchi con missili a guida laser e Gps; centinaia di omicidi extragiudiziali di presunti “combattenti Isis”; top secret il numero delle “vittime collaterali”, donne, bambini, anziani rei di essersi trovati nel luogo sbagliato al momento sbagliato. Questo il bilancio ufficiale delle operazioni in Libia condotte dal 2011 dalle forze armate Usa con l’utilizzo dei droni killer buona parte dei quali decollati dalla base aerea siciliana di Sigonella (Siracusa), ormai nota in ambito militare come la “capitale mondiale dei droni” ...

Leggi tutto ...

I (brutti) fratelli del CETA: conoscerli per evitarli

Non c’è soltanto il CETA a richiedere la massima attenzione del governo italiano. La Commissione europea sta infatti portando avanti una pletora di accordi di libero scambio con paesi o blocchi di paesi di tutto il mondo. L’impianto generale è sostanzialmente lo stesso del trattato tossico Ue-Canada, così come i tanti potenziali effetti negativi. Per offrire un quadro completo ai cittadini e alle istituzioni, la Campagna Stop TTIP Italia lancia oggi “Dalle dichiarazioni ai fatti: perché dobbiamo fermare il CETA e tutti i suoi (brutti) fratelli“ ...

Leggi tutto ...