La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Per ricevere le notizie via email iscriviti a FabioNews selezionando la lista "Mio e Nostro - Economia".

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

Cosa potrebbe cambiare in peggio dopo il coronavirus

Cosa non siamo e cosa non vogliamo. Meglio sarebbe chiarire fin da subito il peggioramento che non vorremmo vedere una volta finita l’epidemia: dalla cementificazione delle grandi opere ad un approfondimento delle diseguaglianze, ad un più ampio digital divide. In queste settimane moltissimi commentatori si ingegnano a prevedere come e perché, dopo l’esperienza del coronavirus, le cose dovrebbero cambiare in meglio; e questo in molti campi, da un rinnovato intervento dello Stato nell’economia ...

Leggi tutto ...

Alle porte di un nuovo ordine mondiale

Lo scenario mondiale che disegna la pandemia in un’analisi che adotta una prospettiva geopolitica. Siamo entrati pienamente in una fase di caos sistemico, la condizione che sembra poter precedere la formazione di un nuovo e niente affatto migliore ordine mondiale. Le principali tendenze planetarie che si erano mostrate con una certa rilevanza sembrano adesso poter cambiare di passo con un’accelerazione inedita di grandi processi. Come quello che spinge la Cina e l’intera area dell’Asia ...

Leggi tutto ...

L’epidemia benedetta dai mercati

Nel maggio 2017, nella Repubblica democratica del Congo ricompare il virus dell’ebola, il cui focolaio era stato ritenuto spento in Africa Occidentale, è in questo frangente che la Banca Mondiale decide di istituire un Fondo, denominato PEF (Pandemimic Emergency Financial Facility), col compito di concedere somme a fondo perduto ai paesi più poveri colpiti da emergenze sanitarie: ebola, ma anche coronavirus come quella della Sars che colpì la Cina nel 2002-2003 ...

Leggi tutto ...

Dopo il Coronavirus niente sarà più come prima?

La speranza è che, passata la tempesta sanitaria, economica e finanziaria scatenata dal diffondersi di Covid-19, le cose cambino per il meglio. Eppure, in Italia, in Europa e a livello globale, ci sono molti segnali niente affatto incoraggianti che lasciano pensare a un’ulteriore, prossima involuzione. Sui giornali e in televisione cresce il numero dei commentatori che sottolineano come la crisi del coronavirus abbia mostrato le gravi carenze dell’attuale modello di sviluppo ...

Leggi tutto ...

Economia, istituzioni e moneta: i rapporti globali stravolti dal virus

La pandemia cambia radicalmente i rapporti globali e l’Europa in primis deve capirlo, adoperando quanti più strumenti possibili, senza timore di aumentare il debito o di creare liquidità, perché è evidente che ormai la normalità, i canoni, i patti sono stati definitivamente superati. Non è davvero possibile che la fondamentale comunicazione sulla diffusione di Covid-19 venga data in pasto a show televisivi di carattere generalista ...

Leggi tutto ...

L’economia mondiale e il decreto “Cura Italia”: La macchina del debito continua

Il numero dei morti da covid-19 angoscia e rende ancora più drammatica la situazione di restrizione a cui giustamente siamo sottoposti. A preoccupare è anche però la situazione economica a cui si cerca di far fronte con le misure varate dal governo che si inseriscono in un contesto sociale in gravissima difficoltà. L’economia mondiale, a distanza di 13 anni dalla disastrosa crisi finanziaria, sta vivendo la più grande crisi economica dovuta ad un calo della domanda che potrà essere affrontata solo con ...

Leggi tutto ...

La Brexit rilancia l’Unione Europea

L’uscita del Regno Unito dall’unione Europea, contrariamente a quanto generalmente si pensi e scriva, può rilanciare il progetto europeo, altrimenti giunto al capolinea. La creazione di un comune sentire europeo è stato impedito finora da molti fattori, che possono essere ricondotti a due tipologie tra loro interconnesse: quelle di tipo identitario, quelle geopolitiche. L’Unione Europea dev’essere una semplificazione all’interno dell’entità geopolitica definibile “Occidente” ...

Leggi tuto ...

Trattati Virali: i legami fra nuovo TTIP, salute e precauzione ai tempi del Coronavirus

Esce oggi “Trattati Virali“, il nuovo rapporto della Campagna Stop TTIP Italia che mette in chiaro le ragioni per cui il nuovo TTIP e gli altri accordi commerciali stanno indebolendo il principio di precauzione e mettono a rischio cibo e salute. Quella proposta nel documento è una disamina ragionata sui nessi fra politiche commerciali e rischi per la salute e la sicurezza alimentare. Il rapporto parte dagli ultimissimi dati delle Nazioni Unite, che disegnano un quadro preoccupante per l’economia mondiale ...

Leggi tutto ...

Cosa diranno Chiara, Silvia e Luca

Eni ha fatto sapere che il suo picco di produzione di petrolio e gas sarà raggiunto nel 2025. Ha anche detto che poi punterà solo sul gas. E che compenserà la produzione di Co2 con le sue foreste. Ma la pubblicità non parlava di svolta green? Che il gas non sia un combustibile pulito non è stato dimostrato da molti e da molto tempo? E che le foreste di cui parla Eni esistano già e che in realtà saranno solo acquistate? Qualcuno, per favore, parli con Chiara, Silvia e Luca, i ragazzi attenti all’ambiente degli ossessivi spot di Eni ...

Leggi tutto ...

Il Coronavirus e la seconda grande frana della globalizzazione

La prima, quella del 2008 appunto, è dipesa dall’ipertrofia della finanziarizzazione; troppi titoli tossici in giro, troppi rischi non controllabili, troppa economia di carta. La seconda, quella attuale, dipende dalla diffusione di un’epidemia che sta paralizzando la circolazione di merci, persone e capitali. Quanto lo scenario mondiale stia cambiando rapidamente è testimoniato da un dato molto significativo. Le quotazioni dell’oro, il bene rifugio per eccellenza, sono crollate in un giorno del 3% ...

Leggi tutto ...