Anche i Comuni per la risocializzazione di Cassa Depositi e Prestiti

MAG4 appoggia la decisione del Comune di Montefalcone del Sannio (CB) di chiedere al Governo e al Parlamento di risocializzare la CDP.

Stemma Montefalcone del SannioIn data 25/11/13 Montefalcone del Sannio, primo Comune in Italia, ha approvata la proposta di delibera promossa dal forum Per una nuova finanza pubblica e sociale

La delibera impegna i Comuni a lottare, nelle sedi opportune, contro la svendita del patrimonio pubblico. Infatti si sta assistendo, a causa dei vincoli imposti dal patto di stabilità, che ha ridotto notevolmente il raggio d'azione dei comuni, ad un processo di privatizzazione dei principali servizi pubblici. Questo processo, però, ha la sua matrice nel passato. Per una nuova finanza pubblica e socialeInfatti nel 2003, grazie alle decisioni del governo di allora ed all'inerzia dei governi che si sono succeduti, CDP passa dall'essere ente di diritto pubblico ad ente di diritto privato.

Cassa Depositi e PrestitiNata con l'intento di tutelare il risparmio e favorire, attraverso prestiti a tassi agevolati ai comuni, lo sviluppo economico-sociale dei nostri territori, CDP, con i suoi 240 miliardi, frutto del risparmio di 12 milioni di famiglie italiane, è diventata preda e strumento della finanza speculativa. Infatti con l'ingresso al proprio interno delle fondazioni bancarie non solo ha smesso di svolgere quei compiti per i quali è nata, ma sta favorendo con i suoi investimenti in fondi privati lo smantellamento del patrimonio pubblico.

MAG4 aderisce attivamente alla campagna per la socializzazione di CDP che, tra le varie iniziative messe in atto, chiede che siano i Comuni a dare linfa a nuove politiche economico-sociali. Nelle sedi opportune, dovranno impegnarsi affichè venga impedito, con la scusante del patto di stabilità, lo smantellamento del patrimonio pubblico.Dovranno inoltre rivendicare che CDP, unico e vero salvadanaio pubblico, torni ad essere ente di diritto pubblico con la fuoriuscita delle fondazioni bancarie, con decentramento regionale, territoriale e partecipativo della gestione dei fondi a disposizione.

MAG4 crede sin dalla sua nascita che principi quali autogestione, partecipazione,trasparenza e democraticità debbano essere concetti che vengano applicati concretamente per la costruzione di nuovi modelli economici sia nella sfera pubblica che privata. Inoltre una ridefinizione della struttura e del modo di operare di CDP può essere sia un valido strumento per ridefinire nuovi percorsi democratici, che vadano oltre al solo concetto di rappresentanza, sia essere il volano per un maggior sviluppo della finanza mutualistica e solidale.

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter