La crisi non ha sorprendentemente, almeno sino ad oggi, un nome “ufficiale” e riconosciuto. Se ti interessano i segnali economico-finanziari, sempre più evidenti, di questa crisi ...

Gli articoli possono essere aggiunti da tutti i soci previo Login.

ABEconomia e lo stato del Giappone

Quando il Primo Ministro Shinzo Abe fu costretto a dimettersi nel settembre 2007, aveva concentrato i suoi sforzi su una forte politica estera, contro l’articolo costituzionale 9 sulla pace, riscrivendo la storia e un‘educazione patriottica, ma non riguardo a un miglioramento economico. Questa volta Abe ha aggiunto una forte dottrina economica, soprannominata abeconomia; che comprende l’iper-capitalistica TPP, Partnership Trans-Pacifica ...

Leggi tutto ...

La Bce torna a tagliare i tassi, ma "il cavallo non beve"

Mossa obbligata, quella della Bce. Oggi ha ridotto il tasso di interesse base di un quarto di punto, portando alla soglia minima di sempre da quando esiste l'euro: 0,5%. Di fatto regala denaro. Se si tiene presente il tasso di inflazione annuo attuale (oltre il 2% per l'eurozona, un po' di più per l'Italia) si fa presto a vedere che chi chiede oggi un prestito alla Bce tra un anno - se dovesse aspettare quella scadenza - restituirebbe indietro circa l'1,5% in meno. Senza aver fatto nulla ...

Leggi tutto ...

Chi sostiene l’onorevole

Tutto quello che c'è da sapere su Vedrò, il think tank di Enrico Letta e Angelino Alfano, insieme dal 2005. È una delle fondazioni e associazioni guidate da politici, che non sono tenute alla trasparenza sulla provenienza dei contributi che ricevono. Gianni Alemanno è presidente di una fondazione. Lo sapevate? Si chiama “Nuova Italia”, “aderente al Popolo della Libertà”, riconosciuta dal 2005: talmente animata dal pubblico interesse da tener gelosamente segreto il proprio bilancio ...

Leggi tutto ...

Una pseudo-tassa per non impensierire la finanza

Nuovi attacchi contro la tassa sulle transazioni finanziarie (TTF). Il primo arriva dalla Gran Bretagna della City di Londra, centro nevralgico della finanza globale e da sempre strenua oppositrice di qualsiasi forma di regolamentazione o controllo. Nei giorni scorsi il governo inglese, sostenuto dal Lussemburgo, è arrivato addirittura a muovere un'azione legale presso la Corte di Giustizia Europea per bloccare la proposta avanzata dalla Commissione Europea ...

Leggi tutto ...

I veri paradisi fiscali

Qualche settimana fa abbiamo pubblicato un articolo nel quale sostenevamo, tra l’altro, una tesi – certo non inventata da noi – secondo la quale tutto questo parlare di paradisi fiscali facendo riferimento prevalentemente a qualche isola sperduta nell’oceano era per la gran parte fumo negli occhi, un insieme di chiacchiere portate avanti per nascondere il fatto di base che i paradisi fiscali più importanti sono, in realtà, sotto la giurisdizione di paesi quali la Gran Bretagna e degli Stati Uniti ...

Leggi tutto ...

Debiti e papere. I problemi veri dietro i numeri magici

La sconfessione delle tesi di Reinhart e Rogoff ci dice che non esistono formulette buone per tutti gli usi, a proposito di debiti. E prima ancora che nei conteggi, la loro teoria era stata smontata in varie sedi. Da quando è scoppiata la crisi, il tema del debito, prima relegato ai margini dell’attenzione, ha conquistato con prepotenza il palcoscenico dell’informazione non solo economica, ma anche politica, internazionale ...

Leggi tutto ...

GEAB 74 - Sommario - Crisi sistemica globale - Ormai è guerra dichiarata tra il mondo politico economico e la sfera bancario-finanziaria

Siamo probabilmente all'inizio di un periodo di panico nel quale tutte le posizioni speculative verranno abbandonate. Se realmente sta accadendo un collasso del tipo di quello accaduto nel 2008, la domanda da porsi è: da dove potranno mai arrivare le migliaia di miliardi che hanno salvato in extremis il sistema finanziario nel 2009? Secondo il metodo dell’anticipazione politica, la datazione di un punto di rottura si effettua identificando i periodi ad alto rischio nei quali la più piccola scintilla da' fuoco a tutte le polveri ...

Leggi tutto ...

Austerità globale, 5,8 miliardi i colpiti

L’austerità e i tagli alla spesa pubblica non colpiscono solo l’Europa, sono diventate la regola nella maggior parte dei paesi del mondo, toccano 5,8 miliardi di persone. I più colpiti sono sempre i più deboli. Nel dibattito degli ultimi mesi spesso sembra che le politiche di austerità siano prerogative dell'Unione europea. È vero che le istituzioni europee e la Troika (Commissione europea, Bce e Fmi) si sono contraddistinte per una visione a senso unico della crisi e soprattutto di come uscirne ...

Leggi tutto ...

Il mondo continua ad investire sulla guerra

Il totale della spesa militare mondiale (i già ricordati 1750 miliardi di dollari equivalenti al 2.5% del PIL mondiale) costituiscono il massimo storico dal punto di vista del totale nominale, ma sperimentano per la prima volta dal 1998 una leggera derescita in termini reali: 0,5% in meno rispetto all’anno scorso. Per il SIPRI, nel 2012, i Governi di tutto il mondo hanno speso 1750 miliardi di dollari per mantenere le proprie strutture militari ...

Leggi tutto ...

Tanti rischi, poche regole al casinò della finanza

Le banche non hanno imparato nulla dalla crisi. Continuano ad accumulare rischi da scaricare sul resto dell’economia e sullo Stato. Un gigantesco casinò ha preso il posto della finanza: è ora di chiuderlo. “Alla ricerca di aiuto, le banche spostano i rischi negli angoli più oscuri” (dei mercati finanziari). È il titolo di un articolo apparso in questi giorni sul New York Times. Il buon senso vorrebbe che in un momento di difficoltà si diminuisse l'esposizione al rischio. Al contrario ...

Leggi tutto ...

Def, l’austera ricetta del governo prorogato

Il governo Monti ha presentato il Documento di Economia e Finanza: le politiche non cambiano, le previsioni sui conti pubblici sono poco credibili, la recessione viene sottovalutata. Il quadro macroeconomico e di finanza pubblica delineato prima nella nota di aggiornamento del Def – il Documento di Economia e Finanza del governo – del 21 marzo 2013, poi nel Def del 10 aprile 2013, con annesso Pnr (Programma nazionale di riforma), costituiscono l’impalcatura di riferimento dell’azione della pubblica amministrazione ...

Leggi tutto ...

Italia, è tornata l’eurocrisi

I conti italiani peggiorano, la recessione si aggrava, il vuoto politico complica tutto. Dopo il pasticcio di Cipro, la crisi europea torna alla ribalta a Madrid e Roma, con banche fallite e debito che cresce. Ieri il governo Monti ha annunciato che per il 2013 prevede un rapporto deficit/Pil al 2,9% e debito/Pil al 130,4%; con la recessione destinata a durare per tutto l’anno, la precarietà dei conti italiani torna in primo piano ...

Leggi tutto ...

Perché l’Occidente non riesce a capire la realtà?

Siamo già piuttosto addentro in un mondo economicamente dominato dai BRIC, aggiungendo la S del Sud-Africa per chiarire il messaggio: Sud-Sud-Sud contro neppure un miliardo di abitanti del NordOvest del mondo + il Giappone; militarmente è solo una questione di tempo prima che i primi droni colpiscano gli USA, come seguito all’11 settembre 2001, e chiunque si dedichi a esecuzioni extragiudiziarie ...

Leggi tutto ...

Gli dei delle privatizzazioni

Pubblichiamo l’introduzione del nuovo libro di Marco Bersani  «Catastroika. Le privatizzazioni che hanno ucciso la società» (Edizioni Alegre), un’indagine sui diversi e sciagurati effetti, prodotti a livello globale, dalle politiche di finanziarizzazione e privatizzazione dell’economia. All’alba del terzo millennio, la crisi ci ha improvvisamente trasportati, senza che ce ne accorgessimo, agli albori della civiltà occidentale, nell’antica Grecia ...

Leggi tutto ...

Liquidità globale record: 54mila miliardi

Più che banche centrali, sembrano ormai moderne incarnazioni di Babbo Natale: da anni regalano infatti ai mercati finanziari liquidità a costo quasi zero. Denaro facile. Dal giugno 2007, quando la grande crisi finanziaria iniziava a mostrare i primi sintomi, le banche centrali di tutto il mondo hanno infatti iniettato 22.300 miliardi di dollari. La quantità di liquidità, secondo l'aggregato M2 globale calcolato da Bloomberg, è aumentata in meno di 6 anni del 70% ...

Leggi tutto ...

Il peso della finanza sull'economia reale

La finanza nasce come strumento a servizio della collettività e dei cittadini, quindi della cosiddetta economia reale. Ma nella realtà abbiamo oramai un sistema finanziario completamente svincolato dall’economia reale, un sistema finanziario sempre più ipertrofico, diventato un multiplo del PIL mondiale. Di seguito un’illustrazione riportante i bilanci delle Banche in alcuni Paesi e territori europei espressi in % rispetto al PIL ...

Leggi tutto ...

Hera e la cattiva strada delle multiutility

La bolognese Hera cresce a ritmi record, concentrando i servizi locali di acqua, energia, gas e ambiente. Ma è un modello sbagliato, con troppa finanza, senza democrazia. Hera spa è un’azienda con sede sociale a Bologna, nata nel 2002 dalla fusione di 12 aziende municipalizzate operanti in Emilia Romagna; è attiva della distribuzione del gas, dell’acqua, dell’energia e nello smaltimento dei rifiuti in Emilia Romagna e nelle Marche, ma si sta espandendo anche al di fuori di queste regioni ...

Leggi tutto ...

Se la Troika ascoltasse la Troika

Le analisi di Fmi e Bce confermano che la crisi non è legata a eccessi di spesa pubblica e welfare. Perché le ricette di politica economica continuano ad andare nella direzione opposta? L'Europa si divide in due. Da un lato i Paesi del Sud. Le cicale. Fannulloni e pigri, non lavorano e hanno una bassa produttività, spendono troppo per welfare e stato sociale. Sono loro i responsabili della crisi e ora devono stringere la cinghia e accettare giusti e inevitabili sacrifici ...

Leggi tutto ...

Le lontane radici della disuguaglianza italiana

Il viaggio nelle idee sbagliate che infestano l’economia – quelle che Paul Krugman chiama “idee scarafaggio” – ci porta alla disuguaglianza. Un fenomeno che dura da vent’anni. Molti commentatori sostengono che la diseguaglianza è un effetto della crisi: in realtà la diseguaglianza in Italia viene da lontano. Guardiamo l'andamento dell'indice di Gini – che misura la disuguaglianza complessiva tra i redditi delle persone – tra il 1977 e il 2010 ...

Leggi tutto ...

Soluzione mediocre per Cipro, pessima per l'Europa

Una tempesta globale nata in un bicchier d'acqua: una crisi finanziaria che vale lo 0,1% del Pil europeo. Ecco cosa ci insegna l'improvvisazione europea su Cipro, e perché dobbiamo preoccuparcene. Poco tempo fa il presidente francese Hollande entrò in polemica con la Bce, sostenendo che un euro troppo forte danneggia la competitività delle economie europee, perché rende le nostre merci più costose per chi le acquista all’estero. Nel mezzo della crisi di Cipro ...

Leggi tutto ...

Il pesce d'aprile nella Cassa

La vicenda della conversione della partecipazione azionaria delle fondazioni bancarie in Cassa depositi e prestiti (Cdp), si è chiusa il primo d’aprile con le “povere” fondazioni che l’hanno spuntata risparmiando due miliardi di euro. A fine gennaio, secondo i criteri stabiliti dal decreto “Sviluppo due”, la Cdp ha deliberato il tasso di conversione in azioni ordinarie delle azioni privilegiate in mano a 65 fondazioni bancarie ...

Leggi tutto ...

Chiudiamo l’Ocse

Moltissimi sanno genericamente dell’esistenza dell’Ocse, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, ma pochi sanno forse veramente cosa essa faccia in concreto. Possiamo dire, in forma molto sintetica, che il suddetto organismo, creato dopo la seconda guerra mondiale e riformato sostanzialmente  nel 1961,  ha in pratica  un ruolo essenzialmente consultivo sul fronte del coordinamento delle politiche economiche dei vari stati membri, che raggiungono oggi il numero di 34 ...

Leggi tutto ...

La forza di gravità - Sistema economico stato e famiglia

Un bell’articolo dal blog Sovereignman, intitolato "Fare la fine dei Jones", paragona i conti della famiglia Jones a quelli di uno stato, con la (ovvia) conclusione che quando le entrate sono minori delle uscite si fa bancarotta. Per lo Stato vale la stessa regola che vale a casa Jones, di facile conclusione, anche senza perdersi nel ripetere l’esempio numerico ...

Leggi tutto ...

“Barili di carta”: le materie prime in balia del casinò

Le recenti fluttuazioni dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali non sono giustificate dalle dinamiche produzione-consumo. Piuttosto, sono il risultato delle scommesse che la finanza effettua sui mercati a futuro. A partire dalla seconda metà degli anni Duemila, i prezzi delle materie prime sui mercati internazionali hanno registrato delle fluttuazioni sorprendenti, interrompendo una lunga fase di stabilità e moderazione che durava da oltre due decenni ...

Leggi tutto ...

GEAB 73 - Sommario - Crisi sistemica globale 2013: L'enorme nebbia della statistica rende necessario il passaggio dagli strumenti alla navigazione a vista

Nelle tendenze Up & Down pubblicate nel GEAB di gennaio, il nostro team aveva posto gli "Indicatori economici" nella sezione Down con la seguente argomentazione: «Fra gli indicatori economici a breve termine che descrivono solamente ciò che si è verificato nel corso della settimana, quelli che sono manipolati dai governi per riflettere il messaggio che essi vogliono dare e, infine, quelli che non hanno ormai più alcuna rilevanza nel mondo di oggi, la realtà economica che da queste cifre ne risulta ...

Leggi tutto ...

La minaccia cipriota

«Siamo in una situazione di estrema emergenza come non accadeva dall’invasione turca del 1974», ha detto il presidente della Repubblica di Cipro, Nikos Anastasiadis, in vista del voto del parlamento di Nicosia sulla proposta di salvataggio europeo. La proposta prevede un prelievo forzoso sui conti correnti dell’isola. Cipro «terrozizza i mercati», «affonda le borse» e «fa volare lo spread» mentre nel piccolo paese, ricco anche grazie ai depositi milionari di alcune famiglie russe, c’è la corsa ai bancomat ...

Leggi tutto ...

Vendesi missili, offresi radar

Il 26 marzo comincia in Sudafrica il vertice dei Brics: Brasile, Russia, India, Cina e Sudarfrica. Darà vita alla prima Banca dei paesi «in via di sviluppo» riuniti nell’accordo multilaterale. Con l’economia, si rafforzano, naturalmente, anche gli accordi di cooperazione militare. Il Brasile, in particolare, scommette sulla diversificazione delle alleanze e aumenta la spesa militare. Tra i partner privilegiati, spicca la Russia di Putin ...

Leggi tutto ...

Il lungo secolo del malaffare

Politica, economia e corruzione si intrecciano in un perverso ritorno di cicli ventennali. Dalla lettura del passato ci attende un altro passaggio difficile in cui verranno modificati i rapporti di forza politici. L’Italia attraversa negli ultimi mesi un periodo di forte discontinuità non solo per la fase più strettamente politica ma anche dal punto di vista economico e istituzionale. I tre ambiti sono interconnessi e ancor di più risentono nel loro insieme della congiuntura e del sentiment internazionale ...

Leggi tutto ...

Il Sequester come questione geopolitica

Solitamente, ed è la stessa Stratfor a spiegarlo, la società privata statunitense di intelligence non si occupa di questioni interne. L’entrata in vigore da ieri dei tagli lineari al bilancio Usa per il mancato accordo sulla riduzione del deficit ha tuttavia “un significato geopolitico”. Metà degli 85 miliardi per l’anno fiscale in corso e dei 1.200 miliardi nei prossimi dieci anni saranno tagliati dal budget della difesa ...

Leggi tutto ...

Usa, scattano i tagli alla spesa federale

Obama non ce l'ha fatta: non è stato raggiunto alcun accordo con i repubblicani e i tagli automatici alla spesa statunitense sono entrati in vigore (a mezzanotte ora americana, all'alba di sabato in Italia). Il presidente ha provato a tranquillizzare il Paese: anche se il «sequester» - il taglio automatico di 85 miliardi di dollari alla spesa federale - non causerà un'altra crisi finanziaria, si farà sentire sull'economia americana ...

Leggi tutto ...

Le banche alimentari in Gran Bretagna

I paesi ricchi sembrano per molti aspetti destinati a trovarsi in sempre maggiori difficoltà non solo economiche, ma anche “strategiche”, sia per lo svilupparsi di rilevanti contraddizioni al loro interno. Difficoltà che le attuali classi dirigenti non sembrano riuscire a gestire al meglio, incapaci di fronteggiare l’incalzare crescente dei paesi emergenti, con la loro grande spinta volta a migliorare le loro condizioni di vita ...

Leggi tutto ...

Finanza tossica: per una vera tassa antispeculazione

I derivati italiani valgono più di 5 volte il nostro Pil, e sono cresciuti del 13% in un anno. E'tempo della Tobin Tax: ma proprio come Tobin la pensò, non nella versione light del governo Monti. È ormai noto il peso colossale che hanno assunto gli strumenti finanziari derivati sui mercati globali: a fine 2011, il loro controvalore superava i 750 mila miliardi di dollari. La cifra si riferisce al cosiddetto “nozionale”, il valore dei titoli, indici, valute, merci cui fanno riferimento i contratti ai quali i derivati sono collegati ...

Leggi tutto ...

Caccia #F35 a terra, con le sue false promesse

Dopo gli ennesimi problemi tecnici legati al Joint Strike Fighter emersi negli Usa, la Rete italiana per il Disarmo torna a chiedere al governo italiano di uscire immediatamente dal programma. A questo link il dossier che raccoglie tutti gli articoli pubblicati dedicati da Ae al tema. "Adesso basta: pretendiamo di non essere più presi in giro con false promesse e con giustificazioni insensate. L'Italia deve uscire dal programma JSF per i caccia F-35 immediatamente" ...

Leggi tutto ...

Tasse, elusori multinazionali

Forse lo sospettavate, ma ora è certo: voi pagate molte più tasse delle imprese multinazionali. Lo ha scoperto l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) che ha ricevuto nel giugno 2012 dai G20 l’incarico di vederci più chiaro tra imposte e gabelle che imprese e cittadini pagano in tutto il pianeta. Così qualche giorno fa è stato pubblicato lo studio Addressing Base Erosion and Profit Shifting (Beps) che ci ha rivelato che alcune multinazionali ...

Leggi tutto ...

La guerra delle valute al G20

Alla riunione di Mosca del G20, al centro del dibattito ci sono e le svalutazioni competitive, il nuovo cruccio più o meno dichiarato dei ministri della Finanza e dei banchieri che vi prenderanno parte. Una moneta debole favorisce l’economia interna di una nazione, a discapito tuttavia degli altri Paesi, e nessun limite è stato finora stabilito all’attuazione di una simile politica monetaria: c’è già chi comincia a parlare di una vera e propria guerra delle valute ...

Leggi tutto ...

GEAB 72 - Sommario - Secondo semestre 2013: la realtà o l'anticipazione del crollo del dollaro obbligano il mondo a riorganizzarsi su nuove basi

Così come la crisi dell'Euro ha spinto l'Europa a modernizzare la sua politica di gestione economica e finanziaria per potersi adattare alle sfide del XXI secolo, la terribile crisi del dollaro obbligherà il pianeta a trasformare l'intera struttura amministrativa mondiale, a cominciare dal sistema monetario internazionale, se si vorrà riuscire a calmare la tempesta che si appresta a scoppiare fra le valute ...

Leggi tutto ...

Finmeccanica, lo scandalo delle armi

In principio era il gruppo Iri. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel 1948 viene creata la finanziaria Finmeccanica, che diventa una delle sub-holding di un conglomerato sempre più articolato. Essa deve concentrarsi sul settore meccanico e viene comunque utilizzata dalla capogruppo come un deposito di rottami, una struttura nella quale cioè collocare delle aziende che erano a suo tempo fortemente cresciute con la guerra e che, con lo scoppio della pace, non avevano più un mercato ...

Leggi tutto ...

Se il Parlamento europeo dicesse no al bilancio

Delude il risultato del vertice dell’Unione Europea sul bilancio 2014-2020. L’8 febbraio è passata la linea dell’austerità e dei tagli. Ma il Parlamento europeo potrebbe bloccare tutto. Per la prima volta nella storia comunitaria, la spesa della Ue è stata ridotta rispetto al periodo precedente, ritornando al livello degli anni Ottanta. Le cifre complessive sono di 960 miliardi di impegni: meno 86,6 mld di euro rispetto alla proposta della Commissione e meno 69,4 mld rispetto alle prospettive finanziarie attuali ...

Leggi tutto ...

I giudici e i derivati. 160 miliardi nei conti pubblici

La Corte dei Conti denuncia il pericolo derivati e chiede agli amministratori locali di agire contro le banche che hanno venduto loro contratti derivati. Per non diventare complici. Gli enti locali che hanno sottoscritto strumenti finanziari derivati negli scorsi anni dovrebbero adottare “doverose iniziative volte alla risoluzione di contratti eccessivamente onerosi”. È uno dei passaggi della relazione del Procuratore Generale della Corte dei Conti presentata lo scorso 5 febbraio ...

Leggi tutto ...

I sei miliardi perduti da JP Morgan

Crimini, truffe e scandali della finanza emergono ormai su base quotidiana, e forse non molti ricordano il caso della “London Whale”, la balena londinese, uomo chiave della banca d’affari Usa JP Morgan. Era quello il soprannome di uno dei trader d'assalto della City, a capo dell'ufficio investimenti londinese del colosso JP Morgan Chase & Co. Il soprannome “balena” era legato alla dimensione delle transazioni che gestiva ...

Leggi tutto ...