tassi

Il tasso è aumentato o diminuito (fino al tasso minimo del 8,5% necessario per coprire i costi di gestione della struttura) in maniera corrispondente in presenza di variazioni significative (nell'ordine di almeno mezzo punto percentuale) del tasso di inflazione (Istat - Rivaluta - Strumenti - Tavole per le rivalutazioni monetarie - Variazioni percentuali medie annue dell'anno indicato rispetto all'anno precedente, 0,2% nel 2014) con variazione dell'importo della sola rata finale ed eventuale ulteriore aggiunta o soppressione di rate in coda al piano di rientro.

Il periodo di riferimento per il calcolo degli interessi è l'anno civile con interessi imputati a scadenza rata.

Condividi su

Submit to FacebookSubmit to Twitter